Migliore pistola colla a caldo del 2022

Migliore pistola colla a caldo del 2022

Dalla manutenzione ordinaria all’artigianato creativo di tipo hobbystico o professionale, è di certo frequente la necessità di unire tra di loro, tramite incollatura, materiali di diverso tipo. Le variabili operative al riguardo possono essere molteplici, ma con la pistola colla a caldo Topelek Hot Glue Gun sarà possibile cimentarsi con successo, con estrema rapidità, versatilità e precisione, nella creazione e nella riparazione di varie tipologie di oggetti, potendo contare su un’estrema semplicità d’uso e su un’elevata resa finale.

Confronto delle pistole colla a caldo migliori

Topelek Hot Glue Gun

Il modello più venduto

Topelek Hot Glue Gun

(4.2)

Offerta: 9,99 € Prezzo: 10,99 Sconto: 1,00 (9%) *

  • Dotazione iniziale comprende 50 stick adesivi
  • Si riscalda rapidamente, in soli 3 o 5 min
  • Pratico indicatore led indica lo stato operativo

Leggi la recensione

Bosch PKP 18 E

Il prodotto migliore in assoluto

Bosch PKP 18 E

(4.2)

Offerta: 39,79 € Prezzo: 9,95 Sconto: 9,95 (100%) *

  • Mantiene temperatura di lavoro costante di 200 °C
  • Ugello lungo raggiunge punti di difficile accesso
  • Pratico avanzamento meccanico del bastoncino

Leggi la recensione

Blusmart GGC00053

Miglior rapporto qualità e prezzo

Blusmart GGC00053

(4.2)

Offerta: 19,98 € Prezzo: 5,00 Sconto: 5,00 (100%) *

  • Rivestimento isolante in ABS, massima sicurezza
  • Per stick con diametro di 11 mm e lunghi 260 mm
  • Anello interno che impedisce riflusso di materiale

Leggi la recensione

Come scegliere una pistola colla a caldo

Generalità e impieghi

Chi si occupa, con una frequenza più o meno elevata, di bricolage e di piccoli lavori di riparazione, così come anche di progetti creativi e di artigianato artistico, ha molto spesso il bisogno di unire tra di loro in modo permanente oggetti e materiali di svariato tipo.

Se nell’edilizia e in determinati ambiti del fai da te è più frequente lavorare utilizzando metodi come l’inchiodatura, per altri progetti può essere più efficace ricorrere all’incollatura.

Quest’ultimo procedimento, facilmente eseguibile con la miglior pistola colla a caldo professionale, o pistola incollatrice, infatti, oltre a risultare più versatile, richiede un minore dispendio di energie e di tempo e garantisce anche una possibilità di intervento di precisione su elementi di piccole dimensioni e una resa finale gradevole anche dal punto di vista estetico.

Per poter avere, però, un’idea più precisa su cosa incolla colla a caldo, può essere utile fare una panoramica delle tipiche applicazioni di questo comodissimo prodotto e del suo funzionamento, ovvero

  • Sartoria
  • Modellismo
  • Creazioni artigianali di precisione
  • Découpage e decorazioni in genere
  • Lavorazioni generiche su elementi lignei
  • Manutenzione e riparazione di raccordature
  • Stuccatura e sigillatura di piccole fessurazioni
  • Posa e applicazione di battiscopa o altri rivestimenti

Le potenzialità di utilizzo di una pistola a caldo, per merito del suo funzionamento, dunque, sono davvero moltissime e possono riguardare decine di materiali differenti e vari livelli di precisione, come ad esempio legno, plastiche, elementi sintetici, cuoio, pelle, stoffe e carta, fino ad arrivare a lavorare e incollare vetro, pietra e metalli.

Procedimenti di fissaggio simili, infatti, sono facilmente eseguibili sia nell’ambito della sartoria per lavorazioni su elementi particolarmente delicati, tipo il pizzo, così come per l’artigianato riguardante la creazione di oggettistica ornamentale, gioielli e perline, o per sfogare la propria creatività e precisione in una miriade di modi diversi.

È necessario specificare, tuttavia, che l’utilizzo di questa tecnica di unione, seppur estremamente versatile, semplice e rapida, è particolarmente indicata per lavorare sui materiali porosi. In tali casi, infatti, lo stick di colla incandescente ha una tenuta maggiore e si aggrappa meglio alla superficie.

Sebbene non vi siano controindicazioni d’uso in questo senso, in presenza di oggetti friabili o polverosi, oppure fatti di materiale liscio e impermeabile, tipo il gesso, il vetro o la ceramica, il grado di tenuta sulle superfici potrebbe risultare meno efficace nel tempo.

Viene usata anche per incollare bottoni sui vestiti

Un’ulteriore particolarità riguarda la destinazione d’uso cui i manufatti in questione saranno sottoposti: essendo la pistola colla a caldo migliore un apparecchio capace di fondere e incollare la materia adesiva, infatti, i prodotti con essa lavorati non risulteranno adatti all’esposizione a temperatura elevata.

Ad esempio, laddove si intendesse riparare una cerniera, la suola di una scarpa o applicare una toppa su un abito o un paio di jeans, sarebbe poi necessario evitare lavaggi con acqua calda avente temperatura più alta di 50 °C per non incorrere in un deterioramento del giunto.

In linea generale, anche l’uso delle migliori pistole colla a caldo non risulta essere indicato per incollare oggettistica da esporre a notevoli sbalzi di temperatura, tuttavia l’area applicativa di una incollatrice a caldo rimane comunque estremamente estesa.

