Migliore carrello porta attrezzi del 2022

Migliore carrello porta attrezzi del 2022

Indipendentemente dal tipo di attività cui il lavoratore si dedica, si tratti dell’ambito prettamente professionale oppure di semplice hobbystica, egli avrà l’esigenza di poter organizzare al meglio la propria attrezzatura. Esistono molte possibilità in tal senso, ma un carrello porta attrezzi come il versatile Einhell TC-TW 100 di certo potrà configurarsi come una delle opzioni più interessanti poiché, grazie al notevole spazio interno e alla discreta portata totale, consentirà di stoccare con facilità un buon numero di oggetti da lavoro.

Confronto dei carrelli porta attrezzi migliori

Einhell TC-TW 100

Il modello più venduto

Einhell TC-TW 100

(4.2)

Offerta: 138,95 € Prezzo: 34,74 Sconto: 34,74 (100%) *

  • Area di appoggio superiore dotata di tappetino
  • Pratico maniglione per agevolare lo spostamento
  • Dotato di 4 ampi cassetti ad apertura scorrevole

Leggi la recensione

Stanley 1-79-206

Miglior rapporto qualità e prezzo

Stanley 1-79-206

(4.2)

Offerta: 127,00 € Prezzo: 31,75 Sconto: 31,75 (100%) *

  • Il vano inferiore si apre con un sistema basculante
  • Con resistente maniglia telescopica in alluminio
  • Tasche posteriori per il trasporto di oggetti lunghi

Leggi la recensione

Daimann One

Carrello completo

Daimann One

(4.2)

Offerta: 299,00 € Prezzo: 349,00 Sconto: 50,00 (14%) *

  • Piano con bordi per evitare cadute accidentali
  • 4 ruote in teflon che garantiscono manovrabilità
  • Con chiusura di sicurezza a serratura centralizzata

Leggi la recensione

Come scegliere un carrello porta attrezzi

Ambito d’impiego

Se un tempo determinate soluzioni, riguardanti in particolare la conservazione di strumentazione varia appartenente a diverse figure lavorative, erano limitate perlopiù a situazioni puramente professionali, ad oggi è sempre più frequente che anche i più classici amanti del bricolage necessitino di valide opzioni utili allo stesso scopo.

L’ampia diffusione della passione per il fai da te, infatti, ha determinato un aumento delle attrezzature di cui ognuno può fare uso anche in casa e, di conseguenza, risulta sovente necessario dotarsi di adeguati spazi atto allo stoccaggio dei ferri del mestiere.

Sebbene una tradizionale cassetta attrezzi possa essere sempre adattata con facilità a qualunque situazione riguardante hobby e bricolage, talvolta è indispensabile avere a disposizione maggiori capienze, come ad esempio quelle offerte da un carrello porta attrezzi.

Tali cassettiere metalliche per attrezzi, spesso chiamate anche carrelli per officina o da ferramenta, risultano essere certamente tra le scelte preferite non soltanto all’interno della sfera meramente lavorativa, ma anche da coloro i quali possiedono nutrite quantità di elettroutensili e arnesi di diverso tipo.

I carrelli portautensili, oltre ad avere una portata di molto superiore a quella di una cassetta attrezzi, sono inoltre maneggevoli, estremamente robusti e facilmente organizzabili internamente. Ovviamente questi carrelli porta attrezzi potrebbero risultare sovrabbondanti in mano a hobbysti occasionali, ma sono senza dubbio ottimi all’interno di moltissime altre situazioni.

Ambiente Utilizzo
Officine meccaniche Il contesto più tipico entro cui può essere trovato un carrello portautensili contenente la numerosa attrezzeria tipica dell’ambito meccanico
Fabbriche e industrie Si usano modelli adatti a contenere un gran novero di oggetti da trasportare di frequente all’interno dei capannoni entro cui si svolgono le attività produttive
Laboratori professionali di falegnameria Spesso impiegati anche come veri e propri banchetti operativi, servono a contenere minuteria e utensileria varia utile alla lavorazione del legno
Garage e locali lavorativi domestici Utilizzabili sia come soluzioni fisse di stoccaggio che come supporti mobili, offrono versatilità e permettono di operare in aree ordinate e ben organizzate

In base agli esempi sopra riportati, i quali comunque non possono rappresentare tutte le possibili casistiche d’uso, è ben evidente come il miglior carrello porta attrezzi possa essere impiegato efficacemente all’interno di parecchi contesti.

