Migliore termosifone elettrico del 2021

Migliore termosifone elettrico del 2021

In alcune abitazioni non è presente un impianto di riscaldamento centralizzato, oppure c’è ma non è sufficiente a generare sufficiente calore in tutta la casa. In questi casi un ottimo aiuto può essere offerto da un termosifone elettrico, come De Longhi TRRS0920, il quale ci aiuterà ad alzare la temperatura solo nelle zone in cui è necessario. Oltre a funzionare con grande rapidità, sarà capace di mantenere il tepore a lungo persino da spento, perciò ci consentirà di sfruttarlo senza consumare troppa energia.

Confronto dei termosifoni elettrici migliori

De Longhi TRRS0920

Il modello più venduto

De Longhi TRRS0920

(4.2)

Offerta: 91,18 € Prezzo: 95,00 Sconto: 3,82 (4%) *

  • Due interruttori per impostare tre livelli di potenza
  • Real Energy usa tutta la potenza in modo ottimale
  • Può riscaldare ambienti con un volume fino a 60 m³

Leggi la recensione

Aigostar 33JHH Oil Monster

Il prodotto migliore in assoluto

Aigostar 33JHH Oil Monster

(4.2)

Offerta: 109,99 € Prezzo: 129,99 Sconto: 20,00 (15%) *

  • Display LED ci mostra tutte le regolazioni impostate
  • Si spegne e riaccende da solo in base alle necessità
  • 4 modalità di riscaldamento tra cui ECO e Antigelo

Leggi la recensione

Olimpia Splendid 99620 Caldorad

Miglior rapporto qualità e prezzo

Olimpia Splendid 99620 Caldorad

(4)

Offerta: 56,99 € Prezzo: 14,25 Sconto: 14,25 (100%) *

  • Modalità ECO regola la potenza in modo automatico
  • Due manopole per scegliere temperatura e potenza
  • Tasto per spegnimento immediato in caso di caduta

Leggi la recensione

Come scegliere un termosifone elettrico

Descrizione e funzionamento

Al giorno d’oggi sono ormai numerosi gli apparecchi progettati per supportare, o talvolta addirittura sostituire, gli impianti di riscaldamento domestici centralizzati. Questi infatti non sempre sono presenti, oppure non sono distribuiti con efficacia per tutta la casa. Ciò capita in particolare quando ci sono stanze di piccole dimensioni, in cui installare un termosifone idraulico risulterebbe eccessivo. Inoltre, chi vive in appartamento spesso deve attendere l’accensione dell’impianto condominiale, il quale però talvolta viene attivato troppo tardi per le esigenze di alcuni inquilini, perciò ci sarà il bisogno di un sistema di produzione di calore temporaneo. Tra quelli con maggior diffusione troviamo sicuramente il termosifone elettrico, per merito della sua grande versatilità e dell’incredibile semplicità di utilizzo e installazione.

È ottimo per case vacanza e ambienti da riscaldare solo occasionalmente

Il principio di base per capire come funziona il termosifone elettrico è uguale per tutti i modelli, a prescindere dal metodo di distribuzione dell’aria calda, infatti tutti producono energia termica tramite una resistenza, la quale si riscalda grazie all’elettricità. Nella maggior parte dei casi il tepore viene emesso verso l’ambiente esterno tramite gli elementi, ovvero i moduli da cui il calorifero elettrico è composto, tuttavia in alcuni casi tali elementi sono sostituiti da un singolo pannello, o da un corpo unitario la cui forma può variare in base all’apparecchio. Il termo elettrico ha inoltre il vantaggio di essere sempre piuttosto compatto, perciò non causerà un ingombro eccessivo neppure in stanze dove è già presente un altro dispositivo fisso, il quale però è momentaneamente spento o non sufficiente. Nel complesso quindi i termosifoni elettrici si compongono di

  • Corpo principale
  • Cavo di alimentazione
  • Resistenza elettrica
  • Pannello di controllo

In alcuni casi, oltre al pannello o ai moduli sono presenti delle griglie laterali, grazie alle quali l’aria calda uscirà in maggiore quantità e assai velocemente. Per mettere in funzione l’apparecchio non basta però collegarlo alla corrente, infatti spesso è presente un tasto di accensione, ma soprattutto quasi sempre troviamo dei comandi, sotto forma di pulsanti o manopole, pensati per consentirci di regolare il livello di potenza e la temperatura in base alle nostre esigenze. Il termostato è uno dei componenti fondamentali, in quanto senza di esso il termo elettrico funzionerebbe costantemente al massimo, spesso producendo un calore eccessivo e sprecando quindi energia, oltre a creare un ambiente troppo caldo e secco.

Nei prodotti migliori ci sono numerosi comandi pensati per controllare ulteriormente tutti i parametri e ottenere il clima perfetto. Ovviamente i radiatori elettrici non sono potenti come gli impianti idraulici o a gas, tuttavia per certi versi risultano incredibilmente più comodi da utilizzare. In primis, non necessitano di essere collegati alla rete idrica, né richiedono dei tubi di scarico per i fumi, perciò non hanno bisogno di alcuna installazione. Sono davvero sicuri, in quanto non rendono in alcun modo l’aria pericolosa da respirare, ma soprattutto sono meno soggetti al rischio di guasti.