Struttura e materiali costruttivi

Data la natura stessa dell’utensile e la sua modalità di funzionamento, risulta importante, per capire quale scegliere e come valutare il rapporto qualità prezzo, riporre la giusta attenzione, prima di un acquisto, alla struttura generale e ai materiali costitutivi della pistola per colla a caldo.

La parte che fungerà da adesivo viene inserita in forma di bacchette solide, o stick di colla, dopodiché subisce una fusione da parte di una resistenza, prima di venire espulsa, o estrusa dalla pistola a caldo stessa.

A titolo esplicativo, dunque, è bene accertarsi che la migliore pistola incollatrice sia realizzata in modo che, durante il procedimento di riscaldamento e di successiva liquefazione, non diventi rovente esternamente.

Nella maggior parte dei casi, una pistola colla a caldo è realizzata con un maneggevole corpo in alluminio e plastica termoresistente, che può sopportare egregiamente l’alta temperatura interna.

Il canale entro cui scorre lo stick di colla è solitamente costruito in metallo, tuttavia, nella parte esterna è rivestito in plastica, sempre per evitare un riscaldamento eccessivo dell’apparecchio.

Alcune pistole per colla a caldo sono rivestite in ABS, cioè un materiale plastico molto utilizzato in ambito industriale, capace di garantire un’elevata protezione dal calore. Più nel dettaglio, è possibile identificare alcune parti particolarmente importanti in tali strutture e le relative caratteristiche di funzionamento.

Elemento Funzione
Ugello È il beccuccio della pistola colla a caldo, ovvero l’elemento da cui fuoriesce il materiale fuso e che permette l’applicazione di quest’ultimo per incollare
Grilletto La parte, posta subito al di sotto del corpo della pistola per colla, che permette all’utilizzatore di controllare il flusso di collante adoperato
Staffa Piccolo rettangolo metallico, ubicato di norma sulla parte terminale, che serve come appoggio alla superficie di lavoro per mantenere in posizione la incollatrice
Impugnatura Come facilmente intuibile, la parte strutturale che consente di maneggiare la pistola per colla, la quale dovrà risultare ergonomica e consentire una presa sicura

A livello di praticità, l’impugnatura è di certo l’elemento cui riporre la maggiore attenzione, poiché dovrà avere un’ergonomia e una conformazione tali da rendere confortevole l’utilizzo della miglior pistola colla a caldo. Alcune sono realizzate in plastica liscia, mentre altre presentano rivestimenti in gomma o scanalature ove alloggiare le dita, le quali possono migliorare la presa generale.

Lo stesso si può dire del grilletto, mai automatico, il quale deve risultare facilmente raggiungibile e quindi ubicato a una distanza consona dall’impugnatura, oltre a essere strutturato in modo da non affaticare troppo le articolazioni del polso, nemmeno dopo un utilizzo prolungato della pistola per colla a caldo.

Oltre alla verifica della presenza della staffa di appoggio, la quale risulterà estremamente utile per mantenere dritta la pistola a caldo e quando ci si troverà a incollare con precisione su superfici particolarmente delicate le quali non devono essere sporcate, ad esempio tessuti e carta, sarà bene considerare anche la fattura dell’ugello.

Tale elemento è molto importante, poiché definisce una parte della versatilità di funzionamento del modello in questione. Una migliore pistola colla a caldo professionale sarà spesso dotata di un ugello rivestito con materie termoisolanti, e da una forma capace di permettere di incollare anche in spazi stretti per piccoli lavori di precisione.

Il suo diametro interno, inoltre, determina la quantità di colla in uscita, variabile a seconda dell’operazione che si sta eseguendo: per questo motivo, molte pistole per colla a caldo sono spesso dotate di ugelli di ricambio con diversi diametri e forme.

Alimentazione e maneggevolezza

Un altro aspetto fondamentale di cui tenere conto nel momento in cui si decide di dotarsi di una pistola a caldo, economica o professionale che sia, è senz’altro la fonte di alimentazione, vale a dire la modalità energetica impiegata per il riscaldamento rapido della resistenza interna e, di conseguenza, per fondere lo stick di colla.

Come può risultare facile da comprendere, tale aspetto, oltre che sulla modalità di utilizzo vera e propria, influisce anche sull’effettiva capacità operativa della pistola per colla a caldo.

I modelli più piccoli possono avere le dimensioni e la forma di una penna

Per questi motivi, dunque, sarà necessario considerare bene le necessità operative e la previsione d’impiego. Le specifiche riguardanti l’alimentazione della miglior pistola colla a caldo, oltre all’ampiezza della gamma operativa del dispositivo, influenzano anche la sua maneggevolezza, il grado di portabilità e la comodità durante l’utilizzo.

Tali fattori dipendono anche da dimensioni che, per quanto riguarda la maggior parte dei normali lavoretti con la colla a caldo da eseguire con una pistola incollatrice a caldo maneggevole, non dovrebbero eccedere una lunghezza di 25-30 cm e un peso compreso tra i 400 g e 1 kg.

Anche in questo caso, dunque, risulta particolarmente importante farsi un’idea precisa di dove e come si intenderà adoperare la pistola colla a caldo. Una simile valutazione, se effettuata in maniera accurata e consapevole, consentirà di aiutare a capire come scegliere un miglior pistola per colla adeguata alle proprie esigenze, evitando il rischio di acquistare un prodotto poco consono.

