Migliore set chiavi a bussola del 2022

migliore set chiavi a bussola del 2022

Quando un neofita del fai da te compone la propria attrezzatura di base, deve senza dubbio fronteggiare la necessità di avere sempre a portata di mano alcuni accessori indispensabili, utili in molte situazioni. Delle chiavi a bussola come quelle offerte da Rolson 36109, a prescindere dalle attività svolte con maggior frequenza, sono essenziali nell’ottica di garantire la massima versatilità e, quindi, di permettere all’utente di impegnarsi con successo in riparazioni e manutenzioni, principalmente di tipo meccanico ma non solo.

Confronto delle chiavi a bussola migliori

Rolson 36109

Il modello più venduto

Rolson 36109

(4.2)

Offerta: 13,25 € Prezzo: 3,31 Sconto: 3,31 (100%) *

  • Comprensivo di cricchetto e barra estensibile
  • Cassetta stoccaggio stampata con soffiaggio
  • Pezzi combinati, misure sia da 1/4" che da 3/8”

Leggi la recensione

Beta 903E/C98

Il prodotto migliore in assoluto

Beta 903E/C98

(4.2)

Offerta: 134,00 € Prezzo: 167,81 Sconto: 33,81 (20%) *

  • 2 prolunghe comprese, lunghezza 50 e 100 mm
  • Serie contenente 35 diversi inserti da avvitatore
  • Presente pratico accessorio cacciavite da 1/4"

Leggi la recensione

AmazonBasics AMZ1702

Miglior rapporto qualità e prezzo

AmazonBasics AMZ1702

(4.2)

Offerta: 64,56 € Prezzo: 16,14 Sconto: 16,14 (100%) *

  • Dotazione complessiva comprende 201 pezzi
  • Finitura cromata, alta resistenza a corrosione
  • Misure indicate sia in pollici che in millimetri

Leggi la recensione

Come scegliere le chiavi a bussola

Utilizzi e profili

Se fino a qualche decennio fa erano quasi soltanto professionisti come meccanici, idraulici ed elettricisti ad avere a che fare con elementi quali dadi e bulloni, a oggi la situazione è molto differente. L’aumento esponenziale di privati dediti ai più svariati hobby di riparazione su vari oggetti e macchinari, infatti, ha determinato lo sdoganamento rapido di molteplici attrezzature nel mondo del fai da te.

Alcune tra queste, oltre che ampiamente diffuse e utilizzate, sono diventate addirittura immancabili, fino a far parte del corredo strumentale base di qualsiasi amante del bricolage. Tra questi ormai fondamentali strumenti, le chiavi a bussola occupano senz’altro un posto di rilievo.

Nello specifico, l’impiego della chiave a bussola è piuttosto intuitivo e conosciuto, poiché essa risulta fondamentale per procedere al serraggio o allallentamento di bulloneria varia, ormai presente ovunque, dalle automobili agli elettrodomestici. A prescindere dall’intervento da svolgere, infatti, sarà facile ritrovarsi a dover stringere o aprire dadi ed è qui che viene evidenziata la grande utilità di tali utensili.

Le chiavi a bussola sono piccoli attrezzi metallici, tipicamente di forma cilindrica con due estremità: quella rivolta verso l’operatore presenta l’innesto quadrato femmina, il quale accoglie la leva, vale a dire il cricchetto reversibile o una chiave dinamometrica, cioè un utensile che permette di impostare la forza da applicare.

L’estremità opposta, invece, presenta un profilo, avente differenti possibili forme, da introdurre sul bullone in questione per esercitare il tiraggio.

Profilo Caratteristiche
Poligonale Formato da due esagoni con uno sfasamento di 60°, risulta particolarmente comodo per lavorare in spazi molto ristretti e con poco margine di manovra
Esagonale, o OGV Più preciso rispetto al poligonale, consente di lavorare su teste esagonali laddove sia richiesta un’elevata forza di serraggio
Ottagonale, o quadro Relativamente raro, il suo impiego è molto situazionale, poiché è utilizzabile soltanto su dadi quadrati, i quali sono globalmente poco adoperati
Torx Profilo particolare, le cui caratteristiche risiedono in un incavo a forma di stella con 6 punte, consente di esercitare una notevole coppia di chiusura

Per la massima completezza, è bene specificare come, sebbene sia una dicitura molto utilizzata, non esiste la vera e propria chiave a bussola torx, poiché quest’ultima è una forma che non riguarda i bulloni, bensì le viti.