Non dipendono infatti da un unico sistema centrale, e non sono collegati tra loro, perciò se ne abbiamo diversi, se uno si rompe gli altri continueranno a funzionare perfettamente. La rapidità di riscaldamento è maggiore, l’ingombro è minore, e ci sarà persino possibile decidere di lasciare alcune stanze fredde, risparmiando notevolmente sulle bollette. L’elettricità ha di certo un costo non indifferente, ma sarà sufficiente cercare un termosifone elettrico basso consumo, oppure, se possibile, sfruttare pannelli solari o fotovoltaici.

Sistemi di riscaldamento

Per capire i metodi di produzione di calore, è importante comprendere il sistema di diffusione, il quale può avvenire tramite convezione, irraggiamento, o entrambi. Si parla di convezione quando il tepore viene trasmesso dalla superficie del termosifone elettrico all’aria per contatto diretto. Il gas riscaldato sale verso l’alto, perciò quello freddo si sposterà entrando in contatto con il radiatore elettrico, in un ciclo continuo, alzando la temperatura nella stanza. L’irraggiamento sfrutta invece le radiazioni elettromagnetiche, spesso a infrarossi, per spostare l’energia termica verso gli oggetti circostanti, i quali la assorbiranno, riscaldandosi.

Funzionamento Modelli inclusi Dimensioni Peso
Inerzia Inerzia secca, olio, calore dolce, accumulo Circa 40 x 20 x 60 cm Da 8 a 10 kg
Radiante Pannelli a infrarossi a onde corte, medie o lunghe Circa 100 x 60 x 3 cm Da 3 a 5 kg
Convettori Caloriferi elettrici tradizionali, termoventilatori, svedesi Circa 50 x 20 x 40 cm Da 3 a 4 kg
Da bagno Tutte le tipologie resistenti all’acqua, scaldasalviette Circa 150 x 70 x 4 cm Da 10 a 20 kg

La tipologia a inerzia immagazzina energia termica, per ridistribuirla, in un liquido, quasi sempre olio, oppure in un solido, come la ceramica. Nell’ultimo caso si parla di inerzia secca, tuttavia i termosifoni elettrici ad olio hanno maggior diffusione, poiché sono più veloci e leggeri. Il tepore viene diffuso lentamente, ma potrà essere trattenuto e rilasciato persino dopo lo spegnimento dell’apparecchio. Nel radiatore elettrico a olio la resistenza è schermata e immersa nel fluido, il quale non brucia, perciò non consumerà. Una volta raggiunta la temperatura desiderata, il termosifone elettrico ad olio si spegnerà, riaccendendosi solo quando la stanza comincia a tornare fredda.

Gli oli sono spesso siliconi liquidi, poiché devono avere temperature di ebollizione elevate, tra 150° e 300°C, per funzionare senza bruciare. Nei moduli dei termosifoni elettrici a olio scorre il liquido, e le alette esterne incrementano la superficie a contatto con l’aria, trasmettendo meglio l’energia. Il termosifone elettrico a olio è sicuro, silenzioso, consuma poco, e non secca l’aria. Altri modelli a inerzia sono quelli a calore dolce, che combinano all’inerzia una facciata radiante per risultare rapidi e causare ancor meno secchezza atmosferica, e quelli ad accumulo, i cui materiali refrattari immagazzinano tepore durante la notte e lo rilasciano di giorno senza essere collegati alla corrente.

I pannelli a infrarossi funzionano per irraggiamento, e ingombrano poco perché vanno appesi, sfruttando lo spazio verticale. Sono lenti come il radiatore elettrico ad olio, mentre la distribuzione del caldo è più ampia e omogenea, se non incontra ostacoli. Hanno un consumo ridottissimo, ma dovremo installarne uno in ogni stanza, invece di avere un solo termosifone elettrico portatile a basso consumo da trasportare ovunque. L’aria non verrà seccata, e non ci sarà umidità eccessiva, eliminando il rischio di formazione di muffe. Conviene cercare infrarossi a onda lunga, in quanto quelle corte e medie riscaldano in maniera troppo localizzata, e producono luce, la quale può risultare fastidiosa.

Le radiazioni non sono dannose per l’uomo, in certi casi risultano benefiche

Nei convettori tradizionali, l’aria stessa si riscalda a contatto con la resistenza, perciò tenderà a seccarsi. Per accelerare tale processo sono spesso integrate delle ventole, come nel caso dei termoventilatori. Particolari sono i radiatori elettrici a basso consumo svedesi, i quali dissipano più energia tramite il pannello frontale, e riducono l’assorbimento energetico grazie al termostato. Per l’installazione in bagno, qualunque termosifone elettrico dotato di protezione dall’umidità da IPX1 a IPX4 va bene. In alternativa c’è il termosifone elettrico bagno, sulla cui struttura ad assi tubolari, o sui supporti orizzontali sporgenti, potremo appendere gli asciugamani, per averli sempre tiepidi e asciutti.