Alimentazione Caratteristiche Ambito d’uso
Elettrica I modelli più comuni e versatili, usufruiscono di un piccolo motore elettrico che riscalda la resistenza Facilmente adattabili a molti utilizzi, anche impegnativi
A batteria Di solito con un’autonomia limitata, ma con un più elevato coefficiente di maneggevolezza generale Impiegabili maggiormente per il bricolage a domicilio o all’esterno
Tramite presa USB Utilizzate relativamente di rado, godono di buone caratteristiche riguardanti dimensioni e peso Utili perlopiù dentro casa, per la sartoria e altre piccole riparazioni
A gas Pur risultando più pesanti, coniugano buoni criteri di maneggevolezza con l’efficacia operativa Adatte principalmente per lavori esterni di media difficoltà

Di norma, i modelli elettrici e a batteria sono quelli più facili da rintracciare sul mercato. I primi hanno delle potenze comprese tra i 20 e i 400 W, questi ultimi raggiungibili da una pistola colla a caldo professionale: un maggiore wattaggio corrisponde a una più elevata rapidità operativa e maggiore capacità di estrusione, poiché il collante si riscalda più velocemente.

Un maneggevole utensile a batteria, invece, pur avendo, di solito, prestazioni meno elevate rispetto a una pistola per colla a caldo elettrica, risulta più facilmente movimentabile, poiché non sarà necessario disporre di una presa nelle immediate vicinanze: questi esemplari sono dunque adatti per chi si ritrovi spesso a lavorare in spazi esterni o necessiti di avere molto spazio di manovra a disposizione.

Per quanto non si tratti di un’eventualità frequente, alcune pistole per colla a caldo, pur essendo alimentate tramite energia elettrica, offrono una doppia opzione, ovvero la possibilità di collegare lo spinotto in dotazione a un’apposita base per una breve ricarica oppure direttamente alla pistola incollatrice, consentendo all’occorrenza una maggior libertà di movimento.

Lo stesso dicasi delle pistole a caldo alimentate a gas, le quali funzionano in maniera molto semplice: una bomboletta ricaricabile di gas butano innesca un’accensione piezoelettrica, la quale riscalda la resistenza che fonde lo stick di colla. Il peso della bombola, tuttavia, ne aumenta il peso totale, sebbene la maneggevolezza sia similare a una normale pistola incollatrice a caldo.

Rare e non molto impiegate, invece, le pistole per colla a caldo con alimentazione tramite maneggevole e pratica presa USB hanno autonomia, capacità di estrusione e prestanza piuttosto limitate, pertanto si rendono adatte per piccoli lavori casalinghi di precisione, come la riparazione di libri, la sartoria e l’artigianato leggero.

Temperature e tempistiche

Nonostante possa sembrare superfluo specificarlo, il livello di operatività della miglior pistola incollatrice a caldo professionale dipende in larga misura, in automatico, dalla temperatura che può raggiungere per la fusione dello stick di colla e dai minuti di cui ha bisogno per riscaldare, più o meno rapidamente, in modo adeguato la resistenza interna.

Tali fattori, infatti, risultano cruciali per la buona riuscita dei lavoretti con colla a caldo, poiché, ad esempio, un calore non sufficiente potrebbe non permettere lo scioglimento completo di un’adeguata quantità di colla, compromettendo la capacità di estrusione e il risultato finale.

Allo stesso modo, una pistola colla a caldo che riscalda lentamente e costringa a dei lunghi tempi e molti minuti di attesa potrebbe, soprattutto in ambito lavorativo, diminuire la produttività dell’operatore.

A tal proposito, inoltre, è bene considerare come non tutte le lavorazioni richiedono la stessa temperatura di esercizio. Ad esempio, per procedere all’unione di superfici poco porose e con una bassa conducibilità termica, vale a dire ceramiche ed elementi vetrosi, sarà necessaria una temperatura piuttosto elevata, attorno ai 180 °C.

Per contro, piccoli lavori di bricolage, tipo fissaggi su materiali come cartone, stoffe e legno possono essere eseguiti in pochi minuti, con piccole quantità di colla e con una pistola incollatrice a caldo che riscalda sviluppando una temperatura più bassa.

Una pistola a caldo professionale, la quale deve poter risultare facilmente impiegabile all’interno di diverse situazioni, talvolta può essere dotata della possibilità di scegliere il campo termico di esercizio, sebbene tali regolazioni di temperatura siano normalmente assenti nelle pistole per colla a caldo dedicate al bricolage.

La fusione di alcune colle può avvenire poco sopra i 70 °C

In casi simili, quindi, andrà valutata principalmente l’alimentazione della pistola per colla a caldo, ovvero un fattore che incide sui due succitati parametri. In particolare, questo aspetto è legato alle tempistiche necessarie al riscaldamento della pistola colla a caldo, misurate in minuti.

Di norma, una pistola incollatrice a caldo con batteria impiegherà più minuti a raggiungere la giusta temperatura di fusione rispetto a un modello elettrico professionale con riscaldamento rapido da 100 W e, allo stesso modo, quest’ultimo avrà un periodo di riscaldamento superiore a quello di un apparecchio con un’alimentazione da 200 W.