All’interno dei capannoni adibiti alla produzione industriale, ad esempio, è frequente l’utilizzo di tali carrelli portautensili, poiché nei suddetti ambienti risulta spesso indispensabile, tipicamente nell’ottica di eseguire manutenzioni ma non solo, avere la possibilità di movimentare attrezzeria di diverso genere, potendo contare dunque sulle caratteristiche di portabilità offerte.

Al contrario, un carrello porta attrezzi può spesso trovare il proprio ambito d’impiego anche come cassettiera portautensili fissa. In tal caso, infatti, risulta particolarmente apprezzabile l’ampia capacità di stoccaggio, grazie alla quale sarà possibile organizzare in maniera precisa e ordinata un gran numero di utensili.

Questo utilizzo risulta molto frequente tanto in casa e in ambienti dedicati al bricolage domestico quanto all’interno di varie situazioni lavorative, prevalentemente ove sia necessario poter usufruire di zone apposite che ospitino i ferri del mestiere con un’organizzazione intelligente e funzionale.

Motilità e trasportabilità

Una volta definito l’ambito operativo entro cui si ha intenzione di inserire il carrello porta attrezzi, sempre in base a tale criterio, è indispensabile considerare bene le opzioni riguardanti la sua maneggevolezza e le possibilità riguardanti la movimentazione, le quali possono incidere notevolmente anche sul rapporto qualità prezzo.

Per loro stessa natura, infatti, i migliori carrelli officina sono realizzati in modo da permettere all’operatore di organizzare e trasportare a proprio piacimento dotazioni di utensili più o meno nutrite. Bisogna tuttavia sottolineare come, a seconda delle diverse necessità e dei differenti contesti di utilizzo, sia possibile avere a che fare con strutture diverse tra loro.

Sebbene in alcuni casi il mobiletto porta attrezzi sia usato in posizione fissa, vale a dire come flessibile e capiente soluzione di stoccaggio, il più delle volte un carrello portautensili viene acquistato per poter essere movimentato.

La maggiore o minore semplicità di spostamento del carrello porta attrezzi migliore dipende certamente dai materiali con i quali è stato realizzato e dalla quantità di peso che esso trasporta, ma in primis è bene valutare con attenzione quali sono gli elementi atti a permetterne il movimento. Come risulta facile intuire, tali soluzioni sono sempre munite di ruote, aventi peculiarità di diverso genere.

Talvolta incorporano rastrelliere o ganci per l’utensileria usata con più frequenza

Le quattro ruote vanno valutate in primo luogo a seconda del materiale del quale risultano composte, che può essere plastica, teflon o gomma. Gli elementi in plastica o teflon sono quelli montati di solito su un carrello porta attrezzi destinato all’uso non troppo gravoso e, pur essendo resistenti e leggeri, non possono essere adattati agli impieghi in qualsiasi ambiente.

Ad esempio, laddove vi sia notevole utilizzo di oli idraulici che inevitabilmente si andranno a depositare sui pavimenti, come nelle fabbriche metalmeccaniche, può essere necessario dotarsi di un carrello officina sotto cui siano state installate rotelle fatte di gomma, o perlomeno ricoperte con appositi strati di gomma antiscivolo.

Altra peculiarità di cui tenere conto è senz’altro la possibilità di movimento delle ruote stesse. La maggior parte dei carrelli porta utensili è dotato di due ruote fisse e due girevoli, o piroettanti, a 360°. Tale soluzione, sebbene più raramente sia possibile trovare modelli con tutte le rotelline girevoli, risulta essere la più versatile, poiché consente una buona movimentazione del carrello porta attrezzi.

Inoltre, è bene considerare la presenza dei freni: un carrello portautensili di qualità, infatti, dovrebbe avere almeno una ruota, se non due, provvista del classico freno a pedale. In tal modo, sarà possibile lavorare in sicurezza, anche nel caso in cui ci si trovi a operare su superfici inclinate o scivolose.

Ovviamente, la massima scorrevolezza delle ruote è determinata anche dall’accortezza dell’operatore, il quale non dovrà superare la portata indicata dalle specifiche tecniche del carrello attrezzi in questione, considerando nel peso complessivo anche quello della struttura stessa oltre quello della strumentazione in essa contenuta.

A influire inoltre sulla trasportabilità della cassettiera portautensili è anche la maniglia, che può essere

  1. Fissa
  2. Telescopica

La maniglia fissa è di norma presente sulla stragrande maggioranza delle cassettiere officina, configurata come l’elemento, di metallo o di plastica e talvolta rivestito con gomma, così da garantire maggiore presa e migliore ergonomia, con il quale l’operatore potrà spingere l’intero carrello portautensili.