Dimensionamento e consumi

Una volta scelta la tipologia di termosifone elettrico in grado di adattarsi al meglio alle nostre esigenze, è fondamentale valutare la potenza e quando consuma, ma soprattutto l’effettiva portata dell’apparecchio. Occorre quindi conoscere il volume delle stanze interessate, per capire il wattaggio minimo necessario a riscaldarle interamente. Di norma al momento dell’acquisto, oltre alle indicazioni su quanto consuma, ci viene fornita la metratura massima coperta dal prodotto in questione, la quale spesso per comodità è in , in quanto è necessario calcolare in solo se le stanze superano i 3 m d’altezza.

Tuttavia, tale fattore può variare a seconda del clima della zona in cui viviamo, ma soprattutto della classe di isolamento termico della nostra casa. La classe di isolamento termico viene indicata con una lettera dell’alfabeto dalla G alla A, la quale è seguita infine dalla classe ORO. A tali lettere corrisponde un consumo medio per m², il quale va da un massimo di 80 W per la G fino a soli 10 W per la ORO. In media, la maggior parte delle abitazioni si aggira tra la C e la D, ovvero tra i 35 e i 40 W al m².

Se il clima della zona dove abitiamo è però particolarmente rigido, il consumo energetico necessario a raggiungere una determinata temperatura sarà più elevato, e potremmo quindi dover optare per una potenza maggiore. Occorre infine considerare l’uso della stanza, in quanto in ambienti come cucine, camere e corridoi è sufficiente un wattaggio inferiore, mentre nei salotti e soprattutto nei bagni, sarà necessario settare una temperatura superiore. Altre leggere variazioni possono essere necessarie nelle aree orientate verso il nord, e ovviamente in base alle nostre preferenze personali.

Zona (italiana) Temperature invernali Consumo minimo Consumo massimo
Molto fredda -15°C – 0°C 105 W/m2 – 35 W/m3 120 W/m2 – 40 W/m3
Fredda -5°C – 5°C 90 W/m2 – 30 W/m3 100 W/m2 – 33 W/m3
Mite 5°C – 12°C 80 W/m2 – 27 W/m3 90 W/m2 – 30 W/m3
Calda 12°C – 15°C 70 W/m2 – 24 W/m3 80 W/m2 – 27 W/m3

Maggiore è la potenza, superiori saranno le dimensioni effettive del termosifone elettrico, in quanto una produzione di energia termica elevata necessita di una superficie di dispersione altrettanto ampia. Nei modelli a infrarossi ciò si traduce semplicemente in un incremento dell’area del pannello, mentre in quelli a inerzia andranno aggiunti elementi. Il numero effettivo di moduli non dipende totalmente dal wattaggio in quanto può variare leggermente da prodotto a prodotto, tuttavia in generale se ne possono trovare da 4 a 13. Si consiglia quindi di non optare per un elettrodomestico grande se si abita in un appartamento con stanze piccole. Se invece volessimo usare un solo termosifone elettrico portatile spostandolo per la casa, è bene cercare un modello in grado di offrire diversi livelli di potenza, per adattarsi ai vari ambienti. Ad ogni modo, è ormai facile trovare termosifoni elettrici a basso consumo, i quali sono caratterizzati da

  • Velocità di riscaldamento
  • Ottima capacità di accumulo
  • Termostato ambientale
  • Eventuali funzioni Eco

Per quanto riguarda i radiatori elettrici ad olio basso consumo, il risparmio sarà garantito se il nostro apparecchio sarà in grado di produrre calore velocemente, ma soprattutto se saprà trattenerne in grandi quantità, disperdendolo però in modo lento e graduale. In questo modo, la resistenza non dovrà lavorare ininterrottamente, ma solo quando la stanza inizia a raffreddarsi. Per questo è necessaria la presenza di un termostato per monitorare l’ambiente esterno e interrompere l’alimentazione quando la temperatura selezionata viene raggiunta. Se vogliamo essere certi di acquistare un termosifone elettrico a basso consumo, potremo optare per un pannello a infrarossi. Se invece abbiamo bisogno di un modello portatile, dovremo cercare nella scheda del prodotto le specifiche ideate per renderlo un radiatore elettrico basso consumo. Tra queste troviamo la classe energetica, da A ad A++, oppure la presenza di funzioni chiamate Eco, con cui l’apparecchio regolerà automaticamente i suoi parametri per evitare sprechi.

Materiali e design

La scelta dei materiali nei termo elettrici è importante per l’estetica, tuttavia bisogna valutare prima l’efficienza termica. La struttura principale di tutti i modelli è in metallo, o altre sostanze con un’ottima combinazione tra capacità di immagazzinare calore e di trasmetterlo all’esterno. L’acciaio è particolarmente diffuso per la sua grande efficacia, leggerezza, robustezza e versatilità. L’alluminio conduce meglio, tuttavia si raffredda velocemente, perciò è adatto alle zone con inverni miti. Per il termosifone elettrico a inerzia secca conviene scegliere la ceramica, poiché è efficiente ma non troppo pesante, ma sono inoltre disponibili steatite, ghisa e pietra lavica. Per i pannelli radianti, quasi sempre troviamo fibra di carbonio e quarzo. Parlando di radiatore elettrico design, invece, distinguiamo tra

