Migliore termometro da cucina del 2020

Migliore termometro da cucina del 2020

Possedere un termometro da cucina si rivela indispensabile quando la temperatura perfetta è essenziale per la riuscita di un piatto. Per una frittura croccante, una corretta pastorizzazione delle uova o una cottura ideale delle carni la precisione è fondamentale. Il termometro Topelek SVITCP1-SVIT è un’ottima soluzione alla portata di tutti, talmente sicuro ed affidabile da poterlo usare addirittura per misurare la temperatura del latte o del bagnetto dei vostri bimbi.

Confronto dei termometri da cucina migliori

Topelek SVITCP1-SVIT

Il modello più venduto

Topelek SVITCP1-SVIT

(4.5)

Offerta: 8,99 € Prezzo: 2,25 Sconto: 2,25 (100%) *

  • Lunghezza massima della sonda: 15 cm
  • Intervallo temperatura: da - 50°a+ 300°C
  • Materiale acciaio inox e tappo in silicone

Leggi la recensione

Caslant DTC-1

Miglior rapporto qualità e prezzo

Caslant DTC-1

(4.1)

Offerta: 6,99 € Prezzo: 19,99 Sconto: 13,00 (65%) *

  • Spegnimento automatico dopo 10 minuti
  • Termometro digitale con schermo LCD
  • Sonda con design a prova di schizzi

Leggi la recensione

ThermoPro TP04

Il prodotto migliore in assoluto

ThermoPro TP04

(4.6)

Offerta: 13,59 € Prezzo: 16,99 Sconto: 3,40 (20%) *

  • Programma con temperature predefinite
  • Lunghezza cavo sonda 40’’ (101,6 cm)
  • Timer con countdown fino a 24h

Leggi la recensione

Come scegliere un termometro da cucina

Temperatura perfetta in ogni occasione

Un affidabile e preciso termometro da cucina è in grado di dissipare molti dubbi. In cucina ci sono mille incognite la prima volta che ci si approccia ad una nuova preparazione. Non sempre l’esperienza di chi si mette ai fornelli è tale da garantire la buona riuscita di una ricetta se non dopo qualche tentativo.

Per esempio capita spesso di non sapere se l’olio è a temperatura e se si può procedere con l’immersione per ottenere un fritto croccante, oppure succede che, preparando il caramello, non si sia del tutto certi del momento esatto in cui spegnere il fuoco per evitare che diventi troppo scuro e, quindi, amaro.

Carni e pesci di diverse tipologie, poi, hanno tempi e temperature di cottura completamente differenti, e un termometro da cucina potrà divenire essenziale non solo per il gusto e la riuscita della pietanza, ma soprattutto perché vi assicurerete di aver evitato i rischi che potrebbero derivare dall’ingerire alcuni cibi non perfettamente cotti.

Il corretto posizionamento della sonda è fondamentale per ottenere i risultati desiderati

Bisogna sempre prestare attenzione ad inserire il termometro alimentare in modo corretto all’interno dell’alimento, o si potrebbe incorrere in errore rilevando la temperatura di zone cave o grasse. In un arrosto è sempre opportuno, per esempio, introdurre la sonda sino al punto più polposo del pezzo di carne, essendo così certi di conoscere l’esatta temperatura al cuore e di decidere il grado di cottura desiderato. Moltissimi sono gli alimenti per i quali l’utilizzo di questo strumento è raccomandato, come:

  • Carne
  • Pollame
  • Pesce
  • Verdure
  • Latte

Per ognuno di questi esistono temperature indicate da seguire se si vogliono ottenere piatti gustosi e sani. Ma un buon termometro con sonda non si limita esclusivamente ad assistervi in cucina. Se siete delle neo mamme, desiderate prendervi cura della vostra famiglia e, in particolare, del vostro bebè, potete avvalervi di un valido aiuto.

I termometri da cucina, infatti, si prestano anche alla misurazione della temperatura del latte, perché possiate riempire un biberon sempre a prova di scottature. Inoltre vi sarà possibile misurare la temperatura dell’acqua del bagnetto dei vostri bimbi, per un’esperienza sempre piacevole, sicura e confortevole senza paura di sbagliare. Questi strumenti, se usati in modo corretto, sono estremamente affidabili e versatili. In ogni casa dovrebbe essercene uno.