Nonostante l’imprecisione assai comune, questo accostamento è giustificato dal fatto che le bussole esagonali e poligonali possono spesso essere agganciate a quelle specifiche con profilo torx, laddove, a causa di motivi di spazio o puramente operativi, non sia possibile ricorrere all’utilizzo del classico cacciavite avente la testina adeguata.

È inoltre bene anticipare che, all’interno delle dotazioni più fornite, sono spesso presenti molti altri attrezzi utili agli stessi scopi. Al netto di tale necessaria precisazione, si può affermare che la miglior chiave a bussola esagonale è di certo il modello più comune e preferito dalla maggior parte degli operatori.

Questo perché, rispetto al profilo poligonale, talvolta impropriamente definito universale, risulta essere molto più precisa e permette di applicare una più elevata coppia di serraggio, ovvero l’insieme delle forze applicate sul dado.

Benché le chiavi a bussola poligonali consentano un attacco più immediato e quindi siano più comode per lavorare in spazi angusti, queste ultime risultano meno precise e, nel caso in cui la forza esercitata fosse eccessiva, portano più facilmente all’usura degli spigoli del bullone.

Materiale costruttivo

Essendo strumenti estremamente versatili e utilizzabili con frequenza piuttosto elevata per fare fronte a differenti lavorazioni tipiche del fai da te, nel valutare un possibile acquisto delle chiavi a bussola è di fondamentale importanza considerare il materiale con cui esse sono state realizzate.

Esattamente come riguardo a qualunque altro attrezzo lavorativo, infatti, tale aspetto è cruciale, poiché determina tanto la longevità dell’equipaggiamento in sé quanto la qualità del lavoro che si andrà a eseguire. Nello specifico, la chiave a bussola di buona qualità, oltre a durare a lungo nel tempo, risulterà efficace anche nell’ottica di serrare efficacemente il dado senza rovinarlo o spanarlo.

Le possibilità migliori in tal senso sono due, vale a dire

  1. Acciaio
  2. Leghe leggere

Gli utensili interamente forgiati in acciaio sono certamente resistenti nel tempo e particolarmente solidi, poiché questo materiale ha delle proprietà notevoli, derivanti dal fatto che è una lega composta principalmente da ferro e carbonio.

Nonostante ciò, tale metallo è sempre meno utilizzato da solo, dal momento che, oltre a risultare pesante in confronto con altre leghe, può soffrire notevolmente l’usura, rischiando ruggine e corrosione. Per ovviare a tale inconveniente, vengono invece impiegati molto spesso l’acciaio inox o quello temperato, i quali presentano rispettivamente maggiore resistenza alla corrosione ed elevata durezza.

Per quanto riguarda l’ambito specifico delle migliori chiavi a bussola, è estremamente frequente che la loro manifattura segua dei criteri che ne determinano un costo più alto, ma anche una più elevata resistenza negli anni e all’usura.

Tali metodi di realizzazione prevedono nella maggior parte dei casi l’impiego di leghe più leggere, in particolare il cromo vanadio. Quest’ultimo materiale è acciaio legato che ingloba in percentuali variabili il cromo e il vanadio, migliorando le proprietà fisiche.

Nello specifico, il cromo previene l’ossidazione, riduce la conducibilità termica e aumenta la resistenza a trazione, mentre il vanadio conferisce una notevole durezza e incrementa la stabilità a caldo.

L’acciaio con durezza fino a 50 HRC è specifico per serraggi molto forti

A fronte di tali caratteristiche, dunque, le chiavi a bussola professionali sono di norma realizzate proprio in cromo vanadio, materiale che, inoltre, risulta essere più leggero e più facilmente maneggiabile rispetto all’acciaio semplice. Va detto, tuttavia, che la realizzazione in tale lega non è sufficiente a stabilire degli alti standard di qualità, per cui sarà sempre bene verificare alcuni altri fattori a tale riguardo.

Per poter usufruire di un set chiavi a bussola di buon livello, potrebbe essere utile controllare la conformità del prodotto ad alcune delle innumerevoli norme identificate con le sigle ISO, DIN o DIN ISO. Tali certificazioni comprovano l’aderenza a buoni standard di qualità riguardanti durezza, resistenza e momenti torcenti dei materiali, vale a dire le sollecitazioni rotatorie esercitate su un oggetto.

