Come togliere le macchie di sangue

Sangue fresco o secco?

Mentre ci si trova fuori casa può capitare di procurarsi un taglietto, se poi la macchia di sangue si forma su un indumento importante o in punti ben in vista, diventa indispensabile correre ai ripari al più presto. Infatti tamponare prontamente con un panno umido il proprio capo d’abbigliamento serve a scongiurare la formazione di aloni irreversibili, purché non si usi l’acqua calda, la quale, al contrario, finirebbe di certo col fissare l’incrostazione sulla fibra.

Le soluzioni adoperate per eliminare le macchie di sangue ormai secche spesso sono più aggressive, poco adatte su tessuti delicati e non sempre funzionano su una macchia fresca. Proprio per queste ragioni è bene avere una vaga idea su come intervenire in base alle risorse a propria disposizione e al tipo di sporco e tessuto.

1- Acqua e sapone per macchie fresche

Alla domanda “come si tolgono le macchie di sangue fresco” la maggior parte delle nostre nonne risponderebbe “con acqua e sapone di Marsiglia”. Innanzitutto occorre rivolgere il tessuto verso il basso e solo allora metterlo sotto al getto di acqua fredda del rubinetto per sciogliere la macchia, in quanto l’acqua calda, invece, sortirebbe l’effetto opposto. In alternativa può essere sufficiente tamponare la chiazza di sangue con un panno umido e un cubetto di ghiaccio per far scivolare via i residui più facilmente.

Qualora il sangue non sparisse, basterà strofinarvi sopra del sapone di Marsiglia o dello shampoo fino a ottenere una densa schiuma da risciacquare dopo qualche minuto. Se arrivati a questo punto si scorgessero ancora degli aloni, si dovrà lavare il capo a freddo in lavatrice.

2- Acqua e sale sui residui ostinati

Eliminare le macchie di sangue mestruale da un indumento con acqua calda non è mai la scelta giusta e talvolta ricorrere alla fredda potrebbe non bastare, se poi si tratta del rivestimento del materasso, rimuovere l’incrostazione può diventare un’ardua impresa. Allora come togliere macchie di sangue secco da un tessuto non lavabile?

Semplicemente mescolando assieme acqua fredda e sale da cucina per ottenere abbastanza composto da coprire interamente la macchia di sangue, dopodiché è sufficiente strofinarvi sopra l’impasto ottenuto per grattare via e sciogliere lo sporco. Quando gli schizzi di sangue non saranno più visibili, basta sciacquare con acqua fredda i tessuti o rimuovere i granelli con un panno umido.

3- Intervenire con acqua ossigenata o frizzante

Può capitare a tutti di trovare una macchia di sangue sulla maglietta mentre si è fuori casa. In simili circostanze occorre versare un po’ di acqua ossigenata sulla chiazza. Questa soluzione risulta perfetta per eliminare le macchie secche da cotone e altre fibre robuste, mentre non va bene sui tessuti delicati, perché potrebbero decolorarsi o indebolirsi irrimediabilmente.

Perciò chi non sa come togliere macchie di sangue da sintetici e delicati deve solo sostituire l’acqua ossigenata con acqua frizzante. In entrambi i casi dopo un minuto appariranno delle bollicine bianche dovute al rilascio di ossigeno. La loro formazione evita che lo sporco rimanga attaccato al tessuto.

Se usando l’acqua ossigenata si rischiano danni irreparabili, ciò non è altrettanto vero con quella frizzante, la quale, anzi, funziona in modo veloce ed efficace persino sui capi più delicati.

4- Lasciare in ammollo nel succo di limone

Dissetanti e gustosi, gli agrumi sono indispensabili in qualsiasi cucina, tuttavia essi possono rivelarsi dei validi alleati anche per eliminare le macchie dai tessuti.

Se ci si sta chiedendo come togliere le macchie di sangue secche col limone, occorre innanzitutto bagnare con acqua fredda l’indumento macchiato, strizzarlo, inserirlo in un sacchetto ermetico insieme a 500 mL di succo di limone e a 100 g di sale e infine sigillare il tutto.

Per un’azione più efficace si consiglia di lasciar agire la soluzione per 10 minuti e, qualora la macchia di sangue fosse delle più difficili, strofinare. Al termine si estrae il vestito dalla busta per farlo asciugare al sole e, una volta asciutto, si procede col consueto lavaggio a mano o in lavatrice.

5- Mettere a bagno nell’aceto bianco

Un ottimo rimedio casalingo per chi non ha la più pallida idea di come togliere le macchie di sangue dai tessuti consiste nell’inumidirli con acqua fredda e poi metterli a bagno nell’aceto bianco.

Dopo all’incirca 30 minuti non resta che recuperare il capo d’abbigliamento, strofinarlo con forza in corrispondenza della macchia di sangue, sciacquarlo abbondantemente con acqua fredda e lavarlo in lavatrice o a mano, a seconda del tipo di tessuto.

6- Smacchiare a secco col dentifricio

Una macchia di sangue ormai secca sulla biancheria non è la fine del mondo, neppure qualora si trovi su tessuti non sfoderabili e lavabili come quelli di divani e materassi. Sapere come togliere le macchie di sangue secco in questi casi permette di preservare l’integrità degli arredi senza comprometterne l’aspetto.

Per quanto possa sembrare incredibile, per risolvere il problema è sufficiente spalmare sopra alla macchia del dentifricio bianco privo di coloranti, aspettare che si secchi e poi risciacquare con acqua fredda per rimuovere ogni traccia e soprattutto il caratteristico odore mentolato. Se dovessero rimanere dei residui, basterà grattarli via con uno spazzolino da denti o una spugna inumidita senza mai adoperare acqua calda.

7- Sciogliere il sangue coi rimedi chimici

Quando i segni di una ferita sembrano non voler venir via dai vestiti è normale avere dei dubbi su come eliminare le macchie di sangue. Oltre ai rimedi naturali, come acqua fredda, sale e succo di limone, può essere sfruttata l’acqua ossigenata o delle soluzioni chimiche ancor più potenti ed efficaci. Ovviamente si consiglia di non usarle su tessuti delicati, quali seta, lana e lino, ma solo su fibre resistenti, magari facendo prima una prova su un angolino.

Dentro a una bacinella di acqua fredda insieme all’abito da smacchiare è sufficiente aggiungervi bicarbonato oppure detersivo per piatti. Togliere macchie sangue secche e ostinate dai jeans è possibile, purché si metta il pantalone sporco in una soluzione composta da acqua fredda con un cucchiaino di ammoniaca o di detergenti a base di enzimi. Per un risultato ottimale si suggerisce di lasciare in ammollo per diverse ore, strofinando la macchia ogni tanto, e infine lavare come di consueto.