Tali valori temporali specifici possono variare enormemente da una pistola per colla a caldo all’altra, andando da un minimo di 20 o 30 secondi fino a 6 o 7 minuti. Queste tempistiche vanno considerate nell’ottica personale riguardante la destinazione d’uso, tuttavia, per normali impieghi amatoriali, è già ottima una pistola a caldo che riscalda e raggiunge la temperatura giusta nel giro di 3 o 4 minuti.

Va detto, inoltre, che a una maggiore velocità di riscaldamento rapido della pistola colla a caldo corrisponde in genere un’altrettanto veloce raffreddamento automatico in pochi minuti, il quale consentirà uno stoccaggio veloce della pistola incollatrice a caldo dopo l’utilizzo.

A titolo informativo, comunque, può essere identificata una scala di temperatura raggiungibile mediamente con una pistola per colla a caldo, ovvero

  1. Tra 70° e 120 °C
  2. Tra 120° e 180 °C
  3. Tra 180° e 200 °C e oltre

Le pistole colla a caldo che possono operare su gradazioni di calore comprese tra i 70° e 120 °C, di norma, hanno minore capacità di estrusione e risultano più adatte al semplice utilizzo casalingo, riguardante sartoria, decorazione generica e artigianato artistico.

Per poter operare efficacemente su materiali più resistenti, è invece necessaria temperatura di fusione più elevata, fino a 180 °C, la quale permette una liquefazione omogenea dello stick di colla, quindi adatta anche a lavorazioni più impegnative su legno o pietra.

Oltre i 200 °C, per contro, si parla già di una pistola colla a caldo professionale, adatta per operare anche sui metalli.

A tal proposito, inoltre, è possibile citare un’interessante funzionalità, ovvero il mantenimento della temperatura. Questo sistema professionale fa in modo che, una volta raggiunto il grado di calore necessario alla fusione dello stick di colla, la resistenza mantenga sempre la stessa temperatura, la quale non diminuirà e non si alzerà fino a quando la pistola incollatrice a caldo non verrà spenta.

Ciò permette, oltre che di avere una maneggevole e professionale pistola per colla a caldo sempre pronta all’uso, di evitare sprechi energetici e i minuti necessari al riscaldamento rapido da eseguire quando le pistole per colla a caldo hanno la resistenza ormai fredda.

Dosaggio e altre funzionalità

Per poter usufruire al meglio delle potenzialità offerte dalla migliore pistola colla a caldo professionale, è fondamentale comprendere come funziona il dosaggio del collante, quando lo stick di colla è fuso. Tale aspetto, infatti, risulta importante per avere la sicurezza di svolgere delle lavorazioni pulite ed esteticamente piacevoli, oltre che per evitare inutili sprechi.

L’estrusione dello stick di colla avviene in seguito alla pressione del grilletto e, quindi, sarà la forza applicata a tale elemento a determinare la quantità di collan in uscita dalla pistola incollatrice a caldo: va da sé, la sensibilità e l’esperienza dell’operatore, unitamente alla tipologia di progetto su cui si sta lavorando, sono gli elementi chiave per quanto riguarda tale aspetto.

È inoltre importante che, una volta rilasciato il grilletto, il materiale adesivo smetta di fuoriuscire dal beccuccio della pistola per colla a caldo. Ciò dipende dall’ugello montato sull’utensile e dalla presenza o meno di un sistema di avanzamento automatico.

Le migliori pistole per colla a caldo sono dotate di dispositivi interni che bloccano in modo automatico, appunto, il flusso del collante quando non viene più esercitata pressione in uscita. Allo stesso modo, la maggior parte degli ugelli in commercio sono realizzati in modo da non permettere il gocciolamento conseguente al rilascio del grilletto della pistola incollatrice a caldo.

Dall’ugello e dal modello specifico di pistola per colla a caldo dipende anche la tipologia di stick di colla impiegabili. Nella stragrande maggioranza dei casi, gli stick inseribili all’interno del caricatore della pistola colla a caldo hanno un diametro standard di 11 mm, tuttavia possono essere rintracciate alcune eccezioni, che dovranno essere verificate seguendo le specifiche dell’utensile stesso.

Lo stesso dicasi per quanto riguarda la lunghezza degli stick di colla stessi, la quale varia da un minimo di 40 o 50 mm fino a valori massimi pari a 300 mm. Risulta poi importante valutare anche il diametro dell’ugello stesso, il quale determinerà la capacità di estrusione e la grandezza del cordone colloso formato dalla pistola per colla a caldo.

Inoltre, è utile accennare ai diversi tipi di colle presenti in commercio e utilizzabili con una pistola incollatrice a caldo, ovvero

  • EVA, a base di etilene vinil acetato
  • PUR, composta da basi poliuretaniche reattive
  • POP, ovvero con componenti plastici poliolefinici

Senza necessariamente inoltrarsi troppo in considerazioni di chimica avanzata, tali categorie possono essere utili per stabilire la destinazione d’uso specifica di ogni stick di colla. I composti EVA sono quelli più adatti a essere impiegati nella lavorazione del legno, mentre le colle PUR possono trovare un’applicazione ideale per incollare sui tessuti, su carta e altri materiali più delicati.

Per contro, invece, gli stick adesivi per pistola colla a caldo in POP sono particolarmente utilizzati per incollare e genericamente lavorare su elementi plastici.

Per garantire comodità, il cavo di alimentazione dovrebbe essere lungo almeno 2 m

Oltre alla composizione chimica specifica, inoltre, è possibile adoperare insieme alla pistola incollatrice degli stick di colla con caratteristiche estetiche particolari.