Al contrario, qualche carrello porta attrezzi risulta strutturato in maniera tale da essere simile a un trolley scomponibile: queste soluzioni, il più delle volte, sono equipaggiate con maniglie telescopiche. In casi simili si parla normalmente di carrelli portautensili più consoni all’utilizzo a domicilio e meno adatti a impieghi impegnativi all’interno di laboratori o capannoni.

Dimensioni e materiali

Contestualmente alle differenti possibilità riguardanti la movimentazione con ruote dei migliori carrelli attrezzi, per capire quale scegliere e fare un acquisto oculato, sarà indispensabile considerare altre caratteristiche utili a determinare la maneggevolezza, vale a dire le dimensioni e il materiale costruttivo.

Infatti, a seconda di come la cassettiera porta attrezzi è stata realizzata a livello strutturale, è possibile identificare alcune peculiarità, le quali possono rendere il prodotto nella sua interezza più adatto a uno scopo piuttosto che un altro.

Come già accennato, infatti, oltre alla classica conformazione carrellata mobile, è possibile rintracciare alcuni carrelli porta attrezzi scomponibili in moduli, i quali possono essere particolarmente utili qualora sorgesse la necessità di utilizzarli al di fuori del locale di casa abitualmente destinato alle lavorazioni.

Va da sé, quindi, quanto il volume occupato dal carrello porta utensili possa differire molto tra un esemplare e l’altro. In linea generale, il tradizionale carrello da officina può avere delle dimensioni indicative di 60 o 70 cm in lunghezza, 30 o 40 cm in profondità e 80 o 90 cm in altezza.

Ovviamente possono esistere carrelli portautensili con misure maggiori, tipicamente adattabili all’ambito industriale, mentre la versione scomponibile del carrello porta attrezzi può presentare grandezze variabili. A dipendenza del numero e dello spazio occupato dai moduli, infatti, i formati possono essere molti, sebbene la volumetria totale difficilmente sia tanto diversa da quella dei prodotti da officina.

Materiale Costo Peculiarità Utilizzo
Plastica dura Si tratta, di norma, dei modelli più economici in assoluto Resistenti e leggeri, ma più soggetti a deformazione Adatti perlopiù agli impieghi amatoriali non gravosi
Alluminio Solitamente dotati di ottimi rapporti tra qualità e prezzo Molto robusti, semplici da movimentare e duraturi Versatili, possono essere usati in svariati contesti
Lamiera d’acciaio Senza dubbio i prodotti che presentano i costi maggiori Più pesanti, ma resistenti a ogni tipo di sollecitazione Destinati principalmente agli ambiti professionali

Il carrello attrezzi in plastica, dunque, pur essendo decisamente più economico da comprare, è utilizzabile con maggior efficacia principalmente nella sfera amatoriale e domestica, poiché normalmente in grado di sopportare carichi minori.

Il materiale plastico, inoltre, pur presentando ottime caratteristiche riguardanti la robustezza generale, si deforma più facilmente con il tempo e a causa degli sbalzi di temperatura, risultando meno duraturo nel tempo.

Al contrario, il carrello porta attrezzi in acciaio, il quale spesso è anche verniciato con prodotti epossidici anticorrosione, è il prodotto preferito nell’ambito industriale, poiché estremamente resistente all’usura, agli urti e alle sollecitazioni, oltre che quasi sempre più capiente e con portate notevoli.

I moduli dei modelli scomponibili possono trasformarsi in pratiche cassette portatili

Riguardo l’impiego di media entità, categoria entro cui è possibile annoverare anche l’uso professionale tipico di ambienti come le falegnamerie o le piccole officine meccaniche, una cassettiera per attrezzi in alluminio potrebbe essere un’adeguata via di mezzo.

Di solito meno costoso rispetto a una struttura in acciaio, un simile carrello porta attrezzi garantisce elevata facilità di movimentazione con ruote, ottima capacità di carico e di stoccaggio di base e notevole robustezza, risultando longevo anche nel lungo periodo.

Sempre in merito ai materiali costruttivi, è bene specificare che va considerato anche l’eventuale rivestimento della base dei cassetti interni e del piano superiore di appoggio e di lavoro. Le migliori cassettiere portautensili, infatti, presentano dei rivestimenti in gomma o altri materiali antiscivolo.

Tale caratteristica è importante, poiché, allorquando l’oggettistica lavorativa verrà depositata sul piano del carrello attrezzi, quest’ultimo dovrà garantire stabilità, evitando che eventuali utensili delicati possano spostarsi durante il trasporto, subire urti o cadere.

Portata e dotazione iniziale

Ulteriore e fondamentale criterio da valutare con attenzione per comprendere come scegliere è la portata del carrello porta attrezzi: tale valore, infatti, stabilisce, in parole povere, il peso che esso può portare e contenere, determinando di conseguenza la quantità effettiva di utensili stoccabili.