  • Free-standing
  • A parete
  • Termoarredi

Per free-standing s’intendono i termosifoni elettrici portatili, poiché di rado si trovano modelli privi di maniglia e ruote pensate per spostarli. Infatti, queste sono assenti quasi esclusivamente negli apparecchi particolarmente leggeri e compatti, i quali potranno essere sollevati senza fatica. Hanno sempre dimensioni contenute, nonostante le variazioni dovute al numero di elementi e alla potenza, per consentirci di trasportarli, ma soprattutto perché devono riscaldare senza ingombrare. Chi ha poco spazio potrà scegliere i modelli slim, mentre chi s’interessa all’estetica dovrà cercare forme o colori adatti all’arredamento. Mentre il termosifone elettrico a olio si presta meglio per l’installazione libera, i convettori tradizionali sono adatti al fissaggio a muro. Hanno un aspetto semplice e discreto, perciò agli appassionati di design conviene cercare tra i termoarredi.

Come dice il nome stesso, questi apparecchi sono progettati per riscaldare l’ambiente, ma pongono una particolare attenzione nell’accordarsi con esso. Se ne possono trovare con aspetti e colorazioni più disparate, per arredamenti rustici o moderni, realizzate con strutture tubolari o piatte. Questa tipologia si trova soprattutto nei convettori per bagni o cucine e nei pannelli a infrarossi. In entrambi i casi la versatilità è pressoché illimitata, infatti qualunque tipo di termoarredo può essere usato per appendere e riscaldare gli asciugamani, basta infatti che ci sia un supporto apposito, sia esso già integrato o aggiunto in un secondo momento. I pannelli radianti meritano attenzione particolare, in quanto possono essere

  1. Semplici
  2. Decorati
  3. A quadro
  4. A specchio
  5. Con LED

L’estetica minimal premia gli apparecchi monocromatici, i quali potranno avere strutture particolari, o risultare praticamente invisibili se scelti dello stesso colore delle pareti. Tuttavia ci si può sbizzarrire cercando pannelli con fantasie particolari, o addirittura travestiti da veri e propri dipinti. Nei bagni sono utili quelli pensati per sostituire lo specchio, mentre per creare atmosfere diverse potremo cercare quelli con luci a LED integrate, bianche o colorate. In generale, il termosifone elettrico da parete ha lo svantaggio di rimanere fisso in una sola stanza, tuttavia ha un ingombro minore rispetto al radiatore elettrico portatile, ed è più facile da abbinare agli arredi. A seconda della conformazione della stanza, dovremo scegliere tra la struttura orizzontale o verticale.

Quelli verticali occupano meno spazio, lasciandoci liberi di aggiungere altri mobili, e si trovano soprattutto nei bagni. Invece, quelli orizzontali hanno maggior diffusione perché spesso il termosifone elettrico, come quello idraulico, si installa sotto alle finestre per contrastare l’ingresso di aria fredda da queste ultime. In questi casi si può ricorrere a modelli bassi o a battiscopa, con altezza limitata tra i 20 e i 40 cm. Infine, è possibile trovare dei copritermosifone, ovvero strutture in legno, metallo o PVC, appositamente forate per non impedire l’emissione di calore. Si usano soprattutto per i convettori a parete, dove possono inoltre fungere da mensole, tuttavia saremo persino in grado di trasformare un termosifone elettrico free-standing in una seduta riscaldata.

Funzioni extra

L’eventuale presenza di funzioni aggiuntive può incrementare notevolmente l’efficienza del nostro termosifone elettrico. Tutti i modelli hanno un termostato integrato per regolare la temperatura, tuttavia solo quelli migliori ne hanno due, per monitorare lo stato dell’ambiente circostante e adeguare il proprio lavoro alle sue esigenze con maggiore efficacia. I termostati possono essere meccanici, economici ma leggermente meno precisi, elettronici, o digitali, dotati di un livello di precisione nel mantenimento del livello di tepore praticamente impeccabile. Inoltre, molti apparecchi ci danno la possibilità di regolare persino la potenza su diversi livelli, scegliendo in base alle dimensioni della stanza e alla rigidità del clima. Altre funzionalità particolarmente utili possono essere

  1. Display
  2. Timer
  3. Modalità automatiche
  4. Pilotaggio intelligente
  5. Controllo remoto
  6. Sistemi di sicurezza
  7. Altri accessori

Nelle varianti moderne di termosifone elettrico è facile trovare dei pratici schermi LCD, i quali misurano mediamente intorno ai 3 pollici e ci forniscono informazioni sullo stato del riscaldamento, come la potenza, la temperatura della stanza, il tempo residuo nel caso in cui sia stato impostato un timer, ed eventuali funzioni automatiche attive. Il timer ci aiuta ad avere maggiore controllo sull’operato del termosifone elettrico, in quanto potremo decidere in anticipo quando avviarlo e per quanto tempo farlo lavorare prima del suo spegnimento automatico. In questo modo ridurremo gli sprechi, e potremo persino fare in modo di trovare la casa riscaldata quando rientriamo dopo una giornata fuori, o usarlo quando andiamo a dormire con la certezza del suo spegnimento automatico dopo un certo numero di ore. In questo modo saremo certi di metterlo in funzione esclusivamente quando ne abbiamo davvero bisogno.

