Migliori pattini da ghiaccio del 2020

Che si tratti di sport quali pattinaggio artistico o di velocità, hockey, o semplicemente di un modo alternativo per passare il tempo da soli o con gli amici durante il periodo invernale, per praticare tali attività è importante procurarsi il giusto paio di pattini da ghiaccio, come Head W3FG01278524. Sono la calzatura indispensabile per potersi muovere agevolmente su una superficie congelata, imparando a migliorare tante delle proprie abilità fisiche, ad esempio postura ed equilibrio, con un metodo piacevole e divertente.

Confronto dei pattini da ghiaccio migliori

Head W3FG01278524

Il modello più venduto

Head W3FG01278524

(4.2)

Offerta: 49,95 € Prezzo: 59,90 Sconto: 9,95 (17%) *

  • Robusto rivestimento esterno resistente all’acqua
  • Linguetta imbottita aiuta nel calzare lo stivaletto
  • Efficiente chiusura con lacci garantisce aderenza

Leggi la recensione

Roces RFG 1

Il prodotto migliore in assoluto

Roces RFG 1

(4.2)

Offerta: 55,98 € Prezzo: 14,00 Sconto: 14,00 (100%) *

  • Grande sicurezza assicurata dai rinforzi integrati
  • Suola removibile facilita l’asciugatura dopo l’uso
  • Imbottitura in nylon si adatta benissimo al piede

Leggi la recensione

Head W4FS16

Ottima alternativa

Head W4FS16

(4.2)

Offerta: 59,51 € Prezzo: 79,90 Sconto: 20,39 (26%) *

  • Foderati all’interno con velluto morbido e caldo
  • Gommapiuma nella linguetta protegge le caviglie
  • Offrono massima aderenza e comfort nella calzata

Leggi la recensione

Come scegliere i pattini da ghiaccio

Struttura e funzionalità

Il pattinaggio sul ghiaccio è uno sport prevalentemente invernale, anche se esistono palazzetti appositi sempre funzionanti per consentire agli atleti professionisti di allenarsi, e in paesi in cui il clima è sempre rigido è ovviamente possibile praticarlo tutto l’anno.

Tale attività può essere svolta a qualsiasi età, e tantissime città nei periodi freddi aprono delle piste, in strutture specializzate o nelle piazze, e in certi casi su laghi su cui si forma uno strato congelato estremamente robusto, per consentire a chiunque di divertirsi pattinando. Esistono poi veri e propri sport, come

  • Hockey
  • Short track
  • Pattinaggio di velocità
  • Pattinaggio artistico o di figura

A prescindere dalla disciplina o dal livello di esperienza, l’elemento comune sono le calzature da adoperare necessariamente per muoversi in maniera adeguata, ovvero i pattini da ghiaccio. Questi sono infatti progettati per scivolare su di esso in modo agevole e controllato, al fine di proteggere i piedi dal freddo e sostenere le caviglie.

La loro struttura si differenzia leggermente in base all’utilizzo, per esempio i pattini ghiaccio artistico consentono di eseguire figure, piroette, salti coreografici e altre evoluzioni, oppure addirittura di ballare, da soli, in coppia, o assieme a un gruppo di atleti, nel caso del pattinaggio sincronizzato.

Ci sono poi i pattini da ghiaccio progettati per raggiungere velocità elevate, competendo contro uno o più avversari per completare un numero predefinito di giri di pista, la quale presenta una lunghezza inferiore e curve strette nel caso dello short track.

Per quanto riguarda invece i pattini ghiaccio da hockey, questi sono progettati per offrire una sicurezza maggiore, infatti sono in grado di riparare dagli urti causati da bastoni e dischetto o dagli altri giocatori. In generale, tutti i pattini da ghiaccio hanno una struttura di base simile, la quale si compone di

  1. Lama
  2. Suola
  3. Puntale
  4. Chiusure
  5. Linguetta
  6. Stivaletto
  7. Talloniera
  8. Imbottiture
  9. Rivestimento

Se per pattinare sul terreno sono necessarie le rotelle, in questo caso occorrono le lame pattini da ghiaccio, ovvero delle strutture in metallo sottile ma robusto da fissare alle suole, il cui punto di contatto con il suolo non è piatto ma concavo. Saranno quindi solo i due fili esterni ad appoggiare, riducendo l’attrito e dando la possibilità di cambiare direzione con agilità.