In aggiunta, qualche chiave a bussola migliore può presentare ulteriori caratteristiche, utili a determinare un più elevato livello costruttivo generale. Ad esempio, alcuni prodotti hanno una finitura superficiale con lucidatura al cromo, la quale incrementa maggiormente la resistenza globale agli agenti corrosivi, tra i quali anche l’acqua e la semplice umidità ambientale.

In altri casi, invece, qualora le chiavi a bussola fossero destinate all’utilizzo specifico in campo elettrotecnico, è possibile trovare manici gommati, o comunque rivestiti con altri materiali isolanti.

Misure disponibili

È assolutamente indispensabile, allorquando si intenda implementare la propria dotazione lavorativa con un acquisto delle migliori chiavi a bussola, valutare attentamente le misure di queste ultime, in modo da capire bene quale scegliere e come scegliere tra i vari set disponibili sul mercato, aventi differenti rapporti qualità prezzo.

Normalmente, infatti, tali utensili sono venduti all’interno di kit che, a seconda della fascia qualitativa e dell’ambito professionale cui sono destinati, possono contenere un certo numero di elementi di diverse dimensioni, da 20 o 30 pezzi a 300 e più.

Ovviamente alcune misure particolari possono essere acquistate singolarmente, tuttavia va detto che, nella maggior parte dei casi, risulta economicamente più vantaggioso reperire un set di chiavi a bussola comprendente varie dimensioni.

Tale aspetto è molto importante, poiché, a prescindere dall’ovvia considerazione secondo cui con un numero maggiore di chiavi a disposizione sarà possibile essere globalmente più efficienti, ogni bullone, per essere aperto o stretto, necessita dell’elemento della giusta dimensione.

In caso contrario, infatti, usando chiavi a bussola troppo piccole o troppo grandi, si andranno a rovinare gli spigoli e le facce del dado, oltre che la chiave a bussola stessa.

Altrettanta attenzione dovrà essere riposta nella considerazione dell’innesto, o attacco, vale a dire del quadro femmina entro cui si andrà a inserire la leva necessaria a esercitare la forza di serraggio o apertura. Tali dimensioni possono essere riportate in unità metriche, ovvero millimetri, oppure imperiali o SAE, cioè pollici.

Pollici Millimetri Bulloni Utilizzi
1/4″ 6,35 Da 4 a 14 mm Elementi presenti perlopiù nella piccola meccanica di precisione
3/8” 9,52 Da 6 a 19 mm Bulloneria tipica di elettrodomestici, automobili e altri macchinari simili
1/2″ 12,7 Da 12 a 17 mm Dadi utilizzati laddove si ricorra ad avvitamenti piuttosto frequenti
3/4″ 19, 05 Da 15 a 20 mm Misure meno utilizzate, se non in ambiti industriali e manufatturieri
1” 25,4 Da 19 a 50 mm Tipici nella meccanica pesante, automezzi e macchine agricole

Una maggiore completezza impone di specificare alcune informazioni riguardanti tali dimensioni, che rappresentano categorie esemplificative, le quali non possono essere prese a riferimento come valore assoluto.

La bulloneria, infatti, permette utilizzi molto diversificati e la misura dei dadi è determinata dalla distanza intercorrente fra i due lati opposti delle facce, mentre la dimensione di attacco identifica il quadro entro cui viene alloggiata la chiave a bussola con la quale si applica la forza di serraggio. Alla luce di tali dati, quindi, il kit chiavi a bussola acquistato dovrà essere adeguato alle lavorazioni da svolgere.

In linea generale, negli impieghi tipici del fai da te, riguardanti perlopiù la manutenzione generica e gli interventi su automobili o parti di veicoli come biciclette e simili, sono di norma sufficienti gli attacchi da 1/4″ e da 3/8”, grazie ai quali sarà possibile procedere a effettuare la maggior parte delle operazioni.

Di contro, qualora le necessità operative fossero più particolari, ad esempio la manutenzione di macchinari pesanti o di tipo agricolo, potrebbe essere più adeguato un set chiavi a bussola professionale con attacchi da 3/4″ e 1”.