Un aiuto prezioso, un utilizzo semplicissimo

In molti si saranno domandati: Un termometro da cucina come si usa? In realtà non c’è nulla di più facile e immediato. I termometri da cucina hanno una struttura incredibilmente semplice, studiata per rispondere anche alle esigenze di chi non è un esperto nel settore culinario. Innanzitutto si tratta di uno strumento molto leggero e incredibilmente maneggevole, che all’occorrenza può essere preso e riposto senza alcuna fatica.

Il corpo centrale, provvisto di tasti ON/OFF, è solitamente dotato di un display sul quale si può leggere la temperatura rilevata, riportata in gradi Celsius o in gradi Fahrenheit. Questa parte ospita l’alloggiamento per la batteria, che va sostituita ai primi segni di indebolimento del segnale visivo. In questo modo il termometro da cucina sarà sempre pronto all’uso.

La sonda, realizzata nella quasi totalità dei casi in acciaio inox 304, è invece l’elemento che entra a contatto con gli alimenti. Solitamente è un prolungamento del corpo centrale. Può essere immersa nei liquidi o inserita in carni, pesci e verdure.

Alcuni modelli consentono di monitorare in forno la temperatura dei cibi, senza fuoriuscite di calore o umidità

In qualche termometro per cucina la sonda è collegata al corpo centrale tramite un cavo flessibile resistente al calore, che consente di procedere monitorando l’intero processo cottura senza dover aprire ogni volta lo sportello del forno per controllare.

In questo caso la sonda deve rimanere inserita nel punto più profondo del vostro alimento posto dentro il forno, mentre il corpo centrale rimane all’esterno. Usare un qualsiasi termometro da cucina è davvero un gioco da ragazzi: sarà sufficiente

  1. Scegliere l’alimento di cui vogliamo conoscere la temperatura
  2. Accendere selezionando ON
  3. Inserire con attenzione la sonda
  4. Attendere qualche secondo che la rilevazione sia completa per visualizzare sul display il valore che desideriamo conoscere

In base al risultato ottenuto potremo decidere se proseguire con gli ulteriori passaggi richiesti, se prolungare o bloccare la cottura per goderci una pietanza perfettamente riuscita. Ma un termometro digitale come funziona esattamente? Sulla punta della sonda c’è un sensore che rileva la temperatura dell’elemento scelto.

Dopo pochi secondi dal suo inserimento, la temperatura compare chiaramente sul display, dandovi la certezza di avere sempre risultati perfetti. Alcune volte, con modelli provvisti di questa funzione, è possibile anche procedere in senso inverso, programmando cioè la temperatura che si desidera e attendendo che il display ci segnali con un segnale acustico il suo raggiungimento. Qualsiasi modello si scelga di acquistare non avrete più dubbi dopo i primi utilizzi: istruzioni chiare ed esaustive vengono fornite da ogni produttore.

Il giusto grado di cottura per la vostra salute

Preparazioni ottimali e salutari possono esserci garantite dal corretto utilizzo dei termometri da cucina. Come anticipato nel paragrafo precedente ogni alimento, per essere cotto e gustato al meglio delle sue caratteristiche organolettiche, deve essere preparato seguendo passaggi precisi.

Uno dei più importanti è il raggiungimento di un’adeguata temperatura di cottura, soprattutto se si parla di carne o pesce. È fondamentale che i cibi mantengano all’interno i loro succhi e che siano sicuri da consumare. Spegnendo i fuochi al momento giusto non solo non stracuoceremo le nostre pietanze rendendole poco appetibili, ma risparmieremo anche energia evitando di prolungare inutilmente la cottura.