La capacità contenitiva massima espressa in chilogrammi, quindi, definisce il carico che il carrello officina potrà sopportare senza correre il rischio di incorrere in deformazioni o altri danni strutturali. Va da sé che questo parametro, dipendente perlopiù dal materiale costruttivo e dalla qualità generale, risulta fondamentale a stabilire la modalità d’impiego più indicata al modello specifico.

Come può essere facile intuire, il carrello portautensili in plastica dell’hobbysta non troppo esigente non potrà sopportare carichi elevati. Tali modelli, infatti, in maniera similare a quelli scomponibili, hanno di solito una portata che non supera i 40 o 50 kg.

Riguardo ai carrelli porta attrezzi modulari, bisognerà ovviamente fare riferimento al carico massimo di ogni singolo modulo, che può variare dal valore minimo di 10 kg a un massimo di 30 kg.

È utile specificare che la portata massima del carrello portautensili include anche il peso dell’oggetto stesso e non solo della strumentazione contenuta: ai fini del rispetto di tale valore, dunque, sarà necessario tenere conto anche della tara della struttura.

In alcuni casi è presente in dotazione una morsa imbullonata alla struttura

Invece, una cassettiera attrezzi in alluminio potrà di certo ospitare un maggior numero di utensili, potendo spesso presentare portate comprese tra i 70 e i 100 kg. Il più classico carrello officina realizzato in acciaio, invece, essendo progettato solitamente per andare incontro a necessità impegnative di tipo professionale, può sopportare carichi molto più elevati.

Se nella media tale valore di base può aggirarsi attorno ai 250 kg, un carrello porta attrezzi mobile particolarmente solido e robusto può offrire la possibilità di ospitare carichi statici, vale a dire non in movimento, fino a 700 kg, configurandosi come una soluzione costosa, ma altamente performante.

Vale la pena, inoltre, specificare come alcuni tra i migliori carrelli attrezzi non siano venduti vuoti, ma con una dotazione di strumenti tipici, i quali possono essere specifici per

  • Edilizia
  • Meccanica
  • Impiantistica

Appare quasi scontato affermare che un carrello portautensili completo sia senz’altro più costoso di uno vuoto, tuttavia, in alcuni casi, tali dotazioni di accessori possono essere indispensabili.

Ad esempio, all’interno di situazioni professionali riguardanti l’industria meccanica, può risultare estremamente utile acquistare un carrello attrezzi completo di strumenti come set di chiavi di diverso genere, prolunghe di vario tipo, pinze, cacciaviti e inserti per avvitatori.

Allo stesso modo, l’hobbysta che ancora non abbia a disposizione una dotazione di utensili molto nutrita, potrebbe trovare interessante la possibilità di acquistare contemporaneamente la propria strumentazione e il carrello porta attrezzi con ruote atto a stoccarla e organizzarla.

In aggiunta, dotarsi del carrello portautensili completo può anche facilitare molto la sua organizzazione interna. Tali soluzioni, infatti, presentano degli scomparti appositi, solitamente in plastica o gomma, entro i quali è ricavato uno spazio con la forma dell’utensile che dovrà essere alloggiato nel punto specifico.

In questo modo, dunque, risulterà molto più semplice conservare con cura e con il dovuto ordine la propria attrezzatura all’interno del carrello porta attrezzi.

Struttura interna e chiusura

Per assicurarsi di acquistare un carrello porta attrezzi adatto alle proprie esigenze specifiche, è senz’altro fondamentale valutare attentamente elementi quali i metodi con cui si può procedere alla chiusura e la struttura interna.

Benché tali aspetti possano apparire slegati tra loro, in realtà esiste una correlazione, poiché le diverse tipologie di serrature disponibili variano in base al modo in cui il carrello porta utensili può essere messo in sicurezza.

In maniera particolare, in ambienti lavorativi molto affollati, risulta infatti indispensabile assicurarsi che la strumentazione conservata nello spazio interno del carrello porta attrezzi, che in alcuni casi può essere anche molto costosa, possa essere al sicuro da furti o manomissioni.

In maniera similare, la serratura può essere utile all’hobbysta il cui garage sia frequentato da bambini, così come per evitare aperture accidentali durante la movimentazione con ruote del carrello per attrezzi. Le possibilità per la chiusura possono essere

  1. Lucchetto
  2. Combinazione numerica
  3. Linguetta metallica a scatto
  4. Serratura centralizzata con chiave

Ovviamente, i meccanismi che offrono una maggiore sicurezza sono i lucchetti e le serrature centralizzate. Queste ultime, in particolare, risultano particolarmente apprezzate, poiché utilizzando una sola chiave, grazie a un blocco rotante interno, permettono la chiusura centralizzata di tutto il carrello porta attrezzi.