Sebbene le colle classiche più frequentemente impiegate siano trasparenti e creino, quindi, un cordone discreto per situazioni in cui il giunto non deve risultare visibile, esistono altri stick per usi diversi, tra cui quelli glitterati, fluorescenti, dorati, argentati, con colorazioni varie oppure opachi.

Tutte queste tipologie di adesivi sono adoperate con le pistole per colla a caldo per rispondere a specifiche esigenze estetiche, soprattutto nell’ambito della decorazione o dell’artigianato creativo.

In sintesi, sia per soddisfare necessità estetiche come per altre particolarità operative, specialmente se si ha intenzione di adoperare la pistola colla a caldo in molte maniere differenti, può essere utile dotarsi di una pistola incollatrice con ugelli intercambiabili.

Tale capacità di personalizzazione, infatti, permetterà di preservare la resa finale specifica, vale a dire, a titolo esemplificativo, non utilizzando lo stesso ugello per stick di colla trasparenti dopo aver fuso collanti glitterati. Allo stesso modo, possono essere utilizzati diametri diversi, qualora sia necessario applicare con le pistole per colla a caldo cordoni più o meno grandi e visibili.

Consigli d’uso, manutenzione e sicurezza

Una volta fatta menzione di tutte le particolarità, delle capacità specifiche e degli aspetti da valutare prima di comprare una pistola per colla a caldo, è utile accennare ad alcune indicazioni supplementari riguardanti l’utilizzo, la pulizia e la manutenzione.

Tali pistole per colla a caldo, infatti, seppur non necessitino di manutenzioni specifiche e particolarmente complesse, devono essere pulite a dovere dopo ogni uso, procedimento capace di contribuire a mantenerle efficaci e performanti nel tempo.

In fase di uso, inoltre, vi saranno alcune indicazioni da seguire per avere la sicurezza di svolgere ogni lavorazione in totale sicurezza e con la garanzia di ottenere il migliore dei risultati. Come prima cosa, è necessario ricordare sempre come gli stick di colla fondono a temperatura molto alta, per cui è indispensabile evitare ogni contatto con il collante prima del suo completo raffreddamento.

Per assicurarsi di ciò, sarà sufficiente lavorare con dei guanti e rivestire con cartone l’area su cui ci si appoggia per svolgere l’operazione di incollaggio senza arrecare danno alla superficie sottostante.

Inoltre, la pistola colla a caldo in fase di riscaldamento dovrà essere appoggiata sull’apposita staffa e mai coricata.

Nel caso in cui rimanessero, invece, sottili filamenti sugli oggetti lavorati, per scioglierli e ottenere un risultato più pulito, basterà direzionare per pochi minuti il getto di un phon sulla zona interessata.

La stessa attenzione andrà riposta durante la pulizia della pistola per colla a caldo, che dovrà riguardare principalmente l’ugello e avvenire nel seguente modo, sempre utilizzando i guanti

  1. Svitare l’ugello prima del raffreddamento
  2. Con un pezzo di alluminio rimuovere i residui
  3. Attendere il raffreddamento totale della pistola incollatrice
  4. Nel caso di residui raffreddati, riscaldare ripetere l’operazione
  5. Riposizionare l’ugello pulito e riporre la pistola per colla, quando fredda

La pulizia deve essere svolta quando la pistola per colla a caldo professionale è ancora calda, poiché se l’adesivo si solidificasse nei condotti di estrusione, l’ugello finirebbe per tapparsi, inficiando quindi le successive prestazioni operative. Talvolta, comunque, si verifica un intasamento parziale durante la lavorazione: in tal caso, è sufficiente ruotare leggermente lo stick di colla premendo il grilletto.

A tal proposito, è bene specificare che se il bastoncino di collante non viene terminato, può essere utilizzato nuovamente la volta successiva e, anzi, è meglio evitare di cercare di rimuoverlo dal caricatore delle pistola incollatrice alla fine della lavorazione.

Alcune pistole per colla a caldo, inoltre, presentano un tasto di accensione, mentre altre non ne sono dotate. In quest’ultimo caso, sarà necessario tenere a mente che la pistola incollatrice inizierà a scaldare non appena verrà collegata all’alimentazione.

Comunque, una volta terminato il lavoro, la pistola per colla dovrà essere spenta e scollegata dalla rete elettrica, poi, previa pulizia e completo raffreddamento, di norma dopo pochi minuti, dovrà essere riposta all’interno della propria confezione, preferibilmente in un locale a temperatura ambiente o comunque non soggetto a umidità o sbalzi termici eccessivi.

I pezzi da incollare dovranno essere prima sempre accuratamente puliti e asciugati

Se adoperata seguendo tutte le adeguate precauzioni riguardanti la sicurezza e le indicazioni presenti sul manuale d’uso, una pistola colla a caldo non è assolutamente un oggetto rischioso.

Nel caso in cui, tuttavia, dovesse capitare di venire a contatto con il collante fuso, sarà sufficiente far scorrere abbondante acqua fredda sulla zona di pelle per accelerarne l’indurimento. Dopodiché potrà essere impiegata una pinzetta per rimuovere delicatamente il materiale dalla zona interessata.

Recensioni delle migliori pistole colla a caldo

1. Topelek Hot Glue Gun

Ideale per le piccole riparazioni casalinghe e per l’artigianato, la pistola colla a caldo Topelek Hot Glue Gun risulta compatta e versatile. Pur essendo stata realizzata in modo specifico per esigenze basilari di tipo amatoriale, le prestazioni e la resa finale sono senza dubbio davvero ragguardevoli.