Non si tratta semplicemente di gusti personali: il rispetto di determinate temperature, soprattutto per chi cucina a livello professionale, è obbligatorio affinché il cibo possa essere somministrato ad altri in totale sicurezza. Nella tabella seguente sarà possibile visualizzare la temperatura corretta per ognuno dei cibi indicati:

Alimento Al sangue Cottura media Ben cotto
Manzo 50°C 55°-60°C 75°-85°C
Vitello X X >77°C
Maiale X 65°C 75°-80°C
Agnello X X 79°C
Pollo X X 85°C
Tacchino X X 80°-85°C
Tonno 45°-50°C 55°-60°C OLTRE I 70°C
Salmone X 55°-60°C OLTRE I 70°C
Vegetali verdi teneri X X 85°C
Patate intere tenere X X 85°C

Come si può notare alcuni alimenti necessitano di raggiungere determinate temperature e non sono somministrabili al di sotto di queste, perché risulterebbero crudi o, peggio, nocivi. Esistono dei parametri da rispettare assolutamente, sia per legge che per comune buonsenso se davvero teniamo al nostro benessere.

Uno di questi è la temperatura di sicurezza, ovvero la gradazione minima che un alimento deve raggiungere per poter avere la garanzia di una completa eliminazione dei batteri dannosi. Per essere certi di ingerire sempre cibi sicuri è importantissimo l’utilizzo di un termometro da cucina che, riportando la gradazione precisa al cuore dell’alimento, ci solleva da ogni dubbio e ci garantisce di aver debellato ogni pericolo per la nostra salute.

Molti sono infatti i rischi di chi mangia carni poco cotte, specialmente di pollo o maiale, eccone alcuni che potrete facilmente evitare se vi affiderete ad un termometro con sonda:

  • La carne poco cotta può essere portatrice di virus, batteri o parassiti. Questi ultimi possono causare salmonella o escherichia coli
  • Meno le carni sono cotte e meno risultano digeribili
  • Una scarsa cottura causa un minore e più difficoltoso assorbimento dei sali minerali e delle vitamine contenuti nelle carni
  • Con una cottura errata il pericolo di intossicazione è più alto

La nostra salute è un bene da tutelare. Un semplice accorgimento come quello di usare abitualmente un termometro da cucina può aiutarci in questo senso.

Vantaggi della precisione in pasticceria

La cucina richiede senza dubbio una grande creatività e una certa dose di improvvisazione per potersi rinnovare e dar vita a ricette e tendenze sempre nuove. Non sempre però è possibile andare ad occhio: in determinati ambiti, come quello della pasticceria per esempio, la precisione di dosi e temperature è imprescindibile se si vogliono risultati eccellenti.

Un termometro da cucina per dolci non manca mai nelle cucine dei professionisti come anche in quelle di chi semplicemente si diletta in quest’arte. Se si pensa al caramello, al temperaggio del cioccolato, alla pastorizzazione delle uova, sarà evidente che non si tratta solo di un vezzo, ma un termometro da cucina è realmente un alleato prezioso da avere sempre a portata di mano.

Nella tabella che segue si potranno facilmente visualizzare alcune delle temperature che vanno assolutamente rispettate se si vogliono portare a termine preparazioni specifiche:

Alimenti e preparazioni Temperature
Olio per frittura 180°C
Caramello biondo 160°C
Caramello scuro 175°C
Pastorizzazione uova 65°C
Crema inglese 82-84°C
Temperaggio cioccolato fondente Fusione 50°C/ Rialzo 31°C
Temperiaggio cioccolato al latte Fusione 50°C/ Rialzo 30°C
Temperaggio cioccolato bianco Fusione 45°C/ Rialzo 29°C

Risulta evidente come un termometro per dolci sia indispensabile per determinare con esattezza le temperature sopraindicate. La variazione anche solo di un grado o 2 può inficiare tutto il lavoro fatto fino a quel momento, facendo raggiungere all’olio il punto di fumo, per esempio, pratica dannosa e dagli effetti nocivi, o facendo coagulare le uova, riducendo una crema vellutata ad una frittata dolce, si, ma immangiabile.

L’utilizzo abituale di un termometro per alimenti determina una serie di vantaggi davvero notevole per uno strumento così piccolo ed economico:

  • Consente una maggiore salubrità degli alimenti, che potranno così essere consumati senza rischi di tossicità o di contaminazione
  • Individua l’esatto momento in cui interrompere la cottura evitando che i cibi stracuociano e consentendo di risparmiare energia
  • Indica con precisione quando altri ingredienti possono essere inseriti per procedere con la preparazione
  • Garantisce risultati professionali anche in complesse preparazioni per le quali non si ha esperienza consolidata

Se vi dilettate in cucina e volete cimentarvi con ricette sempre più complesse che richiedono un grado di precisione elevato, non potrete fare a meno di un fidato termometro da cucina, un aiuto discreto ma incredibilmente prezioso per rendere ogni vostro nuovo piatto un motivo di vanto.