Le modalità automatiche sono invece quelle che funzionano con potenze e altri parametri prestabiliti, come quella a risparmio energetico, ideale in caso di climi non particolarmente rigidi, o la funzione di riscaldamento rapido, la quale usa temporaneamente il wattaggio massimo. In alcuni casi, l’impostazione a basso consumo sfrutta il termostato ambientale non solo per spegnersi quando la temperatura è adeguata, ma addirittura per regolarsi automaticamente mentre lavora, assicurando così un maggiore comfort, oltre a eliminare persino gli sprechi minimi. Il pilotaggio intelligente sfrutta dei sensori per monitorare con precisione la stanza in cui si trova il termosifone elettrico. Questo quindi andrà in stand-by se viene rilevato un calo improvviso di temperatura dovuto a porte o finestre aperte, e aumenterà invece la sua potenza quando una persona entra nella sua zona di copertura. Questo optional saprà inoltre fornirci informazioni sui consumi, per aiutarci a capire come comportarci per ridurli.

Per quanto riguarda il controllo remoto, quello con il telecomando è piuttosto diffuso, e ci consentirà appunto di scegliere e modificare le varie impostazioni, avviare, spegnere e attivare un timer, senza doverci alzare e avvicinare all’apparecchio. Alcuni modelli sono però dotati di connessione wireless, grazie alla quale il telecomando potrà essere il nostro smartphone. Questo ci darà un maggiore livello di controllo, infatti fungerà da vero e proprio display, fornendoci tutte le informazioni di stato, comprese quelle di eventuali malfunzionamenti. Ci basterà infatti scaricare l’applicazione compatibile sul nostro dispositivo portatile, per avere aggiornamenti in tempo reale sullo stato del nostro elettrodomestico persino quando siamo fuori casa. Al giorno d’oggi è ancora difficile trovare prodotti compatibili con i principali assistenti vocali, come Alexa o Google Home, tuttavia tale tecnologia si sta sviluppando, e con un’attenta ricerca sarà possibile trovare già qualche esemplare.

Sicurezza e accessori

È fondamentale acquistare un termosifone elettrico dotato di marcatura CE o TÜV, ovvero la certificazione che tale prodotto rientra nelle direttive di sicurezza per gli elettrodomestici. Il marchio CE significa Conformità Europea, e garantisce quindi l’adesione alle norme regolatrici di produzione e commercio di elettrodomestici stabilite dalla Comunità Europea. Grazie all’analisi dei rischi che si possono verificare durante l’installazione e l’uso del termosifone elettrico, è possibile eliminare le maggiori cause di guasti e incidenti già in fase di produzione. Tale marchio ci assicurerà quindi di acquistare un apparecchio dotato di vita lunga e priva di incidenti o di perdite di efficienza. La certificazione TÜV dimostra sempre la conformità alle norme internazionali di sicurezza, viene assegnata dopo un’ispezione all’azienda di produzione, la quale verrà ripetuta ogni anno. In questo modo potranno essere messi in commercio solo modelli di termosifone elettrico affidabili per la nostra incolumità. I sistemi di sicurezza includono

  • Anti surriscaldamento
  • Antigelo
  • Anti ribaltamento
  • Blocco per bambini

Per evitare danni a resistenza e altre componenti interne, conviene cercare un modello pensato per spegnersi da solo in caso di surriscaldamento. In climi particolarmente rigidi è invece utile la funzione antigelo, la quale accende l’apparecchio quando la temperatura scende sotto zero, per riportarla a 5°C ed evitare quindi di congelare e danneggiarsi. Un’altra funzione di spegnimento automatico importante è quella in caso di cadute accidentali, in particolare per i modelli portatili, i quali si potrebbero ribaltare in caso di urti. Infine, è bene poter bloccare i comandi in presenza di bambini, per evitare modifiche ai parametri da parte loro. Spesso la superficie di questi apparecchi è isolata e quindi non scotta al tatto, tuttavia si consiglia di prestare sempre grande cautela.

Talvolta il sistema avvolgicavo è automatico per evitare attorcigliamenti

Tra gli accessori sono utili le maniglie per il trasporto e le ruote, nei modelli portatili, dove queste ultime nella maggior parte dei casi sono pensate per ruotare in tutte le direzioni. Sono di piccole dimensioni, perciò non si adattano a pavimenti particolarmente irregolari, ma vanno bene per quasi tutti quelli domestici. Non hanno un sistema di stop, tuttavia in caso di pendenze, grazie alla loro facoltà di ruotare, ci basterà posizionarle in modo perpendicolare alla direzione verso la quale l’apparecchio tende a scivolare. Più in generale, è bene considerare la lunghezza del cavo di alimentazione, il quale deve misurare circa 2 m per non dover rimanere solo vicino alle prese di corrente. Altrettanto comoda la presenza di un vano dove riporre questo filo durante eventuali spostamenti.