La suola può essere dritta o avere un tacco, ma il suo scopo è sempre garantire isolamento termico, e offrire un aggancio solido per la lama. Talloniera e puntale fanno parte dello stivaletto, e vanno tenuti in considerazione poiché in tali aree sono presenti dei rinforzi integrati per scongiurare il rischio di farsi male.

Lo stivaletto è solitamente alto fino a poco sopra i malleoli, ha una linguetta frontale pensata per riparare le tibie e aiutare durante la calzata dei pattini da ghiaccio e dispone di chiusure con cui far aderire la struttura ai propri piedi, siano esse composte da lacci, ganci o fibbie.

All’interno è cucita una fodera realizzata impiegando tessuti morbidi quali lana sintetica, velluto, pile o altro, che presenta imbottiture nei punti maggiormente sensibili a urti e infortuni, come caviglie o talloni. Oltre a proteggere, forniscono un’efficace barriera contro il freddo, pur consentendo alla pelle di traspirare per evitare la formazione di cattivi odori.

Impediscono i movimenti laterali della caviglia ma consentono quelli frontali

Esternamente, invece, i pattini da ghiaccio sono rivestiti con materiali robusti, variabili a seconda del modello per composizione e rigidità, ma quasi sempre fatti per adattarsi nel tempo all’anatomia del proprietario, in modo da risultare sempre più comodi e “personalizzati”.

Infatti, ogni utente ha una forma del piede leggermente diversa da chiunque altro, perciò se si prestassero i propri pattini per ghiaccio a qualcuno, questo non li troverebbe particolarmente confortevoli. A prescindere dall’uso, i pattini da ghiaccio devono essere impermeabili, per mantenere il loro interno sempre asciutto.

Se non dovessero essere già trattati in modo da risultare idrorepellenti, basterà applicare un apposito spray, chiedendolo al negoziante o eseguendo un acquisto a parte, in modo da averlo sempre a disposizione.

Distinzione tra sport

Un consiglio per capire come scegliere il paio di pattini da ghiaccio migliore è quello di conoscere le differenze tra i modelli in base allo sport per cui sono indicati. Oltre alle distinzioni strutturali ci sono quelle per materiali, i quali sono sempre robusti e performanti per assicurare un buon rapporto qualità prezzo, persino quando si punta su un prodotto economico.

Cercando i migliori pattini da ghiaccio ci si può inoltre imbattere nelle certificazioni di sicurezza come TÜV e GS, entrambi marchi tedeschi diffusi in tutto il mondo, i quali garantiscono che la produzione di tali accessori ha rispettato in ogni passaggio le norme di sicurezza garantite dalle loro normative. Tale garanzia è da ricercare a qualunque livello di esperienza.

Pattinaggio Rivestimento Stivaletto Lama Chiusure
Di figura Cuoio, pelle sintetica, vinile Più morbido e alto sulla caviglia, suola con tacco Corta, con dentini sulla punta Lacci
Di velocità Miscele di plastica, kevlar e carbonio Permette di sollevare il tallone Lunga e sottile
Ganci o fibbie
Hockey Pelle sintetica, kevlar, carbonio Basso ma con linguetta posteriore Corta, si aggancia allo chassie Lacci e ganci
Tempo libero Pelle sintetica, vinile, plastica Leggero e mediamente rigido Corta ma senza chassie o dentini Fibbie o lacci

Il rivestimento esterno ha una rigidità minore nei pattini da ghiaccio artistico, poiché deve consentire cambi di direzione rapidi e piroette, tuttavia questi hanno un’altezza maggiore sulla caviglia, per tenere l’articolazione sotto controllo. Invece, nei pattini per il ghiaccio da velocità o da hockey è necessaria una maggior robustezza, tuttavia il loro stivaletto basso consente comunque una buona mobilità.

Tutti i materiali utilizzati devono resistere all’usura ed essere traspiranti, ma dove non è possibile generalmente si opta per dei fori di areazione sulla linguetta. È inoltre importante che mantengano un peso ridotto, poiché non devono causare dolori o affaticamento neppure se usati in modo prolungato.

La lama in tutti i modelli è composta di acciaio inossidabile o temprato, talvolta mescolato con del carbonio. Nelle schede dei prodotti è possibile trovare un valore di durezza, il quale è strettamente correlato alla resistenza alla corrosione, fattore assai importante per l’efficienza di tale componente.