I kit adatti alla meccanica pesante possono contenere cricchetti lunghi anche 500 mm

È necessario specificare come siano disponibili in commercio pezzi combinati, ovvero inseribili in un attacco di diversa misura, e alcuni adattatori che consentono di utilizzare un attacco più piccolo o più grande. Tali elementi sono dei dischi maschi, i quali andranno collegati al raccordo femmina delle chiavi a bussola con misura diversa.

Essendo specifici nell’ottica di ridurre o aumentare la dimensione dell’innesto, tali adattatori possono risultare molto utili, dal momento che permetteranno all’operatore di usare la propria dotazione senza comprare altre chiavi con la misura specifica.

Metodi di serraggio

In concomitanza con la qualità e con le dimensioni delle chiavi a bussola in dotazione, dovrà essere valutato con attenzione il metodo di serraggio.

Che si tratti di utensili specifici da impiegare per hobby o nel fai da te più tradizionale e non troppo impegnativo oppure di chiavi a bussola grandi dimensioni, perlopiù necessarie a operare su automezzi pesanti, è indispensabile considerare quale oggetto potrà essere collegato al bussolotto.

Questa particolarità andrà studiata con attenzione, poiché permetterà di scegliere il metodo più adatto all’applicazione della coppia di chiusura, vale a dire la somma delle forze applicate sul dado che permettono di stringerlo o allentarlo.

Tenendo presente la geometria della chiave a bussola universale, infatti, sarà possibile definire come funziona e come si usa. Nell’innesto femmina dovrà essere inserito un elemento che, con il principio della leva, permetta di esercitare forza sul bullone. A tal proposito esistono molteplici possibilità, tuttavia le più adottate sono solitamente le seguenti

  • A T
  • Fissa
  • A pipa
  • A cacciavite
  • A cricchetto
  • A manovella
  • Dinamometrica

Le chiavi a T, a pipa, fisse e a cacciavite sono quelle che talvolta vengono identificate come leve semplici. Come suggerito dai nomi stessi, sono oggetti conformati come classici cacciaviti, chiavette inglesi, anche dette a forchetta, o con impugnatura a forma di T.

Sono gli utensili meno performanti, perché, sebbene possano risultare versatili in situazioni particolari, come ad esempio raggiungere dadi situati in posti angusti, permettono l’applicazione di una forma limitata. Inoltre, il funzionamento si basa su un principio che identifica perlopiù una precisione approssimativa, la quale può condurre all’usura per attrito delle chiavi a bussola stesse e del bullone.

Di contro, invece, le manovelle e le dinamometriche sono leve migliori, il cui utilizzo, tuttavia, risulta limitato a poche situazioni. Nella fattispecie, la manovella, pur consentendo di operare in maniera precisa e molto rapida, risulta voluminosa e difficilmente adoperabile laddove lo spazio di manovra non sia molto ampio.

Il metodo dinamometrico, al contrario, gode di ottime peculiarità ma soffre il grosso svantaggio di non poter prescindere dall’acquisto di materiale molto costoso, ovvero, appunto, la chiavetta dinamometrica. Quest’ultima permette di calibrare la coppia di serraggio, risultando precisa, ma, guardando all’impiego principalmente hobbystico, può essere talvolta una soluzione dispendiosa.

I cricchetti possono avere un numero di denti variabile da 24 a più di 200

Quasi ogni serie chiavi a bussola, al contrario, offre il cricchetto reversibile in dotazione. Tale meccanismo è senz’altro quello più versatile e preferito in questo senso, dal momento che permette di svolgere un lavoro preciso e rapido, senza tuttavia sforzare sul dado in oggetto.

Il funzionamento è molto semplice, poiché tale elemento risulta costituito da un manico, terminante con un innesto da inserire nel quadro femmina delle chiavi a bussola, rispettando ovviamente le misure dello specifico attacco disponibile e, nel caso, inserendo i già citati adattatori.

La grande utilità di simili oggetti è definita dal fatto che l’innesto è spesso trattenuto da una sfera con molla, la quale determina il meccanismo di reversibilità, costituito da una ruota dentata e un becco. Maggiore sarà il numero dei denti e più elevata sarà la precisione e la facilità di serraggio.