Recensioni dei migliori termometri da cucina

1. Topelek SVITCP1-SVIT

Sottile, resistente e versatile, il termometro da cucina Topelek SVITCP1-SVIT, con la sua lunga sonda in acciaio inox 304, potrà essere maneggiato in tutta sicurezza, evitando scottature da contatto con i cibi. La sua pratica custodia in silicone protegge le estremità preservandole a lungo.

Topelek SVITCP1-SVIT

Il modello più venduto

Topelek SVITCP1-SVIT

(4.5)

Offerta: 8,99 Prezzo: 2,25 Sconto: 2,25 (100%) *

Topelek SVITCP1-SVIT è uno dei prodotti più validi attualmente sul mercato ed, al contempo, uno dei termometri da cucina dal più semplice utilizzo. Il corpo centrale è unito alla sonda in acciaio inox 304, una struttura che lo rende pratico e maneggevole anche se siete alle prime armi.

La sonda misura ben 15 cm, ed è quindi particolarmente adatta anche per la rivelazione di temperature di alimenti dalle grandi dimensioni o dai quali si vuole mantenere una certa distanza per non accostare troppo le mani al forte calore che emanano. Inoltre la sonda di Topelek SVITCP1-SVIT è particolarmente sottile, e pur rilevando efficacemente la temperatura, pratica un foro sottilissimo dal quale non si rischia una copiosa fuoriuscita di succhi, fattore essenziale per la riuscita di un ottimo arrosto!

Da – 50° a + 300°C

Topelek SVITCP1-SVIT è in grado di rilevare temperature comprese in un range di valori compreso tra – 50°C e + 300°C. Se si preferisce è consentita la visualizzazione delle temperature anche in gradi Fahrenheit: premendo semplicemente uno dei tasti per cambiare unità di misura i valori saranno compresi nell’intervallo tra – 58°F e + 572°F. Sarà sufficiente inserire la sonda al cuore dell’alimento del quale si desidera conoscere la temperatura e attendere brevemente.

Entro un massimo di 8 secondi sul display LCD verrà riportata l’esatto valore con scarto massimo di +/-1°. Il termometro digitale da cucina Topelek SVITCP1-SVIT è adatto al contatto con ogni tipo di alimento, e sarà possibile utilizzarlo in qualsiasi momento della cottura per verificare lo stato dei cibi. È fondamentale ricordare che dal momento in cui la cottura viene interrotta la temperatura dell’alimento subirà un ulteriore aumento di 2 o 3 gradi, pertanto, nel caso di preparazioni in cui i cibi non devono superare una certa soglia, si consiglia di sospendere qualche secondo prima del suo raggiungimento. In questo modo si potrà essere certi della perfetta riuscita anche delle pietanze più complesse che richiedono un grado di attenzione maggiore.

Consigli

Se si desidera garantire lunga vita e un funzionamento sempre impeccabile al termometro da cucina Topelek SVITCP1-SVIT, basteranno pochi e semplici accorgimenti. Il termometro digitale da cucina è provvisto di una custodia idonea a preservarlo da urti accidentali e provvista di un laccetto per poter essere appesa ed essere sempre a portata di mano in ogni cucina.

La sonda potrà essere preservata da graffi e umidità utilizzando l’apposita copertura in silicone. L’acciaio inox 304 è estremamente resistente ed anticorrosione, ma se si vuole essere certi di scongiurare il pericolo di ruggine è sempre buona norma pulire accuratamente ogni singola parte dopo l’uso e asciugarla prima di riporre lo strumento.

2. Caslant DTC-1

Leggero, maneggevole e dal design moderno e affusolato il termometro cucina Caslant DTC-1 consente un semplice utilizzo anche da parte di chi non ha esperienza di questa tipologia di strumenti. È particolarmente consigliato per la cottura in forno, ai fornelli o sul barbeque.