Il valore in genere si presenta con la sigla HRC seguito da un numero, per esempio 52 o 53, a segnalare il livello di sopportazione del metallo alla penetrazione di un corpo diamantato a forma di cono. Questa sigla, frappresentativa della scala Rockwell usata per valutare durezza e resistenza alla corrosione, è posta a garanzia di una notevole riduzione nel rischio di formazione di graffi e ruggine.

Quelli definiti come clap skates sono i pattini da ghiaccio usati nelle gare di velocità normali o short track, e hanno una lama estremamente lunga, tra i 42 e i 46 cm, per scorrere meglio in rettilineo, la quale si fissa allo scarponcino solo tramite un perno anteriore.

Il tallone invece è libero di sollevarsi, in modo da ottenere una spinta in avanti molto efficiente. Hanno un rivestimento simile a quello dei pattini da ghiaccio per hockey, ma questi ultimi hanno una lama corta e arrotondata, per non far male a nessuno in caso di urti, e dare la possibilità di cambiare andatura e direzione a piacimento.

In tali modelli, inoltre, la parte metallica è collegata allo scarpone tramite lo chassie, una struttura in plastica a forma di mezzaluna. Hanno lo stivaletto basso, ma la linguetta anteriore è piuttosto lunga, a salvaguardia delle tibie persino nei pochi cm di spazio tra i pattini da ghiaccio e i parastinchi, e un’ulteriore linguetta posteriore integrata protegge i tendini.

I lacci solitamente sono cerati per resistere meglio all’usura

Le loro chiusure possono avere i lacci, tuttavia spesso sono sostituiti o integrati da ganci simili a quelli degli scarponi da sci, in quanto questi non rischiano di allentarsi o impigliarsi da qualche parte se vengono colpiti. Sono simili quelle in velcro, presenti nei modelli per bambini, le quali possono essere regolate a piacimento, solitamente scegliendo tra 3 ampiezze diverse.

Al contrario, i lacci sono fondamentali per mantenere la morbidezza dei pattini da ghiaccio da figura. Si tratta di legacci uguali a quelli delle scarpe da ginnastica, sono facili da sostituire, e in genere hanno una lunghezza tra 200 e 280 cm.

Per evitare comunque il rischio che si sleghino durante i movimenti, i migliori pattini da ghiaccio hanno un cinturino dotato di fibbia o velcro con cui bloccare le loro estremità. Altrettanto importanti sono i gancetti aggiuntivi all’altezza della caviglia, sopra alle file di occhielli.

Generalmente se ne trovano 2 o 3 coppie, e servono a regolare l’altezza della chiusura, in base a quanto si vuole bloccare il movimento dell’articolazione. La lama del pattino da ghiaccio artistico è corta come quella da hockey, ma non arrotondata sul retro, e dotata di 3 o 4 dentini anteriori grazie a cui fermarsi bruscamente all’occorrenza, in modo da riuscire ad eseguire le varie evoluzioni, come salti o piroette.

Sono gli unici pattini da ghiaccio con il tacco, il quale ha uno spessore tra 2 e 5 cm circa, e ha lo scopo di fornire maggior eleganza nei movimenti e nell’aspetto estetico. La loro duttilità li rende idonei da usare persino come modelli da tempo libero.

Infine ci sono i pattini su ghiaccio ibridi, il cui scarponcino ricorda quello dei modelli con ruote in linea, mentre la lama è corta e arrotondata, ma fissata direttamente alla suola. Sono comodi e facili da usare, infatti vengono forniti a noleggio nelle piste per principianti, dove chi lo desidera può provare questa attività prima di acquistare i propri pattini da ghiaccio.

Taglie ed esperienza

Valutando solo le differenze strutturali in base all’attività designata, non ci sono particolari caratteristiche che distinguono i pattini da ghiaccio uomo dai pattini da ghiaccio donna, o persino dai pattini da ghiaccio per bambini.

Uno dei pochi fattori da considerare per capire quale scegliere tra i vari prodotti in base al sesso e all’età è la taglia. Tra i consigli fondamentali c’è quello di non basarsi solo sulla misura delle proprie scarpe per trovare quella dei pattini da ghiaccio, poiché vestono in modo diverso.