Altri metodi come le combinazioni numeriche sono utilizzabili con efficacia, tuttavia, nell’ottica di poter ottenere il massimo della sicurezza, a seconda delle situazioni, potrebbe essere necessario cambiare spesso i codici numerici. Al contrario, le linguette a scatto sono tipiche dei carrelli attrezzi scomponibili e, se non accoppiate con altre serrature, non offrono alti gradi di sicurezza.

In aggiunta, in base alla tipologia di carrello porta attrezzi su cui ricadrà la scelta di acquisto, potranno presentarsi diverse opportunità riguardanti la struttura organizzativa dello spazio dello stesso.

Sebbene le possibilità siano diverse in tal senso, sarà utile considerare le opzioni di stoccaggio offerte dai diversi carrelli porta attrezzi, poiché queste ultime determineranno la misura, la quantità e la tipologia di utensili immagazzinabili.

Per esempio, un carrello attrezzi completo contenente una dotazione meccanica di base potrebbe presentare divisori e cassetti non adatti a ospitare utensili ad alimentazione elettrica tipo seghetti o demolitori.

Le migliori guide per cassetti sono telescopiche e dotate di cuscinetti a sfera

Le principali possibilità organizzative dei carrelli porta attrezzi sono rappresentate dai cassetti estraibili. Questi ultimi, nei modelli migliori, sono talvolta anche equipaggiati con sottofondi magnetici, utili a limitare gli impatti tra gli oggetti contenuti. Sono di gran lunga le opzioni più valide, poiché, insieme ai vassoi estraibili, rappresentano di norma le strutture organizzative più versatili e capienti.

Infatti, un carrello porta attrezzi completo può spesso contenere anche più di 200 utensili. I cassetti sono talvolta numerati e offrono la possibilità di apporre delle etichette identificative, in modo che la strumentazione possa essere rintracciata facilmente, anche nel caso in cui il mobile sia stato organizzato da altre persone.

Altre opzioni a volte utilizzate in alcune cassettiere porta attrezzi sono tasche esterne e scompartimenti liberi. Le tasche esterne sono spesso presenti perlopiù nei carrelli portautensili dotati di divisione modulare e possono avere la funzione di contenere utensileria lunga, come ad esempio livelle, bolle d’aria o simili.

Gli scompartimenti liberi, invece, sono vani similari ai cassetti classici, ma risultano solitamente molto più spaziosi, potendo ospitare quindi all’interno del carrello porta attrezzi mobile rotoli di cavi o apparecchi di medie dimensioni.

Manutenzione e organizzazione

Nel momento in cui sarà stato scelto il carrello porta attrezzi più adatto alle proprie esigenze, si renderà necessario ricorrere ad alcuni accorgimenti utili a rendere il prodotto più longevo e funzionale possibile.

Dal momento che i carrelli porta attrezzi sono basilarmente dei mobili con ruote entro cui stoccare i propri utensili, non necessitano di molta manutenzione, tuttavia sarà bene avere dei riguardi nei confronti di tali strutture, così da conservarle integre ed efficienti. A tal proposito, dunque, è possibile riportare alcuni consigli concernenti

  • Pulizia
  • Organizzazione
  • Protezione dall’usura
  • Mantenimento delle funzionalità

Per quanto riguarda la pulizia del carrello portautensili, ad esempio, risulta importante non lasciare che nei cassetti e sui ripiani si accumulino polveri, grassi o altri residui derivanti dalle lavorazioni eseguite. Prima di essere riposti all’interno del carrello porta attrezzi, gli utensili usati dovranno essere ripuliti con un panno asciutto e sgrassati con appositi prodotti non corrosivi o aggressivi.

Lo stesso trattamento dovrà periodicamente essere effettuato sui pianali dei cassetti del carrello porta attrezzi e sulle superfici di appoggio superiori, mentre le guide interne che permettono lo scorrimento dei vani di stoccaggio dovranno essere liberate da polveri con l’ausilio dell’aria compressa e poi lubrificate, meglio se con frequenza almeno semestrale.

Per evitare danni alla struttura interna del carrello utensili, questi ultimi dovranno essere riposti con cura, evitando di ammucchiarli, cosa che potrebbe bloccare lo scorrimento dei cassetti. In presenza di plance con forme prestabilite sarà bene rispettare gli incavi sagomati, in modo da riporre ogni oggetto al proprio posto.