Fatta eccezione per i termoventilatori, il termosifone elettrico non dispone di ventole, anche se talvolta ha delle griglie laterali aggiuntive per incrementare la diffusione del calore, tuttavia è sempre possibile acquistarne una da integrare. La ventilazione tuttavia tende a seccare l’aria, perciò si consiglia di usarla solo se il nostro apparecchio dispone di un regolatore di umidità. Tale sistema è utile in ogni caso per creare un ambiente confortevole, talvolta persino purificando l’aria. Per garantire un’atmosfera salubre è importante pulire spesso il termosifone elettrico, soprattutto in presenza di ventole e griglie, dove si può accumulare polvere, la quale va rimossa per non essere dispersa e respirata da noi. Non sono però necessari altri interventi di manutenzione particolari, se non un controllo periodico del buono stato delle componenti esterne dell’apparecchio. Conviene infatti assicurarsi dell’assenza di perdite dai moduli, e di possibili danni al cavo di alimentazione.

Recensioni dei migliori termosifoni elettrici

1. De Longhi TRRS0920

L’elevata efficienza offerta da De Longhi TRRS0920 ci consentirà di sfruttare al meglio la grande energia da esso assorbita, per riscaldare l’ambiente in modo rapido e uniforme. Questo termosifone elettrico offre notevole versatilità, permettendo di regolare a piacimento temperatura e potenza.

De Longhi TRRS0920

Il modello più venduto

De Longhi TRRS0920

(4.2)

Offerta: 91,18 Prezzo: 95,00 Sconto: 3,82 (4%) *

Grazie all’elevata potenza e alla facoltà di essere trasportato dove necessario grazie a rotelle e maniglia integrate, De Longhi TRRS0920 sarà il compagno ideale durante le serate più fredde. Il suo assorbimento energetico massimo è di 2000 W, tuttavia avremo la possibilità di scegliere tra questo e altri 2 livelli inferiori, rispettivamente da 900 e 1100 W. In questo modo potremo adattare i consumi alle esigenze del momento, evitando di sprecare elettricità e produrre troppa energia termica.

Questi 3 livelli potranno essere selezionati tramite 2 pulsanti, azionandoli uno alla volta o entrambi per ottenere potenza massima. Il calore verrà prodotto in modo rapido ed efficiente, aumentando costantemente e raggiungendo in pochi minuti la temperatura desiderata. Persino quest’ultima potrà essere impostata a piacimento, grazie a un apposito termostato a manopola posto al di sopra dei tasti di accensione e regolazione del termosifone elettrico.

Real Energy

Il sistema di riscaldamento usato da De Longhi TRRS0920 è quello a olio, il quale trasmette l’aria calda verso l’ambiente esterno tramite i suoi 9 elementi di emissione. La superficie radiante perciò è estesa, garantendo una distribuzione ottimale dell’energia termica. Inoltre, grazie alla funzione Real Energy, avremo la certezza di sfruttare al meglio tutta l’elettricità consumata, senza sprechi. Con questo apparecchio ci sarà quindi possibile alzare la temperatura in ambienti di dimensioni medio grandi, fino a un massimo di 60 m³ circa.

L’ulteriore vantaggio di questo termosifone elettrico è quello di mantenere a lungo il tepore accumulato persino quando è spento, perciò non dovrà rimanere acceso in modo costante e per diverse ore per riuscire a fornirci il comfort di cui abbiamo bisogno. In questo modo sarà garantito un notevole risparmio a livello energetico. Non dovremo neppure preoccuparci di eventuali danni dovuti alla potenza e alla temperatura elevate, in quanto è presente un termostato di sicurezza, integrato proprio per agire in caso di surriscaldamento, interrompendo immediatamente il funzionamento della resistenza.

Sicuro e compatto

Integrato in De Longhi TRRS0920 c’è un ulteriore dispositivo di sicurezza, pensato però per salvaguardare la propria integrità e per evitare eventuale formazione di brina. Si tratta della funzione antigelo, ideale per le zone dove in inverno si scende al di sotto degli 0°C. Grazie a tale possibilità, una volta rilevata una temperatura al di sotto della soglia prestabilita, il sistema si accende da sé, porta il calore interno a 5°C e lo mantiene a quel livello, per evitare qualsiasi tipo di danni strutturali dovuti al congelamento.

Nonostante le numerose funzioni offerte e il notevole potere di riscaldamento, questo termosifone elettrico rimane comunque piuttosto compatto e maneggevole. La sua struttura è alta e stretta, misura 16 x 47,2 x 65 cm e pesa 9,9 kg, e non rappresenterà quindi un ingombro eccessivo neppure in stanze di piccole dimensioni. Inoltre, è dotato di 4 rotelle dalla grande mobilità, di una maniglia, e di un pratico sistema per riavvolgere il cavo di alimentazione in modo rapido e ordinato. Grazie a tutto ciò, sarà davvero semplice spostarlo da una stanza all’altra a proprio piacimento, per poterlo usare quotidianamente dove ce n’è maggiore bisogno.

2. Aigostar 33JHH Oil Monster

La combinazione tra ben 13 elementi riscaldanti e di tubi a doppia U per lo scorrimento dell’olio rende il potere riscaldante del termosifone elettrico Aigostar 33JHH Oil Monster davvero elevato. Potremo contare su 4 modalità di lavoro, con cui adattare le sue ottime prestazioni a qualunque evenienza.