Caslant DTC-1

Miglior rapporto qualità e prezzo

Caslant DTC-1

(4.1)

Offerta: 6,99 Prezzo: 19,99 Sconto: 13,00 (65%) *

Se si è alla ricerca di un buon termometro per carne, Caslant DTC-1 è di certo una scelta indovinata di cui non vi pentirete. Il suo corpo centrale, dotato di un piccolo ma nitido schermo LCD, ospita l’alloggiamento delle batterie, da sostituire periodicamente per evitare danneggiamenti al suo interno. L’apparecchio è dotato di 4 piccoli tasti, per accensione e spegnimento, per fermarsi una volta raggiunta la temperatura desiderata, per scegliere la scala di misurazione tra gradi Celsius e Fahrenheit e, infine, per mostrare i valori di minima e massima.

Anche in questo caso, come nella maggior parte dei termometri per alimenti, la sonda è stata realizzata in acciaio inox 18/10, resistente e sicuro al contatto con gli alimenti. Il termometro ha una lunghezza complessiva di 22,35 cm, ed è quindi incredibilmente maneggevole, facile non solo da utilizzare ma anche da riporre in uno spazio piccolissimo e senza alcun ingombro. Caslant DTC-1, è idoneo per ogni utilizzo e per qualsiasi pietanza.

Dai fornelli al BBQ

Caslant DTC-1 può essere utilizzato a contatto con qualsiasi cibo e in qualunque tipologia di preparazione, da quelle più semplici e quotidiane, ai fornelli o in forno, a quelle più rustiche come, per esempio, in occasione di un barbeque con gli amici. Se si desidera gestire in modo preciso il grado di cottura della carne posta sulla griglia, un termometro da cucina si rende indispensabile, soprattutto per chi non è esattamente un esperto! La preparazione della carne è solitamente suddivisa in cottura al sangue, media o ben cotta.

Ponendo la sonda al centro della bistecca si sarà certi di non toglierla dalla griglia ancora cruda o, peggio, stracotta e quindi immangiabile. Caslant DTC-1 si presta anche molto bene come termometro da cucina per olio, quindi perfetto per indicare il raggiungimento della temperatura necessario per l’inserimento degli ingredienti. Per una frittura croccante e saporita questo è un fattore essenziale, oltre all’accortezza di non aggiungere troppi cibi tutti in una volta, per evitare che la temperatura si abbassi vanificando tutte le attenzioni precedenti.

Per la cucina e non solo

Caslant DTC-1 è un prodotto versatile e molto utile in varie occasioni d’uso. Sicuramente è molto indicato, come si è appena detto, per impieghi alimentari, e potrà essere un alleato fidato per non sbagliare più alcun tempo di cottura. Ma anche in altri casi il suo aiuto si può rivelare prezioso. Chi è mamma da poco, per esempio, spesso teme di non riuscire a valutare la più adeguata temperatura per il latte da inserire nel biberon del proprio bimbo, o è dubbiosa su quanto calda dovrebbe essere l’acqua del suo bagnetto. Caslant DTC-1 sarà utilissimo poiché funge anche da termometro da cucina per liquidi. Si potrà avere quindi un riscontro oggettivo e non rischiare scottature: la temperatura viene infatti rilevata in modo immediato e sicuro per la cura del benessere di tutta la famiglia.

3. ThermoPro TP04

Un termometro digitale da cucina molto particolare e professionale è ThermoPro TP04. Il suo display LCD consente una visualizzazione chiara dei dati in cottura e la sua sonda si presta ad utilizzi specifici per ricette dall’esecuzione delicata. È provvisto di un segnale sonoro che avvisa al raggiungimento della temperatura desiderata.

ThermoPro TP04

Il prodotto migliore in assoluto

ThermoPro TP04

(4.6)

Offerta: 13,59 Prezzo: 16,99 Sconto: 3,40 (20%) *

ThermoPro TP04 è più di un semplice termometro da cucina: forma e struttura ci confermano le sue peculiarità sin dalla prima occhiata. Il suo grande schermo LCD può mostrare varie informazioni tra le quali la temperatura di partenza, la temperatura che si desidera raggiungere e i minuti rimanenti alla fine della cottura. Allo schermo è collegata la sonda, tramite un cavo di acciaio inox di 40 pollici ricoperto da una guaina protettiva che resiste al calore.