Utenti Taglia MP Taglia EU Taglia UK Taglia US
Uomini Da 240 a 345 mm Da 38 a 52 Da 4 a 17 Da 5 a 18
Donne Da 220 a 295 mm Da 35 a 46 Da 2 a 11 Da 5 a 14
Bambini Da 145 a 205 mm Da 23 a 32 Da 6C a 13C Da 7Y a 13,5Y

La sigla MP indica l’unità di misura Mondopoint, definita dalla norma internazionale ISO 9407:1991 come misura universale dei pattini da ghiaccio. Sull’etichetta di certi modelli sono presenti solo valori utilizzati in altri stati, come le taglie americane o inglesi. Mondopoint rappresenta la lunghezza dei piedi in millimetri, perciò per comprare i pattini da ghiaccio perfetti basterà misurare i propri.

Se un acquisto di pattini da ghiaccio viene effettuato in un negozio specializzato, i rivenditori hanno degli strumenti appositi, tuttavia chi cerca i prodotti online dovrà misurare i propri piedi in autonomia. Il metodo migliore consiste nell’appoggiare i talloni a un muro, a piedi nudi o con calze sottili, e segnare il punto raggiunto dalle dita, in particolare dall’alluce.

Successivamente basterà misurare lo spazio tra il muro e quel segno. Conviene affidarsi alle tabelle specifiche della marca desiderata, poiché ognuna ha una vestibilità diversa, infatti alcune consigliano di scegliere uno stivaletto di qualche millimetro più lungo per assicurare il comfort, senza perdere in sicurezza.

Quando si provano i pattini da ghiaccio, è bene indossare i calzini che s’intende adoperare quando si scenderà in pista, e tenerli per qualche minuto provando a muovere dita e articolazioni.

La taglia indicativa si riferisce infatti alla lunghezza ma non alla larghezza della pianta del piede, perciò solo così sarà possibile capire se un determinato scarponcino è adatto alle proprie necessità.

L’imbottitura interna deve aderire bene, tuttavia non deve causare alcun fastidio, poiché tale sensazione si potrebbe trasformare in dolore dopo un utilizzo prolungato. Per i pattini da ghiaccio bambini occorre considerare la crescita, ma scegliendo solo una o due taglie in più, altrimenti non avrebbero una protezione adeguata.

Esistono modelli in crescita con scarponcini allungabili fino a 3 o 4 taglie

Alcuni pattini da ghiaccio professionali sono addirittura termoformanti, perciò vanno riscaldati prima di essere indossati, risultando abbastanza duttili da sagomarsi perfettamente in base alle curve anatomiche dell’atleta.

Un altro fattore che distingue i pattini da ghiaccio secondo l’esperienza è la rigidità, poiché un principiante necessita di una struttura morbida con cui imparare a eseguire i vari movimenti, mentre un professionista punterà su una maggiore solidità e resistenza all’usura.

Per trovare invece il peso ideale dei pattini da ghiaccio, basta dividere la loro massa per quella del proprio corpo, e poi moltiplicare per 100. Tale valore non deve superare il 5%, altrimenti a lungo andare l’utente potrebbe accusare dolori e affaticamento.

Infine va considerato il design, anche se questo è davvero rilevante solo nelle discipline di figura a livello professionale, dove i pattini ghiaccio uomo e i pattini ghiaccio bambini devono essere neri, mentre i pattini ghiaccio donna e i pattini ghiaccio bambina sono bianchi. In entrambi i casi sono presenti i tacchi, tuttavia nei modelli maschili hanno un’altezza inferiore.

Ci si potrà invece concentrare solo sul gusto personale quando si cercano modelli amatoriali, scegliendo tra varie tonalità e fantasie disponibili. Per esempio, è facile trovare pattini da ghiaccio bambina dotati di colori accesi e divertenti, e di decorazioni come fiori o altre figure, spesso persino impreziosite da applicazioni di brillantini o paillettes.

Primi passi e manutenzione

Il miglior paio di pattini da ghiaccio è quello adatto al proprio fisico e all’attività che si vuole praticare, ma in genere chi è alle prime armi dovrebbe sempre prendere alcuni accorgimenti di base per ottenere il giusto livello di comfort. Ad esempio, è bene ricordare di usare calzini sottili.

Uno spessore eccessivo può limitare i movimenti, far sudare, generare pressioni dolorose o causare calli e vesciche. Non ci si dovrà preoccupare del freddo, poiché la fodera e il rivestimento termoisolante sono progettati proprio per eliminare il problema.