Topelek Hot Glue Gun

Il modello più venduto

Topelek Hot Glue Gun

(4.2)

Offerta: 9,99 Prezzo: 10,99 Sconto: 1,00 (9%) *

Per i più comuni impieghi creativi e per le tipiche manutenzioni domestiche su piccoli oggetti, un utensile come Topelek Hot Glue Gun può essere di notevole aiuto. Le sue specifiche tecniche lo rendono particolarmente adatto per lavorazioni non troppo impegnative, le quali possano essere eseguite con successo da un apparecchio compatto e facile da adoperare.

Al netto di ciò, la qualità generale è comunque elevata, potendo fare affidamento su sicurezza e robustezza. A livello operativo, questa pistola colla a caldo può offrire buone prestazioni su diverse tipologie di materiali, tra cui legno, cartone, plastica e tessuto.

L’alimentazione elettrica non assorbe più di 20 W e garantisce buone prestazioni, raggiungendo la temperatura massima di fusione dopo una fase di preriscaldamento di 3 o 5 minuti. Il bastoncino inizia ad ammorbidirsi a 80 °C, e un meccanismo interno automatico mantiene costante la temperatura fino a quando l’apparecchio resta acceso.

Estrema compattezza

Una delle caratteristiche più interessanti di questa pistola colla a caldo è la sua incredibile maneggevolezza. Le misure totali, 14,5 x 11 x 5 cm, la configurano come un dispositivo molto compatto che, per merito di un peso di appena 322 g, risulta particolarmente semplice da movimentare. Tale aspetto la rende facile da utilizzare in ogni situazione.

L’ugello abbastanza piccolo potrà essere impiegato anche per raggiungere zone operative scomode, tipo le aree meno accessibili di mobili e altri oggetti di dimensioni ridotte. La semplicità d’uso, oltre che dalla compattezza strutturale, è garantita da un pulsante per accendere e spegnere Topelek Hot Glue Gun senza la necessità di dover agire ogni volta sulla presa di alimentazione, il cui cavo ha una lunghezza complessiva di ben 1,5 m.

Lo stato operativo viene indicato da una luce a led, mentre la presenza della staffa metallica permette di appoggiare l’oggetto in modo sicuro e stabile. Per garantire la massima sicurezza, inoltre, l’ugello è rivestito con gomma atermica e anche il corpo macchina nella sua interezza, realizzato in alluminio e plastica, risulta sicuro e resistente.

Nutrita dotazione iniziale

In aggiunta alle caratteristiche tecniche e strutturali che identificano questa pistola colla a caldo come un ottimo prodotto, la dotazione iniziale risulta essere assolutamente interessante. Quest’ultima, infatti, comprende ben 50 bastoncini di collante trasparente EVA con un diametro di 7 mm, mentre il diametro interno dell’ugello è di 1,5 mm.

Tali dati, dunque, indicano un apparecchio utilissimo per riparazioni di piccola entità di oggetti sui quali la giunzione adesiva debba essere poco visibile. Sebbene gli stick siano relativamente corti, grazie all’ampia dotazione fornita potranno essere eseguiti molti lavori diversi.

Per un hobbysta che si diletti in creazioni artistiche e modellismo su oggetti di piccole dimensioni, Topelek Hot Glue Gun è senza dubbio un prodotto valido. Grazie alle misure ridotte, alla sua estrema semplicità di utilizzo, a una qualità e a una robustezza costruttiva che può garantire delle buone prestazioni nel tempo, può infatti essere utilizzato con successo in moltissime occasioni estremamente comuni in casa.

2. Bosch PKP 18 E

Dotata di una qualità generale di alto livello e capace di prestazioni operative pulite che garantiscono un’elevata tenuta nel tempo, Bosch PKP 18 E è una pistola colla a caldo che risulta estremamente versatile e utilizzabile con successo da molte e diverse categorie di utenti impegnati in vari ambiti.

Bosch PKP 18 E

Il prodotto migliore in assoluto

Bosch PKP 18 E

(4.2)

Offerta: 39,79 Prezzo: 9,95 Sconto: 9,95 (100%) *

La validità dei prodotti della casa costruttrice tedesca è ancora una volta sottolineata da Bosch PKP 18 E, che si dimostra affidabile, performante e sicura in ogni situazione. Grazie alle specifiche tecniche, strutturali e costruttive di ottimo livello, risulta impiegabile con successo in molti tipi di progetti, anche i più impegnativi, che richiedono di operare su ampie superfici o materiali difficili, come il metallo.

Oltre alle elevate prestazioni raggiungibili, sul piano strutturale questa pistola colla a caldo mostra caratteristiche di tutto rispetto. Il corpo macchina, realizzato con una resistente miscela di plastiche rinforzate, pesa soli 350 g: tale fattore, unito a misure pari a 25 x 17,2 x 4,8 cm, identifica un prodotto snello, compatto e semplice da maneggiare.

La facilità d’uso generale è incrementata da una rispondenza efficace a diversi criteri di ergonomia, mentre la presenza della staffa d’appoggio permette di riporre l’utensile in tutta sicurezza in attesa di riscaldamento o raffreddamento.