Questo sistema è senz’altro il preferito in senso assoluto, perché consente di avvitare o svitare con elevata velocità, sforzo ridotto e senza dover continuamente togliere e reinserire le chiavi a bussola dal dado.

I cricchetti reversibili, infatti, funzionano in maniera da permettere l’applicazione della forza sulle chiavi a bussola in un’unica direzione, a seconda che si stia stringendo o aprendo il bullone, mentre la direzione opposta libera il meccanismo, facendo girare a vuoto il cricchetto.

In tal modo, l’intervento è estremamente agevolato e può essere portato a termine con piccoli e brevi movimenti del braccio, i quali non rischiano mai di rovinare i dadi o le chiavi a bussola stesse.

Altri accessori

Dopo aver eseguito le necessarie valutazioni riguardanti la qualità intrinseca del set chiavi a bussola, il numero di pezzi, le dimensioni e i metodi con i quali procedere all’uso dei bussolotti, è possibile soffermarsi, prima di acquistare, sulla presenza di altri utensili accessori.

Non è affatto raro, infatti, che i migliori set di bussole siano equipaggiati con alcuni elementi estremamente utili a incrementare notevolmente la versatilità di simili prodotti. Spesso e volentieri tali oggetti possono rivelarsi delle ottime soluzioni per ampliare le proprie possibilità operative senza dover ricorrere a ulteriori acquisti.

La più importante possibilità in tal senso è la modalità di stoccaggio dell’utensileria. Quasi ogni set viene consegnato all’interno di una valigetta chiavi a bussola, entro la quale sarà possibile alloggiare ogni pezzo componente la serie in esame. Ovviamente tali contenitori, siano essi conformati come valigette o come vere e proprie cassette per attrezzi, dovranno risultare leggeri, ma al contempo resistenti e capienti.

Una classica cassetta per chiavi a bussola atta allo scopo, di norma, è costruita in metallo, acciaio o alluminio, oppure in plastica rigida. Gli esemplari in metallo sono normalmente più pesanti ma più resistenti, mentre le soluzioni realizzate con polimeri possono garantire una migliore praticità di movimento, ma rivelarsi meno resistenti all’usura e alla deformazione.

In base alla dotazione, i set in valigetta possono pesare dai 2 ai 10 kg

Nella stessa ottica è importante che la miglior cassetta chiavi a bussola possa presentare degli alloggiamenti interni ben distinti, i quali permettano di riporre l’oggettistica con ordine e metodo. Oltre a ciò, le migliori soluzioni dispongono di sagome apposite per ogni pezzo, riportanti anche l’indicazione della misura dell’utensile che lì deve essere stoccato.

Tale particolarità permette di riporre e prelevare con estrema facilità ogni chiave a bussola, mentre in alcuni casi si possono rintracciare anche fascette di tenuta o chiusure a scatto, ovvero peculiarità che permettono di trasportare la propria attrezzatura in tutta sicurezza.

In aggiunta alla valigetta, tuttavia, ci possono essere altri accessori estremamente utili all’interno di una dotazione completa di bussole, ad esempio

  • Brugole
  • Prolunga
  • Cacciaviti
  • Snodi cardanici
  • Inserti da avvitatore
  • Leve a T e/o a manovella

Le leve diverse dai cricchetti, vale a dire a T e a manovella, in maniera similare ai cacciaviti, possono tornare particolarmente utili in lavorazioni particolari, ad esempio laddove le chiavi a bussola debbano andare a operare in spazi ridotti in cui non ci sia sufficiente margine di manovra per utilizzare il cricchetto.

Allo stesso modo, le punte da cacciaviti aventi le adatte misure di attacco possono essere impiegate a titolo di hobby, nell’ambito di interventi più immediati o dove non sia richiesta un’elevata coppia di serraggio.

Mentre le brugole e gli inserti da avvitatore, in praticamente qualsiasi operazione manutentiva, sono elementi sempre necessari alla rimozione di grani o viti, gli snodi cardanici sono impiegabili tipicamente qualora si vada a lavorare con le chiavi a bussola all’interno di motori. Questi oggetti snodabili permettono di svitare o avvitare dadi il cui orientamento non sia perpendicolare all’asse di intervento.

Infine, le prolunghe per cricchetto, aventi lunghezza variabile da 50 a 400 mm, sono necessarie a operare su bulloni situati all’interno di rientranze o il cui raggiungimento sia ostacolato da parti inamovibili, configurando le cosiddette chiavi a bussola lunghe.