Chi soffre tanto le basse temperature può ricorrere a degli scaldapiedi, optando per i calzini termici, poiché le bustine usa e getta, per quanto sottili, rappresentano uno spessore aggiuntivo, il quale rischia di risultare scomodo se i pattini da ghiaccio sono ben aderenti.

Il paralama va tolto esclusivamente prima di entrare in pista

Conviene indossare i pattini da ghiaccio nuovi per un po’ fuori dalla pista, anche in casa, ovviamente tenendo i coprilama. Ciò permetterà di prendere confidenza con essi e lavorare sull’equilibrio, e gli scarponcini inizieranno ad ammorbidirsi.

Altrettanto importante è non stringere troppo le chiusure. Bisogna far aderire la fodera al piede, ma senza pizzicare la pelle, o bloccare la corretta circolazione del sangue. Altri consigli da seguire per imparare come muoversi con i pattini sul ghiaccio sono

  • Fare stretching prima e dopo
  • Indossare guanti e altre protezioni
  • Scegliere un abbigliamento comodo
  • Iniziare rimanendo attaccati al bordo della pista
  • Provare a fare piccoli passi prima di iniziare a scivolare
  • Se possibile accompagnarsi a qualcuno con maggior esperienza

Usando i pattini da ghiaccio si sfruttano i muscoli in modo diverso rispetto al solito, perciò conviene allungarli e riscaldarli sia prima di iniziare che alla fine, per non rischiare dolori indesiderati. È sempre preferibile pattinare in compagnia di qualcuno, per farsi dare consigli se hanno più esperienza, o avere un aiuto a rialzarsi in caso di cadute accidentali.

I guanti sono accessori indispensabili a qualunque livello di pratica, non solo per riscaldare le mani, ma soprattutto per salvaguardarle da abrasioni se si cade, e da tagli quando si puliscono le lame pattini ghiaccio, poiché queste hanno un filo piuttosto tagliente e vanno maneggiate con cautela.

Le protezioni aggiuntive sono obbligatorie se si gioca a hockey, ma persino per gli altri sport, almeno le prime volte, è una buona idea avere ginocchiere e gomitiere. I vestiti indossati dovrebbero essere impermeabili, per non ritrovarsi inzuppati quando si cade e ripararsi da eventuali schizzi congelati.

Si consigliano indumenti termici, poiché mantengono al caldo senza impedire i movimenti, ed è sempre bene vestirsi a strati, per avere la facoltà di rimuoverne qualcuno quando si comincia a muoversi più velocemente, aumentando di conseguenza la propria temperatura corporea.

Infine, occorre conoscere come pulire correttamente i pattini da ghiaccio, per mantenerli intatti e performanti a lungo, ed evitare la formazione di cattivi odori al loro interno. Si tratta di operazioni piuttosto semplici, come

  1. Far arieggiare gli stivaletti il più possibile
  2. Asciugare lame e scarponcini subito dopo l’uso
  3. Se la fodera è estraibile, lavarla separatamente
  4. Lavare il rivestimento esterno con acqua e sapone
  5. Se l’interno è fisso adoperare assorbi odori e bicarbonato

Asciugare i pattini da ghiaccio subito dopo averli usati previene la formazione di ruggine, e per farlo basterà procurarsi un asciugamano. In seguito si infilano sempre i coprilama, per proteggere il metallo da umidità e urti, e le proprie mani e la borsa con cui li si trasporta dal filo tagliente.

Buona abitudine è inoltre tenere sempre un panno asciutto nella tasca dei pattini da ghiaccio, e degli assorbi odori da infilare al loro interno.

Per il lavaggio si può usare acqua e sapone all’esterno, poiché è idrorepellente, mentre si può bagnare la fodera solo se è estraibile, infatti nei migliori pattini da ghiaccio la si può inserire in lavatrice a circa 30° C, evitando però centrifughe e asciugatrici, le quali potrebbero danneggiare l’integrità dell’oggetto.

In alternativa si lasciano gli stivaletti aperti tra un utilizzo e l’altro ad arieggiare, evitando la luce diretta del sole che potrebbe deformarli o scolorirli, si sfruttano le bustine assorbi odori, e si usa periodicamente del bicarbonato per igienizzare. Se è presente una suoletta, va cambiata quando inizia a deformarsi troppo.

Recensioni dei migliori pattini da ghiaccio

1. Head W3FG01278524

Dotati di un design essenziale, ma allo stesso tempo assai pulito ed elegante, i pattini da ghiaccio Head W3FG01278524 sono tanto belli da vedere quanto robusti. Il loro rivestimento esterno è infatti composto di pelle sintetica, la quale è trattata in modo tale da risultare resistente alle infiltrazioni d’acqua.

