Come collegare il telefono alla tv

Guardare una trasmissione in streaming sullo schermo dello smartphone alla lunga può affaticare gli occhi, ma, se ci si trova a casa, è possibile rendere l’esperienza di visione molto più confortevole sapendo come collegare il telefono alla tv. Proprio per la diversità di prese, connessioni e tecnologie supportate da entrambi gli apparati, in commercio sono disponibili soluzioni capaci di soddisfare le esigenze di tutti e grazie alle quali si riusciranno a vedere agevolmente foto, video e film sentendone anche l’audio.

Utilità e tipi di collegamento al televisore

Per quanto ampio e ben leggibile, lo schermo dello smartphone può risultare limitante in certe situazioni. Si pensi, ad esempio, alla possibilità di guardare un film in streaming in compagnia oppure a quando si vogliono mostrare dei video alla propria famiglia, permettendo a tutti di vedere e sentire chiaramente ogni scena. In queste e altre situazioni può fare la differenza sapere esattamente come collegare il telefono alla tv e quali contenuti è possibile condividere con essa.

1- Casting per la condivisione di file

Chi vuole collegare smartphone a tv per visionare sul suo schermo immagini, filmati e prodotti multimediali appartenenti a noti servizi di streaming deve optare per una soluzione in grado di fare il cosiddetto casting, ovvero capace di trasmettere da cellulare a tv singoli file o contenuti di specifiche app che supportano tale funzionalità.

2- Duplicare lo schermo con Screen Mirroring

Capita a tutti prima o poi di voler duplicare lo schermo dello smartphone sul televisore in modo da godere della stessa vista del dispositivo mobile, ma più in grande. Usando lo Screen Mirroring per collegare cellulare a tv non solo sarà possibile osservare in tempo reale ogni azione compiuta col proprio telefono Android o con diverso sistema operativo, ma si potranno aggirare i vincoli imposti dalle applicazioni non compatibili con il casting.

Come fare il collegamento

Che sia per effettuare la condivisione di file sul televisore o la duplicazione dello schermo dello smartphone, non esiste un unico metodo per collegare il telefono alla tv, ma anzi le soluzioni a disposizione variano in base a prese e connessioni riscontrabili in entrambi i device. Di norma è possibile stabilire un collegamento via cavo oppure optare per soluzioni senza fili.

Alternative con cavo

Aggiungere anche solo un cavetto in qualsiasi stanza della casa, si sa, può comprometterne l’estetica, per non parlare della possibilità di inciamparci sopra, tuttavia questo a volte è l’unico modo per mettere in comunicazione 2 apparecchiature altrimenti incompatibili.

Inoltre, l’utilizzo di un cablaggio per collegare cellulare a tv ha il grosso vantaggio di assicurare la miglior qualità di visione, poiché sarà impossibile riscontrare ritardi sullo schermo del proprio televisore, caratteristica fondamentale quando si è immersi in un videogioco o si sta guardando un film in diretta streaming.

Se ci si sta domandando come collegare il telefono alla tv con cavo, non c’è una risposta univoca, perché bisogna adottare una soluzione compatibile con le porte presenti su televisore e smartphone.

1- Slimport

I meno tecnologici saranno in grado di collegare il cellulare alla tv per fare lo Screen Mirroring servendosi di un cavo Slimport. Esso dal lato dedicato al televisore è equipaggiato con un attacco per porta HDMI, VGA o DisplayPort mentre all’estremità opposta riservata allo smartphone può disporre di uno spinotto USB-C, Lightning o Micro-USB.

Per rendere il proprio acquisto fruttuoso e riuscire agevolmente a collegare lo smartphone alla tv è fondamentale un cavetto Slimport dotato di connettori compatibili con le prese adoperate dai 2 apparati in proprio possesso. Ad esempio, un cavo HDMI può andar bene per la maggior parte dei televisori di ultima generazione, mentre per quelli più datati è meglio prediligere la variante VGA.

2- MHL

Un cavo MHL, il cui acronimo sta per “Mobile High-definition Link”, è un cablaggio appositamente progettato per collegare telefono a tv e mostrare su quest’ultimo un duplicato dello schermo. Infatti a un’estremità è provvisto di un connettore da inserire nella porta HDMI della televisione, dall’altro capo può avere un attacco Micro-USB, USB-C o Lightning da abbinare al cellulare.

Prima di acquistare questo particolare cavo HDMI è importante verificare la compatibilità di entrambe le apparecchiature con lo standard MHL e anche che lo spinotto più piccolo del cablaggio sia della giusta tipologia rispetto alla presa di ricarica dello smartphone, altrimenti non sarà possibile collegare il cellulare alla tv.

Inoltre esistono 2 tipi di cavo MHL, quello attivo, in cui è necessario aggiungere al cavetto HDMI un ulteriore collegamento per l’alimentazione, e il modello passivo, il quale, invece, è subito pronto per l’uso.

3- Cavo di ricarica del cellulare

Qualora il proprio televisore fosse munito di porta USB, si riuscirà a collegare il cellulare alla tv sfruttando il cavo di ricarica, che da una parte monta uno spinotto USB, mentre dall’altra un connettore più piccolo di tipo Micro-USB, USB-C o Lightning in base a marca e modello del telefono.

Diversamente dal cavetto HDMI, con questo stratagemma è possibile effettuare esclusivamente l’invio dei contenuti tramite casting. Affinché la procedura vada a buon fine, chi è in possesso di un dispositivo mobile Android dovrà solo mettere mano alle impostazioni relative al collegamento in atto e selezionare la voce “trasferisci file”.