Per quanto possa sembrare scontato, è bene ricordare come un carrello porta attrezzi pulito, ordinato e ben organizzato, oltre a essere più duraturo nel tempo, permette all’utilizzatore di risparmiare molto tempo, soprattutto per quanto riguarda la ricerca dell’attrezzeria necessaria nel momento specifico.

Ulteriori precauzioni dovranno essere seguite nell’ottica di proteggere dall’usura il carrello porta attrezzi. Se la struttura è realizzata in plastica, sarà necessario evitare l’esposizione a calore molto elevato, agli sbalzi eccessivi di temperatura e ai raggi diretti del sole: ciò è indispensabile per non incorrere in deformazioni precoci, le quali potrebbero pregiudicare la solidità del prodotto.

Allo stesso modo, qualora l’area adibita allo stoccaggio sia all’interno di locali come garage o capanni esterni, un’ulteriore misura cautelativa potrebbe essere quella di tenere al riparo il carrello portautensili dai potenziali attacchi di topi o altri roditori invasivi, magari ricoprendolo con tele cerate, oppure utilizzando appositi prodotti repellenti.

I piani di lavoro presentano quasi sempre dei bordi rialzati

Per contro, qualora il carrello porta attrezzi sia stato costruito in metallo, anche in presenza di trattamenti anticorrosivi, è buona norma evitare l’esposizione all’acqua, all’umidità o ad altri agenti atmosferici, magari posizionandolo al di sotto di una struttura coperta, come ad esempio una tettoia, oppure coprendolo con teli cerati o plastici.

In tal modo, oltre a preservare l’integrità della struttura del carrello porta attrezzi stesso, sarà possibile anche conservare in modo sicuro il contenuto, il quale non correrà il rischio di inumidirsi, arrugginire e rovinarsi.

In aggiunta, qualora nel tempo si dovessero notare in qualche parte del carrello porta attrezzi, comprese le ruote, tracce iniziali di corrosione oppure zone in cui la vernice protettiva si sta scrostando, potrebbe essere bene applicare preventivamente dei prodotti antiruggine, oppure rinnovare periodicamente la verniciatura.

La medesima cura dovrà essere inoltre riposta, appunto, nella manutenzione delle ruote del carrello porta attrezzi: queste ultime, a prescindere dal materiale con cui sono state realizzate, bisognerà mantenerle ben lubrificate e pulite.

Recensioni dei migliori carrelli porta attrezzi

1. Einhell TC-TW 100

Particolarmente adatto per l’utilizzo all’interno di situazioni amatoriali e per le necessità dell’amante del fai da te, Einhell TC-TW 100 è un carrello porta attrezzi che risulta molto pratico, facile e sicuro da manovrare e usare in molti ambiti lavorativi basilari di tipo prevalentemente domestico.

Einhell TC-TW 100

Il modello più venduto

Einhell TC-TW 100

(4.2)

Offerta: 138,95 Prezzo: 34,74 Sconto: 34,74 (100%) *

Dotato di caratteristiche strutturali che ne determinano l’ampia versatilità d’uso in locali di vario genere, Einhell TC-TW 100 può essere movimentato in modo particolarmente semplice. Le 4 rotelline girevoli in plastica, di cui 2 dotate di apposito freno di stazionamento, sono abbastanza robuste e, insieme alla pratica maniglia di spinta, ne permettono il movimento agevole.

La struttura in lamiera ha dimensioni pari a 67 x 38 x 72,4 cm e peso a vuoto di 18,7 kg. La portata massima di 75 kg, pur non essendo elevatissima, consente comunque lo stoccaggio di molti strumenti all’interno di 4 cassetti scorrevoli alti 7 cm e uno scomparto inferiore con sportello per riporre elettroutensili od oggetti grandi.

Il particolare sistema interlock permette l’apertura facilitata di un solo cassetto alla volta. In aggiunta, il comodo piano d’appoggio superiore del carrello porta attrezzi è ricoperto con un pratico tappetino in gomma antiscivolo, per rendere sicuro il trasporto anche di strumentazione delicata.

2. Stanley 1-79-206

Progettato in maniera specifica per professionisti e hobbysti che lavorano a domicilio, Stanley 1-79-206 è un carrello porta attrezzi che presenta notevoli versatilità d’impiego e possibilità di movimentazione, adatto a trasportare frequentemente e in maniera agevole la propria strumentazione operativa,

Stanley 1-79-206

Miglior rapporto qualità e prezzo

Stanley 1-79-206

(4.2)

Offerta: 127,00 Prezzo: 31,75 Sconto: 31,75 (100%) *

Grazie alla sua conformazione scomponibile, Stanley 1-79-206 risulta estremamente utile in moltissime occasioni. L’intera struttura, infatti, è composta da 3 moduli con maniglia: il primo è una cassetta con ampio vano di stoccaggio e cassetto inferiore, mentre il secondo presenta 2 cassetti scorrevoli di diversa misura. Il terzo modulo, invece, è un capiente vano con apertura basculante per utensileria voluminosa.