Head W3FG01278524

Il modello più venduto

Head W3FG01278524

(4.2)

Offerta: 49,95 Prezzo: 59,90 Sconto: 9,95 (17%) *

La forma di Head W3FG01278524 li fa rientrare nei modelli da figura per donna, infatti dispongono di un tacco, si chiudono tramite lacci, e hanno un aspetto estetico classico e piacevole. Oltre agli occhielli per i legacci, hanno tre coppie di gancetti posti nella zona della caviglia, grazie a cui si potrà scegliere se puntare maggiormente sulla mobilità o sulla protezione.

Proprio a tal proposito, sempre nella zona della caviglia si trova una comoda imbottitura interna, e addirittura la linguetta risulta morbida e confortevole, oltre a essere particolarmente comoda da sfruttare quando si calzano gli stivaletti, i quali sono foderati con un tessuto davvero caldo e confortevole.

Tra gli altri materiali usati nella realizzazione di questi accessori c’è l’acciaio inox della lama, e la pelle sintetica del rivestimento esterno, il cui vantaggio maggiore è senza dubbio quello di essere idrorepellente. Si tratta di un prodotto assai versatile, infatti è disponibile in un gran numero di taglie, dalla 28 alla 42.

2. Roces RFG 1

Il livello di comfort e sicurezza raggiunto da Roces RFG 1 grazie all'imbottitura anatomica è davvero incredibile. Questi pattini da ghiaccio hanno vari rinforzi nelle aree con bisogno di maggiore protezione durante l’uso, come le caviglie, per prevenire gran parte dei rischi di infortunio.

Roces RFG 1

Il prodotto migliore in assoluto

Roces RFG 1

(4.2)

Offerta: 55,98 Prezzo: 14,00 Sconto: 14,00 (100%) *

Progettati per durare davvero a lungo, Roces RFG 1 sono composti esternamente da ecopelle assai robusta, e hanno una lama in acciaio e carbonio. La loro struttura è inoltre realizzata in modo da facilitare le operazioni di manutenzione, infatti sarà possibile rimuovere la suola per riuscire ad asciugarla alla perfezione dopo ogni utilizzo.

Per quanto riguarda invece l’imbottitura interna, questa è fatta di nylon, ed è sagomata per adeguarsi con grande precisione a ogni curva del piede. Garantisce quindi la massima comodità, ma soprattutto un’aderenza totale e quindi assai sicura. Ad aumentare ulteriormente la protezione ci sono le aree rinforzate, le quali danno sostegno ed evitano il rischio di vesciche o lesioni.

Si tratta di pattini da ghiaccio da donna, ideali per le discipline artistiche o per il tempo libero, disponibili in taglie dalla 26 alle 42. Vanno chiusi tramite i lacci, hanno due file di gancetti aggiuntivi alle caviglie, e il loro design è sportivo e accattivante.

3. Head W4FS16

Come ogni paio di pattini da ghiaccio di buona fattura, Head W4FS16 sono in grado di offrire la massima aderenza ai piedi quando vengono indossati. Ciò avviene grazie al comodo plantare fasciante, e alla presenza di lacci con cui riuscire a stringere o allargare lo stivaletto a proprio piacimento.

Head W4FS16

Ottima alternativa

Head W4FS16

(4.2)

Offerta: 59,51 Prezzo: 79,90 Sconto: 20,39 (26%) *

La parte del corpo che i pattini da ghiaccio devono riuscire a proteggere maggiormente è la caviglia, per questo Head W4FS16 hanno una comoda imbottitura in questa zona, e persino la linguetta è fatta di gommapiuma. Inoltre, ci sono tre coppie di gancetti a cui si potranno fissare i lacci della chiusura, se si desidera stringere lo stivaletto ottenendo un sostegno ancora superiore.

Le taglie disponibili per questi accessori vanno dalla 36 alla 42, sono indicate per donne, e da usare per scopo ricreativo o per sport di figura. Anche se i legacci contribuiscono notevolmente a migliorare la loro aderenza ai piedi, questa è già ampiamente assicurata dalla conformazione interna, fatta per fasciare i piedi con efficacia.