Opzioni wi-fi

Chi non vuole vedere il cavo HDMI o altri antiestetici cablaggi sul pavimento o sugli arredi spesso avrà a disposizione delle alternative. Se non si ha la più pallida idea di come collegare il telefono alla tv senza cavi, si può provare a ricorrere alla connettività wireless, altrimenti a installare sullo smartphone b o di diverso brand alcune applicazioni per il casting dei file.

Indipendentemente dall’opzione scelta, il dispositivo mobile e il televisore dovranno essere connessi entrambi alla stessa rete wi-fi. Per riuscirci si dovrà adoperare uno smart tv oppure abbinare al proprio vecchio schermo una speciale chiavetta o dongle provvisto di connessione wi fi o ancora optare per particolari tecnologie.

1- Abbinamento a smart tv tramite app

Collegare il telefono alla smart tv è un’operazione estremamente facile per chiunque. A prescindere dalla marca, questo tipo di schermo ospita applicazioni utili allo scopo e funzioni intelligenti, a cominciare dalla connettività wi-fi.

Per creare un canale di comunicazione occorre innanzitutto scaricare e installare sul telefono delle app, prediligendo possibilmente quelle dello stesso marchio del proprio televisore al fine di assicurarsi la migliore compatibilità tra i 2 apparati, i quali dovranno essere entrambi connessi alla medesima rete internet.

Solo allora si riuscirà con successo a collegare smartphone a smart tv, inviando a quest’ultimo foto, video, musica e talvolta eseguendo persino lo Screen Mirroring.

2- Amazon Fire Stick per schermi datati

L’ormai diffusissima Amazon Fire Stick è la chiavetta di casa Amazon munita di apposito attacco da agganciare alla porta HDMI del televisore e di un ulteriore filo da inserire in una presa a muro per l’alimentazione.

Grazie a essa, non solo sarà possibile collegare il telefono alla tv, ma anche guardare film e serie televisive forniti da noti servizi di streaming, a cominciare da Amazon Prime Video, con una risoluzione dell’immagine fino a 4K.

Integrando al suo interno l’assistente vocale Alexa e un modulo wi fi, questo dongle HDMI può rappresentare un valido sistema con cui collegare smartphone alla tv esclusivamente per effettuare l’invio dei file memorizzati sul dispositivo mobile Android o di altro brand e consentirne così una visione agevole sullo schermo della televisione, all’occorrenza usando i comandi vocali.

3- Google Cast e Chromecast per telefoni Android

I possessori di un telefono o tablet Android saranno agevolati nel collegare cellulare alla tv senza cavi attraverso Google Cast, un protocollo che sfrutta il wi fi per trasferire contenuti audiovisivi ed eseguire lo Screen Mirroring.

Il servizio Google Cast è già integrato negli smart tv Android, altrimenti, se il proprio televisore usa un diverso sistema operativo o non dispone di funzionalità intelligenti, per servirsene ci si dovrà procurare la chiavetta Chromecast in versione Full HD o 4K e abbinarla allo schermo tramite porta HDMI. Qualora si opti per questo dongle HDMI, si potranno pure installare le app per Android più popolari per la fruizione di prodotti in streaming.

4- AirPlay e Apple Tv per device Apple

Qualsiasi computer e dispositivo mobile a marchio Apple, come iPhone, iPad, iMac e Macbook, supporta sempre la tecnologia AirPlay, se non addirittura AirPlay 2 nei modelli più recenti. Essa facilita lo scambio di file tra questi apparati, purché siano tutti connessi alla stessa rete wi fi.

Se si volesse condividere i propri contenuti anche col televisore o semplicemente vedere il cellulare sulla tv grazie a Screen Mirroring, si dovrà disporre di uno schermo equipaggiato con AirPlay 2 o altrimenti acquistare una Apple Tv da abbinarci utilizzando un cavetto HDMI.

Essendo un box multimediale dotato di AirPlay, connettività wi-fi e assistente vocale Siri, per usare Apple Tv basterà impartire precise istruzioni senza bisogno del telecomando, semplicemente pronunciando dei comandi vocali.

5- Protocollo DLNA e apposite app

Acronimo di “Digital Living Network Alliance”, DLNA è uno standard un po’ datato, ma ancora molto valido con cui connettere telefono a tv. Questa tecnologia agevola la condivisione di certe tipologie di file multimediali tra tutte le apparecchiature collegate alla medesima rete wi fi.

Per tale ragione DLNA viene supportata da smart tv, console di gioco, NAS, tablet, pc e smartphone Android o con altro sistema operativo. Al fine di collegare il telefono al televisore per scambiare contenuti con questo protocollo, tuttavia è necessario scaricare e installare apposite app sul dispositivo mobile e su tutti i device coinvolti.

Wi-Fi Direct – Una soluzione davvero senza fili

Possedere una connessione internet non è un requisito indispensabile per collegare lo smartphone alla tv, perché, anzi, si riuscirà lo stesso nell’impresa e, per giunta, senza bisogno di ricorrere ad alcun cavo, utilizzando la tecnologia Wi-Fi Direct elaborata dal consorzio WiFi Alliance e che non necessita del wi fi.

Se tv e telefono supportano Wi-Fi Direct, è sufficiente attivarlo su entrambi e poi eseguire il cosiddetto accoppiamento, ovvero lo scambio delle chiavi di sicurezza.

Screen mirroring offline con Miracast

I televisori di ultima generazione caratterizzati dalle sigle “SmartShare” o “AllShare” dispongono, invece, della funzionalità Miracast.

Si tratta di un protocollo basato su Wi-Fi Direct e di conseguenza anch’esso in grado di funzionare offline abbinato a dispositivi di vari marchi, tra cui Android, ma non ai device Apple, per i quali, invece, si dovrà avere una connessione wi fi insieme a una Apple Tv. Chi sceglie di collegare telefono alla tv con Miracast riuscirà ad avere sulla televisione un esatto duplicato dello schermo del cellulare.