Tutti i cassetti hanno guide di scorrimento con cuscinetti a sfera e, in aggiunta alla notevole capienza, l’intelaiatura è dotata di 2 tasche appositamente pensate per il trasporto di oggetti molto lunghi. La movimentazione è garantita da 2 grandi ruote in plastica da 17,8 cm di diametro e da un maniglione telescopico in alluminio.

Quest’ultimo elemento rende possibile manovrare il carrello porta attrezzi come se fosse una sorta di trolley. Realizzata in robusto e leggero polipropilene, l’intera struttura risulta facile da maneggiare, per via del peso di soli 10 kg e delle dimensioni totali di 86,6 x 48,8 x 34,8 cm.

3. Daimann One

Facilmente adattabile tanto all’uso professionale all’interno di un’officina quanto all’impiego nel bricolage, Daimann One è il carrello porta attrezzi ideale per affrontare in modo efficace necessità di vario tipo, contando su una dotazione di strumenti utilizzabili anche negli ambiti più impegnativi.

Daimann One

Carrello completo

Daimann One

(4.2)

Offerta: 299,00 Prezzo: 349,00 Sconto: 50,00 (14%) *

Pratico, capiente e semplice da organizzare, Daimann One è una soluzione molto valida per lo stoccaggio come per quanto concerne lo spostamento della propria utensileria. Resistente, in plastica e alluminio, è equipaggiato con 6 cassetti totalmente estraibili, montati su guide telescopiche.

Inoltre 4 cassettiere sono fornite con 158 strumenti da lavoro di qualità, mentre i 2 cassetti rimanenti possono essere organizzati a piacimento. Le 4 rotelle antiscivolo in teflon, di cui 2 complete di freno di stazionamento, unitamente alla maniglia in plastica, rendono facile e sicuro il trasporto, potendo contare pure sul ripiano superiore in plastica ABS con bordi rialzati per evitare il rischio di caduta di attrezzatura durante la movimentazione.

In aggiunta, per garantire massima sicurezza, è presente il sistema di chiusura con serratura centralizzata. Il carrello porta attrezzi, dotato di buona capienza totale, pur non essendo interamente in metallo, risulta solido e stabile, garantendo affidabilità e durabilità.

4. Beta Easy C24E/VI

Grazie alle caratteristiche strutturali di ottimo livello e a un'elevata capacità di carico, Beta Easy C24E/VI è un carrello porta attrezzi rivolto in maniera specifica all’utenza di tipo professionale, la quale potrà fare affidamento su molte opzioni di stoccaggio e su una consistente solidità generale.

Beta Easy C24E/VI

Il prodotto migliore in assoluto

Beta Easy C24E/VI

(4.2)

Offerta: 851,00 Prezzo: 899,00 Sconto: 48,00 (5%) *

Realizzato in robusto e spesso metallo, Beta Easy C24E/VI è adatto principalmente per essere impiegato all’interno di officine professionali. Tale destinazione d’uso è confermata dall’assortimento offerto in dotazione, il quale consta di ben 182 pezzi di elevata qualità, adoperabili perlopiù nel campo dell’industria metalmeccanica.

Il tutto è organizzabile entro 6 cassetti da 58,8 x 36,7 cm, dei quali 4 sono alti 7 cm, quello mediano 14 cm e l’ultimo 210 cm. L’affidabilità di questo carrello porta attrezzi è determinata anche dalle guide di scorrimento telescopiche dei cassetti, complete di cuscinetti a sfera, mentre i pianali sono rivestiti con tappetini di gomma espansa.

La serratura è centralizzata, mentre il piano superiore in plastica dura presenta 3 vaschette per minuteria. Nonostante possa sopportare 700 kg di carico statico, la struttura, misurante in totale 74 x 45 x 84,5 cm, è semplice da movimentare, grazie alle 4 solide rotelle da 10 cm di diametro, delle quali 2 fisse e 2 girevoli con freno.

Opinioni finali

Ogni amante del fai da te, così come il professionista, deve avere la possibilità di riporre con cura e ordine tutta la propria attrezzatura. Sebbene i prodotti atti allo scopo siano moltissimi e spesso suscettibili di sconti, nel momento di stabilire quale scegliere, è importante valutare le proprie necessità in base all’utilizzo previsto e acquistare un modello dal vantaggioso rapporto qualità prezzo. In tal modo ci si potrà dotare del migliore carrello porta attrezzi adattabile alle diverse esigenze.