La lama è composta di tenace acciaio inox, la fodera è di velluto morbido e caldo e il rivestimento esterno è invece realizzato in pelle sintetica, la quale presenta delle piccole ed eleganti decorazioni ed è caratterizzata da un efficace trattamento di impermeabilizzazione contro le infiltrazioni.

4. Hudora Rose

Compagni ideali di chi soffre in modo particolare il freddo ai piedi, i pattini da ghiaccio Hudora Rose sono davvero caldi e confortevoli. Infatti, hanno una fodera interna rivestita di soffice pile sintetico, mentre il materiale della loro suola funge da isolante termico persino in caso di climi assai rigidi.

Hudora Rose

Miglior rapporto qualità e prezzo

Hudora Rose

(4.2)

Offerta: 49,34 Prezzo: 12,34 Sconto: 12,34 (100%) *

Gli ambienti in cui si utilizzano i pattini da ghiaccio hanno temperature piuttosto basse, poiché si tratta di attività generalmente invernali, e in ogni caso si praticano su superfici congelate. Dei buoni accessori devono saper proteggere dalle temperature basse, proprio come fanno Hudora Rose, per merito dell’ottima qualità con cui sono state realizzate tutte le loro componenti.

La suola è in PVC, ed è perfettamente isolante, mentre il resto dello stivaletto fuori è di finta pelle idrorepellente dotata di decorazioni floreali, mentre dentro è ricoperto di lana sintetica estremamente soffice e calda. Altrettanto degna di nota è la lama in acciaio temprato HRC 53, ma soprattutto il paio di pratici coprilama inclusi in dotazione.

Le chiusure si eseguono mediante i lacci, e si possono regolare sfruttando o meno le 3 file di ganci all’altezza delle caviglie. Sono un modello da donna, si possono trovare in taglie dalla 35 alla 42, e sono indicati soprattutto per un utilizzo di tipo amatoriale.

5. SFR Skates Glitra

Compatti ed efficienti, SFR Skates Glitra sono pattini da ghiaccio comodi e facili da indossare, poiché pensati per aiutare i bambini nei loro primi passi in questo tipo di attività. Hanno inoltre un aspetto estetico davvero piacevole, per merito dei decori aggiunti sul tessuto esterno degli stivaletti.

SFR Skates Glitra

Opzione bambini

SFR Skates Glitra

(4.2)

Offerta: 57,71 Prezzo: 14,43 Sconto: 14,43 (100%) *

Modello unisex progettato principalmente per essere usato da parte di bambini, ma le cui taglie sono comunque disponibili dalla 33 alla 42, SFR Skates Glitra sono davvero comodi e caratterizzati da un design classico ed elegante, il quale è arricchito da rifiniture pulite e robuste e stampe floreali in contrasto di colore.

Questi pattini da ghiaccio sono facili da indossare e adoperare, infatti si adattano molto bene a utenti di livello amatoriale. Per calzarli basterà aiutarsi con la linguetta frontale e regolare il giusto livello di aderenza stringendo a piacimento i lacci, se necessario utilizzando i ganci integrati per bloccare le caviglie se si necessita di un sostegno maggiore.

Oltre a essere ben rifiniti sono robusti, infatti i materiali di cui sono composti sono il vinile per l’esterno, l’acciaio inox per la lama, e della soffice pelliccia finta posta come fodera interna. Sono quindi garantiti durevolezza, un buon livello di sicurezza, e un bel tepore per i piedi.

Opinioni finali

Come per tutte le attrezzature sportive, per capire quale scegliere tra le varie offerte di pattini da ghiaccio è fondamentale valutarne il rapporto qualità prezzo. Un prodotto economico ha inevitabilmente prestazioni inferiori, tuttavia cercando bene si possono trovare tanti modelli validi, come anche sconti su quelli con prezzi maggiori.

Se si parte dalla fascia di prezzo medio alta, si trovano Head W3FG01278524, i quali meritano attenzione perché sono tanto essenziali quanto efficienti. Hanno un aspetto elegante, con lacci e gancetti per una chiusura sicura, e forniscono ottima protezione da freddo e infiltrazioni. Infatti, il rivestimento esterno è idrorepellente, mentre quello interno è caldo e comodo.

Una delle migliori proposte in fascia alta è rappresentata da Roces RFG 1, soprattutto per merito della loro struttura estremamente comoda e performante. Sono foderati con uno strato di imbottitura in nylon, il quale è sagomato in modo da adattarsi perfettamente all’anatomia del piede, e presentano inoltre dei rinforzi appositamente pensati per ridurre dolori e infortuni.