La sonda vera e propria invece misura 6,5 pollici e come in quasi tutti i termometri da cucina è in acciaio 304, quindi anti corrosione. Sia la sonda che il cavo sono stati progettati per resistere fino a + 380°C (o + 716°F). Sulla parte posteriore dello schermo di ThermoPro TP04 sono posti 2 tipi di supporto: uno idoneo a tenerlo in piedi ed uno magnetico, che consente di fissarlo con una calamita allo sportello del forno quando, in cottura, la sonda è al suo interno.

Per le preparazioni più delicate

Quando si legge per la prima volta una ricetta si valuta sempre se, in cottura, sarà possibile aprire lo sportello del forno per controllare come procede. Per le preparazioni più delicate, che non consentono questa opzione, ThermoPro TP04 è il termometro cucina perfetto. La sua particolare struttura permette di fissare il display fuori dal forno mentre la sonda rimane inserita all’interno dell’alimento per tutto il tempo della cottura.

Il cavo sottile e resistente al calore, collega la sonda al display non ostacolando in alcun modo la perfetta chiusura dello sportello del forno, che rimarrà sempre ermeticamente serrato impedendo al calore e all’umidità di uscire e garantendo un’esecuzione perfetta della ricetta scelta. Basterà impostare la temperatura desiderata e il termometro da cucina vi avviserà con il suono del timer non appena questa sarà raggiunta. Cucinare piatti deliziosi non sarà mai stato così facile.

Programmi preimpostati

ThermoPro TP04 è perfetto per chi ama cucinare ma non è ancora un esperto in tutte le preparazioni che vorrebbe! Sul display è possibile selezionare tra 6 differenti tipologie di alimenti, in cui sono presenti vari tagli di carne, pollame e pesce. Scegliendo l’opzione corretta e inserendo la sonda all’interno del cibo, partirà immediatamente uno dei programmi preimpostati e si regolerà da sé per garantirvi la cottura perfetta del piatto. Non correrete mai più il rischio di mangiare od offrire ai vostri commensali un pezzo di carne ancora parzialmente crudo o estremamente cotto. Anche in questo caso il timer avviserà del raggiungimento della temperatura ideale, e a voi non rimarrà che gustare il risultato di una tecnologia all’avanguardia al servizio del gusto e del benessere.

Opinioni finali

Se non avete mai fatto uso di un termometro da cucina non aspettate oltre, è sempre possibile trovare qualche articolo in sconto. I modelli attualmente in commercio sono tutti estremamente maneggevoli, pratici e semplicissimi da usare. Questi strumenti garantiscono inoltre non solo una più sicura riuscita delle pietanze preparate, ma anche la salubrità degli alimenti che portate in tavola.

Non ingerirete più alimenti cotti erroneamente mettendo a rischio il vostro benessere, e sia il gusto che la salute non potranno che trarne benefici. In base alle vostre esigenze sono molteplici i modelli tra i quali potrete scegliere il vostro preferito. Topelek SVITCP1-SVIT è il termometro da cucina perfetto per ogni esigenza.

Non sfigurerebbe in una cucina professionale ma il suo utilizzo è talmente intuitivo che chiunque potrà sceglierlo senza ripensamenti. Adatto per misurare temperature estremamente elevate, come quelle del caramello o dell’olio in frittura, si presta ugualmente bene ad occasioni quali la misurazione della temperatura di un arrosto o di un pollo alla brace.

È il prodotto migliore del momento, poiché lo troviamo presente in una fascia di prezzo bassa, ed è quindi perfetto per chi desidera provare questo strumento per la prima volta. Non si potrà più farne a meno. Caslant DTC-1, maneggevole e pratico, dovrebbe essere posseduto da chiunque ama le grigliate all’aperto con gli amici e la famiglia.

Ognuno ha le sue preferenze in merito alla carne, e poter scegliere il grado di cottura desiderato personalizzando la grigliatura per ciascuno è un piacere e un piccolo lusso che sarebbe un peccato non concedersi. La fascia di prezzo di questo prodotto è medio bassa, quindi accessibile a tutte le tasche, soprattutto se si approfitta della spedizione gratuita che in molti casi viene proposta. Le sue dimensioni e la sua versatilità lo rendono l’alleato perfetto da scegliere in cucina per rendere ogni piatto un vero successo.