Consigli d’impiego e manutenzione

Sebbene tali attrezzature siano normalmente di ottima qualità generica, è bene comunque rispettare alcune specifiche riguardanti il corretto uso, la pulizia e la manutenzione. Come ogni hobbysta sa molto bene, infatti, ogni strumento lavorativo può risultare molto più longevo se viene trattato con cura e utilizzato nel modo giusto.

A tale regola generale non sfuggono nemmeno le migliori chiavi a bussola che, se usate in modo improprio o se stoccate in maniera approssimativa e disordinata, possono incorrere in un’usura precoce. Le indicazioni in tal caso potrebbero risultare piuttosto intuitive, tuttavia è certamente bene esporle, in modo da non lasciare dubbi a riguardo.

Ad esempio, è molto importante utilizzare le chiavi a bussola soltanto sui bulloni aventi la stessa misura, poiché, se gli elementi più piccoli non potranno fisicamente aderire ai dadi più grossi, il rischio di utilizzare bussolotti troppo grandi per bulloneria più piccola è più frequente.

Intervenendo con misure errate, infatti, si rischia di spanare la chiave a bussola stessa, oltre che di rovinare, talvolta fino a renderlo più inutilizzabile, il dado da svitare.

In aggiunta, un set chiavi a bussola adoperato con l’ausilio di un cricchetto non dovrà mai subire sollecitazioni eccessive. Durante le operazioni di sostituzione di uno pneumatico forato, per esempio, si utilizzano sovente tubi e martelli per sbloccare i bulloni di tenuta del mozzo della ruota.

Se, utilizzando classici utensili meccanici, tale operazione non comporta rischi per l’attrezzatura, lo stesso non si può dire di un cricchetto: quest’ultimo, infatti, se sforzato con un martello, potrebbe disassarsi internamente, perdendo quindi l’allineamento degli assi, rompendo il beccuccio di perno della ruota dentata e, conseguentemente, diventando inservibile allo scopo.

Lo stesso principio è valido anche qualora si stia utilizzando una chiave a bussola lunga o con prolunga.

Il verso di serraggio del cricchetto è talvolta selezionabile con una levetta

Altrettanta attenzione dovrà essere impiegata nelle operazioni di stoccaggio delle chiavi a bussola. Mantenere l’ordine interno della cassetta entro cui esse sono riposte è fondamentale nell’ottica di individuare velocemente l’elemento di cui si ha bisogno, tuttavia è utile anche per evitare che, durante il trasporto della strumentazione, i pezzi possano urtarsi tra di loro.

In aggiunta, sebbene le strutture in acciaio, siano esso al cromo vanadio o meno, si rivelino senz’altro molto resistenti agli urti, è sempre bene riporre le chiavi a bussola evitando di gettarle a terra e far loro subire urti di sorta.

Infine, anche la pulizia riveste un ruolo importante nella corretta conservazione delle chiavi a bussola, determinandone una più elevata durata nel tempo. Alcuni suggerimenti in tal senso sono

  1. Ripulire residui di olio e grasso
  2. Asciugare con panni asciutti gli elementi bagnati
  3. Evitare sempre il contatto con liquidi o materiali corrosivi
  4. Mantenere al riparo da shock termici improvvisi o molto elevati

Seguendo questi pochi e semplici consigli sarà possibile avere la certezza che le chiavi a bussola dureranno a lungo nel tempo. Risulta altrettanto utile avere sempre l’accortezza di non esporre tale utensileria nel suo insieme a umidità eccessiva o al contatto diretto e prolungato con l’acqua.

Nonostante molti utensili, per merito delle finiture e della composizione cromata, siano più resistenti alle intemperie e alla ruggine rispetto al normale acciaio, se esposti per lunghi periodi ad azioni corrosive incorreranno comunque nell’usura precoce.

Recensioni delle migliori chiavi a bussola

1. Rolson 36109

Ideale allo svolgimento di tutte quelle operazioni non troppo impegnative tipiche dell’ambito del bricolage, Rolson 36109 offre una dotazione di chiavi a bussola che risulta essenziale ma di buona qualità, garantendo una buona versatilità generica e delle prestazioni adeguate ai classici impieghi amatoriali.