Un’altra eccellente offerta in fascia alta è Head W4FS16, ottimo esempio di protezione e comfort, caratteristiche garantite dal plantare fasciante e dalla presenza di un rivestimento interno in soffice e caldo velluto, il quale è addirittura imbottito nella zona della caviglia e nella linguetta. Quest’ultima inoltre offre una comoda presa al momento di infilare lo stivaletto.

Scendendo in fascia bassa, tra i miglior pattini da ghiaccio spiccano Hudora Rose, in quanto tutte le parti con cui sono realizzati sono state progettate per proteggere i piedi dal freddo. Oltre al rivestimento impermeabile hanno le suole in PVC in grado di fornire ottimo isolamento termico, e una fodera di lana sintetica spessa e morbida.

Per finire, nella fascia medio bassa un prodotto degno di nota è SFR Skates Glitra, particolarmente indicato per l’uso da parte di bambini, soprattutto se sono alle prime armi e hanno bisogno di accessori tanto sicuri e robusti quanto facili da usare. Al loro interno la finta pelliccia riscalda e protegge dagli urti. Una volta trovato il modello migliore per le proprie necessità, se avesse un prezzo elevato conviene cercarlo in sconto online.

Quali pattini da ghiaccio scegliere? Classifica (Top 5)

Prodotto Offerta Sconto Voto
Head W3FG01278524 Head W3FG01278524 49,95 € 59,90 * 9,95 € (17%) (4.2)
Roces RFG 1 Roces RFG 1 55,98 € 14,00 * 14,00 € (100%) (4.2)
Head W4FS16 Head W4FS16 59,51 € 79,90 * 20,39 € (26%) (4.2)
Hudora Rose Hudora Rose 49,34 € 12,34 * 12,34 € (100%) (4.2)
SFR Skates Glitra SFR Skates Glitra 57,71 € 14,43 * 14,43 € (100%) (4.2)

Domande frequenti

Cosa sono i pattini da ghiaccio 3 in 1?

Sono dei modelli particolari, solitamente per bambini, in cui è possibile sostituire la lama alle ruote, in linea o quad, in modo da permetterne l’uso su qualsiasi superficie, e in qualunque periodo dell’anno.

Si possono usare i plantari ortopedici?

È possibile, ma è sempre bene rivolgersi a uno specialista per capire se si può praticare il pattinaggio in caso di problemi ortopedici. Inoltre è importante considerare lo spessore di tali suolette quando si sceglie la taglia dello scarponcino.

Quali sono i segni di usura principali di cui preoccuparsi?

Prima di tutto ci sono le pieghe sulla zona della caviglia, poiché se queste sono presenti lungo tutta la circonferenza occorre sostituire l’intero accessorio. Conviene poi controllare l’integrità degli occhielli, e se ci sono inserti di rinforzo vedere che siano tutti ben incollati.

Che fare in caso di graffi?

Se sono superficiali non ci si deve preoccupare troppo, poiché sono inevitabili durante l’uso, ed esistono persino polish appositi per coprirli. Invece, bisogna sostituire gli stivaletti in caso di incisioni profonde o tagli.

Se i pattini da ghiaccio si deformano troppo, cosa significa?

I materiali di questi accessori sono estremamente duttili, soprattutto ad alte temperature, perciò tra un uso e l’altro bisogna allentare i lacci e tenere sempre le linguette dritte, altrimenti la struttura subirà deformazioni non idonee alla propria anatomia.

È possibile riparare questi accessori?

Alcune parti possono essere sostituite, come i lacci e altri tipi di chiusura, oppure la suola oppure la lama. Se i danni sono allo scarponcino, in caso di parti scollate è possibile riattaccarle, ma se ci sono tagli o usura eccessiva è necessario sostituirli.

Quanto durano i pattini da ghiaccio?

Se puliti e mantenuti correttamente, dei prodotti di buona qualità resistono senza problemi per diversi anni. Ovviamente, in caso di utilizzo quotidiano a livello agonistico tale durata potrebbe ridursi a circa 1 o 2 anni.

Chi ha i piedi in pronazione può pattinare?

Se il proprio medico ortopedico lo consente è possibile, basterà inserire un’ortesi dentro allo scarponcino. Si tratta di un plantare progettato appositamente per correggere tale difetto, alleviando il dolore e correggendo la postura.