Aigostar 33JHH Oil Monster

Il prodotto migliore in assoluto

Aigostar 33JHH Oil Monster

(4.2)

Offerta: 109,99 Prezzo: 129,99 Sconto: 20,00 (15%) *

Una versatilità incredibile è sicuramente il maggior punto di forza di Aigostar 33JHH Oil Monster, il quale è in grado di soddisfare le necessità di qualunque utente, grazie ai numerosi parametri che potranno essere regolati fin nel minimo dettaglio. Ad aiutarci in questa operazione avremo un pratico display a LED, attraverso il quale riusciremo vedere i valori attuali di tempo, temperatura, potenza e modalità scelta, e tutto ciò dovrà essere modificato tramite una manopola integrata, o con il proprio telecomando.

Ci sarà quindi possibile controllare questo termosifone elettrico persino a distanza, senza il bisogno di alzarci per effettuare eventuali aggiustamenti. Oltre allo schermo, una spia luminosa posta attorno al termostato ci aiuterà a vedere persino a distanza quali sono la potenza e la modalità impostate in ogni momento. Il colore verde corrisponde ai 1000 W e alla modalità antigelo, il rosso a 1500 W e alla funzione ECO, infine l’arancione indica i 2500 W e il riscaldamento rapido.

Impostazioni automatiche

La funzione antigelo imposta automaticamente 5°C, e serve quindi a mantenere una temperatura minima costante negli ambienti particolarmente freddi, per evitare il congelamento delle proprie componenti interne. In modalità ECO, invece, Aigostar 33JHH Oil Monster rimarrà a 22°C, riscaldando in modo uniforme e garantendo allo stesso tempo un notevole risparmio energetico. Infine, se azioniamo il riscaldamento rapido, questo avverrà a 35°C, per aiutarci a rendere l’atmosfera confortevole in pochi minuti in stanze fino a 25 m2, per esempio alla mattina quando dobbiamo uscire dal letto.

Oltre alle tre modalità automatiche c’è quella normale, con cui avremo la facoltà di scegliere tra i tre livelli di potenza disponibili, ma soprattutto potremo scegliere in un range tra i 5° e i 35°C il livello di tepore maggiormente adatto alle nostre esigenze. Ci verrà inoltre data la possibilità di impostare un timer da 0 a 24 ore, per decidere l’orario di avvio e di spegnimento del termosifone elettrico, in modo da farlo lavorare esattamente quando ne abbiamo bisogno. Ciò aiuta a ridurre gli sprechi, tuttavia a questo proposito l’apparecchio stesso è progettato per spegnersi da solo quando raggiunge una certa temperatura, per poi riaccendersi automaticamente solo quando questa inizia a scendere.

Memoria interna

La struttura di Aigostar 33JHH Oil Monster è particolare, in quanto presenta al suo interno dei canali a doppia U nel quale scorre l’olio, in modo da fornire un potere riscaldante notevolmente superiore alla media. Tale caratteristica è combinata a una grande potenza e a un’ampia superficie radiante offerta da ben 13 elementi. Si tratta quindi di un apparecchio piuttosto grande, con i suoi 61,5 x 28 x 64 cm, e il suo peso è di 14,8 kg, tuttavia la presenza di una maniglia e di 4 rotelle lo renderà facile da spostare. La sua praticità d’uso si deve inoltre a un cavo di ben 1,8 m, il quale potrà essere comodamente riavvolto.

Oltre a essere efficiente, questo termosifone elettrico è particolarmente sicuro, infatti è ampiamente isolato per evitare di scottarci se tocchiamo accidentalmente uno dei suoi elementi. È inoltre presente un interruttore pensato per evitare accensioni o modifiche involontarie delle impostazioni tramite urti al termostato. Infine, è in grado di spegnersi da solo nell’eventualità in cui si surriscaldi o si ribalti. Dopo ogni spegnimento, automatico o meno, una funzione di memoria ci aiuterà a recuperare i parametri selezionati in precedenza.

3. Olimpia Splendid 99620 Caldorad

Grazie alla funzione ECO, Olimpia Splendid 99620 Caldorad regola in modo autonomo la sua potenza, si adatta alla temperatura circostante ed evita di sprecare energia. È un termosifone elettrico assai sicuro, per merito del sistema di spegnimento automatico in caso di cadute o di surriscaldamento.

Olimpia Splendid 99620 Caldorad

Miglior rapporto qualità e prezzo

Olimpia Splendid 99620 Caldorad

(4)

Offerta: 56,99 Prezzo: 14,25 Sconto: 14,25 (100%) *

Compatta ma piuttosto potente, la struttura di Olimpia Splendid 99620 Caldorad misura 34 cm in larghezza e 23,5 in profondità, mentre si sviluppa maggiormente in altezza con 62 cm, che arrivano a 64 se si tiene conto delle ruote. In questo modo sarà davvero facile trovare un posto in cui posizionarlo senza preoccuparci del suo ingombro. È inoltre leggero con i suoi 8,7 kg, e non avremo quindi alcuna difficoltà nel trasportarlo, soprattutto per merito delle rotelle e della maniglia integrate, per consentirci di usarlo ovunque senza avere un apparecchio diverso in ognuna delle stanze.