Rolson 36109

Il modello più venduto

Rolson 36109

(4.2)

Offerta: 13,25 Prezzo: 3,31 Sconto: 3,31 (100%) *

Presentato all’interno di una comoda e pratica valigetta in plastica resistente stampata a soffiaggio, quindi realizzata in un unico pezzo, il set Rolson 36109 è utile per tutti quegli hobbysti che si dedicano alle più tradizionali lavorazioni manutentive.

Il tutto risulta essere anche molto maneggevole, in virtù delle dimensioni compatte e del ridotto peso della cassetta, ovvero 1,12 kg distribuiti su 24,8 x 12,2 x 4 cm: per tale motivo, sarà particolarmente confortevole da trasportare. L’equipaggiamento conta un numero di pezzi ammontante a 40 elementi, cioè un corredo basilare.

Nello specifico, le chiavi a bussola presenti fanno parte di 2 serie, una con attacco da 1/4″ e una con attacco da 3/8”, i cui formati vanno dai 4 mm della più piccola ai 21 mm della più grande, quest’ultima specifica per operare sulle candele dei motori. Tutti gli inserti presentano sia le misure metriche che quelle imperiali e il kit è completato dal necessario cricchetto con prolunga e un cacciavite.

2. Beta 903E/C98

Offrendo un’attrezzatura di qualità e facilmente adattabile a svolgere un’ampia gamma di lavorazioni di diverso tipo, Beta 903E/C98 è un set di chiavi a bussola che, unitamente con il resto della strumentazione proposta, configura una dotazione versatile e pratica in molte situazioni operative.

Beta 903E/C98

Il prodotto migliore in assoluto

Beta 903E/C98

(4.2)

Offerta: 134,00 Prezzo: 167,81 Sconto: 33,81 (20%) *

Il nutrito assortimento che compone l’offerta di Beta 903E/C98, comprende ben 45 bussolotti di diversa dimensione, 35 inserti per l’avvitatore, un cricchetto reversibile con 48 denti, uno snodo cardanico, 2 prolunghe, rispettivamente da 50 e 100 mm, cacciavite da 150 mm e 2 brugole.

Gli inserti per avvitatore, in particolare, determinano elevata adattabilità a una notevole varietà di lavorazioni, presentando profili a taglio, a croce, pozidriv, esagonali e torx. Ogni accessorio di questo kit di ottimo livello è dotato di un attacco quadro da 1/4″, il che identifica la possibilità di lavorare sulla maggior parte della bulloneria più comunemente utilizzata.

Tale versatilità è possibile anche per merito delle misure disponibili per le chiavi a bussola esagonali, che vanno dai 4 ai 32 mm. Il tutto, per consentire maggiore comodità d’impiego generale, è stoccato all’interno di una valigetta robusta da 37,5 x 29,5 x 8,4 cm per un peso complessivo di 8 kg.

3. AmazonBasics AMZ1702

L’elevato numero di elementi componenti l’equipaggiamento di chiavi a bussola di AmazonBasics AMZ1702 permette di svolgere lavorazioni manutentive e meccaniche anche complicate, potendo contare su molti utensili di ottima qualità e resistenti, realizzati per essere longevi e duraturi.

AmazonBasics AMZ1702

Miglior rapporto qualità e prezzo

AmazonBasics AMZ1702

(4.2)

Offerta: 64,56 Prezzo: 16,14 Sconto: 16,14 (100%) *

Tutta l’attrezzatura presentata dal set AmazonBasics AMZ1702 è forgiata in acciaio al cromo vanadio, il quale certifica una maggiore coppia di serraggio, grande resistenza all’usura e alla corrosione. Oltre alla grande qualità dei materiali, è garantita anche una notevole semplicità di utilizzo, per merito dei 3 cricchetti reversibili a sgancio rapido con attacco da 1/4″, 3/8” e 1/2″.

Le misure di ogni pezzo sono inoltre riportate sia in unità metriche che secondo il sistema imperiale. Nella valigetta, completa di maniglia e sagome interne dedicate, trovano invece spazio ben 201 elementi. Le chiavi a bussola, con attacchi da 1/4″, 3/8” e 1/2″, vanno da 4 mm a 19 mm, mentre le 14 brugole presenti, corte e lunghe, hanno diametri compresi da 1,3 a 6 mm.