Alte prestazioni

Se, dunque, a livello strutturale questa pistola colla a caldo può vantare delle ottime caratteristiche, altrettanto si può affermare per quanto riguarda la generica prestanza operativa. L’alimentazione elettrica da 200 W, infatti, garantisce una liquefazione delle colle molto rapida e, per merito della funzione constant electronic, una temperatura costante di esercizio di 200 °C.

L’elemento interno riscaldante è controllato da un sistema elettronico e permette di eseguire dei lavori precisi su materiali anche meno porosi, mentre l’avanzamento meccanico consente un dosaggio adeguato in ogni situazione. Le prestazioni di incollatura possono raggiungere dei valori massimi pari a 20 g di collante estruso al minuto.

Al netto di tali specifiche, Bosch PKP 18 E risulta adatta anche per applicazioni che necessitino di utilizzare poco materiale incollante. I bastoncini che il caricatore può ospitare misurano 11 mm di diametro e possono avere una lunghezza variabile tra i 45 e i 200 mm: ciò consentirà, laddove si intenda adoperare poco adesivo, di inserire stick corti, procedendo a un dosaggio ancora più preciso e, di conseguenza, evitando sprechi.

Ugello extralungo

La grande versatilità di questa pistola colla a caldo, oltre che dalle caratteristiche già elencate, dipende anche dall’ugello extralungo montato sull’utensile. Tale elemento, infatti, permetterà di raggiungere agevolmente anche punti che normalmente risultano di difficile accesso. Inoltre, l’ugello in questione è dotato anche di un pratico sistema antigoccia integrato, grazie al quale viene ridotto al minimo il rischio di gocciolamenti e sprechi di collante.

Tutte queste specifiche, quindi, permettono all’utilizzatore di impiegare il giusto quantitativo di materiale per ogni lavoro svolto. Risultando anche estremamente sicuro e affidabile dal punto di vista della sicurezza, principalmente per merito del rivestimento protettivo contro il surriscaldamento del corpo macchina, Bosch PKP 18 E si configura come un prodotto di elevatissima qualità.

Sebbene sia adatto in maniera particolare per applicazioni riguardanti il bricolage, le ottime prestazioni possono soddisfare anche utenti particolarmente esigenti, i quali potranno portare a termine con successo anche progetti più impegnativi.

3. Blusmart GGC00053

Versatile, performante e con una struttura di buona fattura, la pistola colla a caldo Blusmart GGC00053 è adattabile a vari tipi di utilizzo, compresi quelli che richiedano un certo grado di precisione, dai più classici riguardanti manutenzione e riparazioni domestiche a eventuali operazioni più complesse.

Blusmart GGC00053

Miglior rapporto qualità e prezzo

Blusmart GGC00053

(4.2)

Offerta: 19,98 Prezzo: 5,00 Sconto: 5,00 (100%) *

Per poter far fronte in modo efficace alle necessità che si presentano quando ci si cimenta in progetti creativi, di decorazione o manutentivi, un prodotto come Blusmart GGC00053 può essere decisamente fondamentale.

Per merito di un’interessante serie di particolarità di buon livello, infatti, può essere adoperato con ottimi risultati in molti ambiti differenti e su varie tipologie di materiale, tra cui legno, plastica, carta e persino vetro e metallo. La capacità operativa di questa pistola colla a caldo viene esaltata anche da buone specifiche strutturali, riguardanti soprattutto sicurezza e comodità d’uso.

A questo proposito è necessario menzionare il rivestimento in ABS del corpo macchina che svolge un importante ruolo protettivo, favorito dalle proprietà isolanti di tale materiale che impediscono il surriscaldamento esterno. Allo stesso modo, l’ugello in rame è ricoperto da uno strato di plastica gommata: questa peculiarità favorisce il comfort d’impiego, proteggendo l’utilizzatore da spiacevoli contatti con il corpo caldo del beccuccio.

Previene gli sprechi

Un ulteriore punto a favore di questa buona pistola colla a caldo è la conformazione interna, atta a ridurre gli sprechi di materiale collante. L’ugello, infatti, dispone di un anello interno che, agendo in sinergia con la pressione esercitata sul grilletto, evita il reflusso dell’adesivo e consente all’operatore di estrudere soltanto la quantità adatta alla lavorazione specifica.

Inoltre, nonostante la sua forma non permetta di raggiungere punti eccessivamente scomodi, l’ugello è sufficientemente snello da garantire una notevole versatilità nella maggior parte delle più tradizionali applicazioni lavorative e hobbystiche. Anche per quanto riguarda la comodità generale di utilizzo legata alla conformazione strutturale, Blusmart GGC00053 può vantare delle specifiche interessanti.

Nella sua interezza, infatti, il corpo macchina ha delle misure piuttosto compatte, 19,5 x 16,5 x 3 cm, e un peso inferiore ai 400 g: tali dati, uniti a una notevole ergonomia, configurano un apparecchio confortevole da impugnare e da adoperare. A tale proposito, è necessario anche menzionare la presenza della staffa d’appoggio per mantenere l’oggetto in posizione durante la fase di riscaldamento e il comodo pulsante di avvio e spegnimento con una luce a led che indica lo stato operativo.

Riscaldamento rapido

L’alimentazione elettrica da 100 W, oltre a garantire dei buoni risultati globali, permette a Blusmart GGC00053 di riscaldare le colle utilizzate in un tempo compreso tra i 3 e i 5 minuti, mentre un’unità interna di controllo termico mantiene poi la temperatura costante fino a quanto la macchina rimane accesa.