Nel caso in cui si intenda acquistare un modello basilare, efficace per affrontare le più tradizionali problematiche di stoccaggio amatoriale, Einhell TC-TW 100 potrebbe essere una soluzione adeguata. Seppur appartenente a una fascia di mercato medio bassa, è dotato di una capacità di carico di sicuro sufficiente per la maggior parte degli hobbysti e presenta uno tra i prezzi più allettanti della categoria.

Considerando coloro i quali avessero la necessità di operare di frequente al di fuori di un’officina, può essere valida la buona offerta rappresentata da Stanley 1-79-206. Questo carrello porta attrezzi è scomponibile, risultando versatile e pratico in diversi contesti. Grazie all’elevata semplicità di trasporto, ma anche al costo interessante, è tra le migliori scelte rivolte a chi necessita della massima flessibilità d’impiego.

Qualora si intendesse dotarsi di una struttura affidabile, capiente e utilizzabile anche nella sfera semiprofessionale, Daimann One si configura come una valida alternativa. Potendo contare anche sul buon assortimento di strumenti iniziale, anche gli hobbysti più esigenti potranno valutare l’acquisto di tale prodotto, considerabile come una tra le offerte più invitanti, anche nel caso in cui non sia possibile usufruire di uno sconto.

Al contrario, se le esigenze operative sono molto più gravose, Beta Easy C24E/VI garantisce la miglior qualità sotto molti aspetti. Notevole robustezza, elevata capacità di carico e una nutrita dotazione di oggetti lavorativi di ottima fattura, giustificano il prezzo di questo solido carrello porta attrezzi, grazie al quale sarà possibile stoccare molto materiale in tutta sicurezza, affidandosi a eccellenti caratteristiche costruttive.

Quale carrello porta attrezzi scegliere? Classifica (Top 4)

Prodotto Offerta Sconto Voto
Einhell TC-TW 100 Einhell TC-TW 100 138,95 € 34,74 * 34,74 € (100%) (4.2)
Stanley 1-79-206 Stanley 1-79-206 127,00 € 31,75 * 31,75 € (100%) (4.2)
Daimann One Daimann One 299,00 € 349,00 * 50,00 € (14%) (4.2)
Beta Easy C24E/VI Beta Easy C24E/VI 851,00 € 899,00 * 48,00 € (5%) (4.2)

Domande frequenti

Quanto misura l’altezza dei cassetti?

L’altezza dei cassetti di un carrello porta attrezzi non è standard, pertanto può essere diversa a seconda del modello. Nonostante ciò, di solito la misura minima è 7 cm, mentre dimensioni più grandi sono quasi sempre multipli di 7, fino a un massimo di 35 cm.

Si possono rimuovere le ruote per consentire l’uso stazionario?

Sì, nella maggior parte dei carrelli porta attrezzi le ruote sono removibili, essendo avvitate alla parte inferiore della struttura.

Qualora non presenti, è possibile aggiungere dei tappetini ai cassetti?

Certamente sì. Sarà soltanto necessario assicurarsi di inserire tappetini della giusta misura.

Il carrello porta attrezzi viene consegnato già assemblato?

Alcune volte sì, mentre in altri casi devono essere montati i cassetti e gli sportelli seguendo le semplici istruzioni presenti sul manuale d’uso.

La maniglia è in posizione fissa o può essere spostata?

Quasi sempre la maniglia è fissa, tuttavia esistono carrelli porta attrezzi con apposite predisposizioni, grazie alle quali può essere possibile cambiarne la posizione.

Può essere trasportato in auto o dentro al furgone?

Se il vano portabagagli è sufficientemente ampio, sì. In ogni caso, sarà comunque bene inserire il freno di stazionamento alle ruote e assicurare il carrello porta attrezzi con corde, in modo da scongiurare possibili danni al contenuto durante il trasporto.

In caso di malfunzionamento, è possibile sostituire le guide?

Dipende dai modelli: alcuni carrelli porta attrezzi non prevedono la possibilità di sostituzione delle guide di scorrimento, mentre altri sì. Al riguardo dovrà essere consultato il manuale d’uso del prodotto specifico.

È possibile aggiungere altri strumenti, oltre a quelli in dotazione?

Sì, quasi tutti i carrelli porta attrezzi dotati di assortimenti di arnesi lavorativi presentano ulteriori cassetti o scompartimenti vuoti entro cui inserire utensileria aggiuntiva.