Sono anche allegate punte per avvitatore e per cacciavite di vari formati, una prolunga, un adattatore e 4 bussolotti combinati, più uno per candele. Il tutto misura 45 x 33 x 9 cm e pesa 7,48 kg.

Opinioni finali

Effettuare riparazioni e manutenzioni di tipo conservativo su oggettistica di varia natura è di certo una tra le attività più di frequente svolte da hobbysti in genere e da appassionati della meccanica. Tuttavia, per poter risultare davvero efficaci, occorre dotarsi del miglior set di chiavi a bussola con cui operare sulla bulloneria più diffusa.

Può però non essere semplice stabilire in modo rapido e con certezza quale scegliere tra le varie offerte presentate dal mercato dedicato a tale ambito specifico, magari tentati da uno sconto o da offerte a tempo.

Nel casi in cui le necessità operative fossero relativamente limitate, una dotazione come quella presentata da Rolson 36109 potrebbe essere una buona soluzione. Questo prodotto, infatti, coniuga una buona maneggevolezza globale con un assortimento utile nella maggior parte delle più classiche occasioni, mentre il prezzo di vendita è senza dubbio considerabile come uno tra i migliori, almeno considerando tale fascia qualitativa.

Qualora si cerchi, invece, un migliore equipaggiamento, più specifico, Beta 903E/C98 può offrire una comoda valigetta comprendente attrezzeria impiegabile in diverse occasioni. Risultando essere un buon compromesso tra comodità d’uso, qualità e applicabilità globale, questa soluzione può essere di certo molto interessante agli occhi di molti utenti, se non addirittura imperdibile in presenza di sconti, più o meno sostanziosi.

Se, al contrario, ci si intendesse dotare di un set che consenta di lavorare con rapidità, in modo preciso e semplice, AmazonBasics AMZ1702 può essere un’alternativa di alto livello. Per merito dell’ottima qualità globale, della comoda e robusta valigetta e del nutrito numero di utensili, tale prodotto può essere considerato estremamente versatile, oltre che conveniente, dal momento che è venduto a uno tra i prezzi più allettanti in circolazione, anche in assenza di una particolare offerta.

Quali chiavi a bussola scegliere? Classifica (Top 3)

Prodotto Offerta Sconto Voto
Rolson 36109 Rolson 36109 13,25 € 3,31 * 3,31 € (100%) (4.2)
Beta 903E/C98 Beta 903E/C98 134,00 € 167,81 * 33,81 € (20%) (4.2)
AmazonBasics AMZ1702 AmazonBasics AMZ1702 64,56 € 16,14 * 16,14 € (100%) (4.2)

Domande frequenti

Sono preferibili dotazioni in acciaio temperato o in cromo vanadio?

L’acciaio temperato ha un grado di durezza normalmente superiore al cromo vanadio, per cui risulta più adatto a lavorazioni di meccanica pesante.

Le misure in pollici possono agire su dadi in millimetri?

No, gli attrezzi con formato imperiale sono specifici per bulloneria misurata in pollici, e viceversa.

Quali sono i bussolotti da usare per svitare le candele di avviamento?

Dipende dal motore specifico, ma di solito le misure adatte a tale scopo specifico sono da 17, da 21 o da 24 mm.

Gli inserti possono essere montati su un avvitatore pneumatico?

Sì, gli inserti presenti in tali kit sono normalmente utilizzabili sia su avvitatori elettrici che pneumatici.

I cricchetti possono essere usati con bussolotti di un’altra marca?

Certamente sì. Se l’innesto quadro della chiave a bussola è dello stesso formato, tutti i cricchetti sono impiegabili con accessori prodotte da aziende diverse.

Cosa significa la sigla SAE?

La sigla SAE è un diverso modo per definire le unità di misura imperiali anglosassoni, quindi espresse in pollici.

Quanti elementi deve avere un kit di emergenza da automobile?

Dipende molto dalle necessità specifiche, tuttavia i set basilari da 20 o 30 elementi sono spesso più che sufficienti per fronteggiare emergenze meccaniche.

Serra meglio il cricchetto o la leva dinamometrica?

Non è possibile dare una risposta univoca, perché le chiusure dinamometriche servono per casi in cui sia necessaria una coppia di serraggio ben specifica, mentre i cricchetti sono utilizzabili in modo più versatile.