Ciò è possibile anche grazie a una resistenza costruita con un materiale avente un buon coefficiente di resistività al calore, che consente un lungo mantenimento della temperatura di esercizio ottimale. In aggiunta a tali caratteristiche operative, l’utensile nel suo insieme risulta, inoltre, resistente e duraturo nel tempo.

La dotazione iniziale di questa pistola colla a caldo comprende anche 10 stick di collante con un diametro di 11 mm e una lunghezza di 260 mm, grazie ai quali sarà possibile eseguire un buon numero di lavorazioni che non comprendano utilizzi molto prolungati su superfici estese. Per merito di una buona serie di ottime caratteristiche, dunque, questo dispositivo risulta essere versatile, comodo e rapido da usare e facilmente impiegabile per diverse tipologie di intervento.

Opinioni finali

Realizzare manutenzioni domestiche o progetti creativi riguardanti artigianato o modellismo è estremamente soddisfacente, tuttavia, per poter ottenere dei risultati di livello professionale è necessario dotarsi di una pistola colla a caldo. Le possibilità offerte dal mercato sono però molte e ciò può rendere difficile stabilire le proprie esigenze e capire quale scegliere tra le varie pistole per colla a caldo esistenti.

Nel caso in cui ci si dedichi alla lavorazione di precisione su oggettistica minuta o a piccole riparazioni, Topelek Hot Glue Gun è uno dei migliori prodotti in circolazione. Compatta e facile da usare, tale pistola colla a caldo, pur appartenendo a una fascia di mercato medio bassa, è ottima per applicazioni di modesta entità. Il prezzo, inoltre, è senza dubbio imbattibile anche in assenza di sconti.

Qualora l’ambito di intervento sia identificabile in lavorazioni anche più gravose, la miglior scelta potrebbe essere rappresentata da Bosch PKP 18 E, cioè un prodotto performante, con il quale sarà possibile impegnarsi in vari ambiti. In presenza di una offerta, questa pistola colla a caldo, già venduta a uno tra i prezzi più interessanti della categoria, sarebbe un’occasione davvero imperdibile.

Laddove, invece, si voglia rintracciare il migliore equilibrio qualità prezzo, non ci si dovrebbe lasciar scappare Blusmart GGC00053. Ottima dal punto di vista della capacità tecnica e della comodità d’uso, questa pistola colla a caldo è attraente anche per quanto riguarda il lato economico. Il prezzo potrebbe rappresentare un ottimo compromesso tra dispendio monetario e affidabilità generale.

Giacché questa tipologia di apparecchi è spesso soggetta a sbalzi di prezzo, potrebbe valere la pena di monitorare queste pistole per colla a caldo alla ricerca di uno sconto, ma, in qualunque caso, una pistola colla a caldo è certamente un prodotto indispensabile. Nessun hobbysta, sia egli dedito al bricolage manutentivo o alla realizzazione creativa, può prescindere dal bisogno di tale prodotto utile e versatile.

Quale pistola colla a caldo scegliere? Classifica (Top 3)

Prodotto Offerta Sconto Voto
Topelek Hot Glue Gun Topelek Hot Glue Gun 9,99 € 10,99 * 1,00 € (9%) (4.2)
Bosch PKP 18 E Bosch PKP 18 E 39,79 € 9,95 * 9,95 € (100%) (4.2)
Blusmart GGC00053 Blusmart GGC00053 19,98 € 5,00 * 5,00 € (100%) (4.2)

Domande frequenti

Può essere utilizzata per applicare del silicone?

No, la pistola colla a caldo può incollare e fondere soltanto gli appositi bastoncini di collante. Per applicare il silicone occorre dotarsi del prodotto professionale specifico per tale scopo.

La termocolla è tossica?

No, la termocolla per pistola per colla a caldo non contiene solventi liquidi, per cui non risulta tossica come altre colle liquide tradizionali.

Lo stick quasi finito deve essere rimosso?

No, non ce n'è bisogno. Una volta finito il bastoncino, sarà sufficiente inserirne uno nuovo nel caricatore della pistola per colla e ricominciare a incollare.

Va bene per incollare una tubatura per l’acqua?

In teoria sì, tuttavia bisogna considerare che le colle di questo tipo non hanno una buona tenuta a contatto con l’acqua.

Possono essere impiegati bastoncini di diametro più piccolo?

No, poiché il caricatore della pistola colla a caldo non riuscirebbe a spingere efficacemente l’adesivo verso l’ugello di uscita e, quindi, a incollare adeguatamente e fornire un funzionamento ottimale.

È possibile cambiare l’ugello?

Dipende dalle pistole per colla, perché non tutte prevedono la possibilità di cambiare l’ugello. Nel caso in cui tale possibilità sia supportata dalle specifiche del prodotto, si potrà sostituire il beccuccio, avendo cura di dotarsi di un ricambio professionale compatibile con la pistola incollatrice usata.

Risulta idonea per incollare oggetti sottoposti a trazione?

In linea generale no, ma bisogna valutare il tipo di trazione cui saranno sottoposti. Ad esempio, la seduta di una sedia che sosterrà il peso di una persona non potrà essere efficacemente incollata con una pistola incollatrice.

I bambini la possono adoperare?

Pur non essendo prodotti pericolosi, c’è il rischio di bruciature in seguito al riscaldamento, per cui l’eventuale utilizzo di pistole per colla da parte di bambini dovrà avvenire sotto stretta sorveglianza da parte di un adulto.