In ultimo, se si preferisce un prodotto dallo schermo più grande o con programmi preimpostati, ThermoPro TP04 risponde perfettamente a queste esigenze. Il suo cavo consente di cuocere le pietanze in forno con la sonda inserita, mentre fuori dallo sportello il display indica temperature e minutaggio e il timer vi avvisa con l’apposito segnale acustico.

Questo termometro digitale da cucina ha un ottimo rapporto qualità/prezzo, e se si è disposti a spendere qualcosa in più si sarà certi di aver fatto un piccolo investimento per il vostro gusto e la vostra salute. Tutte queste proposte sono talmente valide che di certo non deluderanno le aspettative, nemmeno quelle degli acquirenti più esigenti.

Quale termometro da cucina scegliere? Classifica (Top 3)

Prodotto Offerta Sconto Voto
Topelek SVITCP1-SVIT Topelek SVITCP1-SVIT 8,99 € 2,25 * 2,25 € (100%) (4.5)
Caslant DTC-1 Caslant DTC-1 6,99 € 19,99 * 13,00 € (65%) (4.1)
ThermoPro TP04 ThermoPro TP04 13,59 € 16,99 * 3,40 € (20%) (4.6)

Domande frequenti

È possibile lavare il termometro da cucina in lavastoviglie?

Non è assolutamente possibile lavare il termometro da cucina in lavastoviglie. Mentre la sonda, in acciaio inox, può essere immersa, lo stesso non vale per il corpo centrale che ospita l’alloggiamento per le batterie. Nel caso venisse bagnato sarebbe danneggiato irreparabilmente. Per la pulizia è sufficiente fare uso di un panno o un foglio di carta inumidito subito dopo l’utilizzo, e ricordarsi di asciugare bene prima di riporre per evitare la formazione di ruggine.

È possibile inserire il termometro in forno?

Non tutti i modelli danno la possibilità di inserire la sonda in forno insieme alla pietanza per tutto il tempo della cottura. I soli che lo consentono sono quelli dotati di cavo in maglia d’acciaio, cui è collegata la sonda separata dal corpo centrale. Quando sonda e corpo centrale in materiale plastico sono uniti non è possibile inserire il termometro in forno. Sia la plastica che lo schermo LCD ne risulterebbero danneggiati in modo permanente.

Si può usare il termometro per misurare la temperatura dell’olio?

Certamente sì. I termometri da cucina sono progettati per resistere a temperature che vanno solitamente dai – 50° C ai + 300° C, sono quindi idonei alla misurazione della temperatura dell’olio in frittura che si aggira intorno ai + 180° C.

Quanti secondi impiega il termometro per rilevare la temperatura?

Il termometro, in base al modello, può impiegare da meno di 2 fino ad 8 secondi per rilevare la temperatura richiesta.

Quanto è precisa la temperatura rilevata?

La temperatura è rilevata con estrema precisione da quasi tutti i modelli di termometri da cucina. Solitamente l’approssimazione è di +/- 1° C.

La sonda è realizzata in un materiale sicuro per il contatto con gli alimenti?

Le sonde dei migliori termometri da cucina sono solitamente realizzate in acciaio inox 304, più noto come 18/10, utilizzato comunemente anche nella produzione di pentolame e posateria. Questo materiale non si ossida e non si corrode a contatto con gli alimenti e non ne altera alcuna caratteristica organolettica.

Il termometro può essere usato per misurare la temperatura dell’acqua del bagnetto dei neonati?

Certamente. Ognuno dei modelli di termometro da cucina vanta una precisione di misurazione estrema. Sia la temperatura dell’acqua del bagnetto che quella del latte da mettere nel biberon saranno sicure, senza rischio di scottature.

Quale parte del termometro rileva la temperatura?

La temperatura viene rilevata dalla sonda, più precisamente dalla sua punta, all’interno della quale è inserito un sensore che manda il segnale al display LCD sul quale può essere visualizzata con esattezza secondo la scala scelta, Celsius o Fahrenheit.