Per evitare incidenti durante gli spostamenti è data la facoltà di riavvolgere il cavo di alimentazione attorno a un apposito vano, evitando così di attorcigliarlo, impigliarlo o schiacciarlo con i piedi o le rotelle. Gli elementi radianti sono 7, e in essi scorre un olio dotato di inerzia elevatissima, grazie alla quale il calore verrà mantenuto e propagato con grande efficacia davvero a lungo, persino quando il termosifone elettrico è spento.

3 livelli di potenza

La notevole potenza di Olimpia Splendid 99620 Caldorad può raggiungere i 1500 W se impostata al massimo, tuttavia ci verranno dati a disposizione altri due livelli, da 700 W per quello inferiore e da 800 W per quello intermedio. In questo modo potremo adeguarci alle necessità del caso, per esempio usando la potenza massima per i freddi particolarmente rigidi. Oppure si può ridurre quando l’impianto centralizzato è già acceso, ma non è sufficiente per creare un clima confortevole in momenti particolari, come alla mattina quando si esce dal letto.

A prescindere dal livello selezionato, tuttavia, avremo la garanzia di una diffusione di aria calda efficace e uniforme in tutto l’ambiente dove è posizionato il termosifone elettrico. Il volume che potrà essere coperto è piuttosto ampio, infatti è in grado di riscaldare stanze di 50 m3. Questo apparecchio potrà inoltre essere usato in qualunque momento senza problemi, grazie alla sua notevole silenziosità. Se vogliamo accenderlo mentre dormiamo o mentre siamo sul divano a guardare un film, non ci dovremo preoccupare di essere disturbati dal rumore.

Funzione Eco e antigelo

Sul pannello di controllo di Olimpia Splendid 99620 Caldorad ci sono due manopole, e una spia luminosa, la cui accensione ci indica il funzionamento della resistenza elettrica. La prima manopola ci serve a regolare la potenza, mentre l’altra funge da termostato, e grazie a esso potremo regolare ulteriormente l’emissione di aria calda scegliendo persino la temperatura. Tuttavia questo apparecchio è abbastanza autonomo, infatti con la funzione Eco è in grado di aggiustare da solo i suoi parametri, in modo da non sprecare energia quando il clima è già adeguato.

Occorre infine menzionare i sistemi di sicurezza di questo termosifone elettrico, primo tra tutti il sistema anti ribaltamento, grazie al quale avverrà lo spegnimento automatico in caso di cadute accidentali. Allo stesso modo, il dispositivo smetterà di funzionare immediatamente, se per qualsiasi motivo la resistenza dovesse iniziare a surriscaldarsi. Inoltre, se necessario ci sarà possibile sfruttare la funzione antigelo, se si dovesse verificare una discesa delle temperature sotto gli 0°C.

4. Ardes AR4R07M

Caratterizzato da una struttura davvero compatta e leggera, Ardes AR4R07M potrà essere sollevato e trasportato in tutta comodità da una stanza all’altra della propria casa. Questo termosifone elettrico offre una produzione di energia termica rapida e silenziosa, ideale per chi vive in piccole abitazioni.

Ardes AR4R07M

Opzione economica

Ardes AR4R07M

(4.2)

Offerta: 39,99 Prezzo: 44,90 Sconto: 4,91 (11%) *

Compagno ideale di chi vive in una casa di piccole dimensioni, dove alcune stanze sono troppo piccole per poter installare un impianto di riscaldamento fisso, Ardes AR4R07M aiuterà ad alzare la temperatura in modo rapido ed efficace, riuscendo a raggiungere una copertura fino a 20 m2. Non dovremo farci ingannare dalle dimensioni ridotte, poiché la sua portata è comunque piuttosto estesa. Potremo godere del vantaggio di ingombri ridottissimi, senza però perdere troppo in potenza.

L’assorbimento energetico di questo termosifone elettrico è pari a 600 W, perciò ci verrà data l’ulteriore garanzia di un ottimo risparmio a livello energetico, in quanto persino i suoi consumi sono assai contenuti. Ciò si deve inoltre alle sue prestazioni eccellenti, in quanto è in grado di produrre calore con grande rapidità grazie alla notevole efficienza termica dell’olio contenuto al suo interno. In questo modo impiegherà pochissimo tempo a raggiungere il livello di tepore da noi desiderato.

Compatto e leggero

Il corpo macchina di Ardes AR4R07M si compone di ben 7 elementi, a cui va ovviamente una buona parte del merito per quanto riguarda la grande rapidità di riscaldamento. È inoltre presente una griglia laterale aggiuntiva, grazie alla quale la dispersione di aria calda sarà ancora più efficiente. La struttura è dotata di 4 piedini di appoggio, pensati per conferire grande stabilità ed evitare il rischio di cadute accidentali in caso di urti. Non è dotato di ruote, tuttavia il suo peso di appena 4 kg e la presenza di una maniglia ci consentiranno di sollevarlo senza alcuna fatica per effettuare tutti gli spostamenti quando necessario.

Le misure complessive di questo termosifone elettrico ammontano a 30,5 cm di larghezza, 35,1 cm di altezza, e 17 cm in profondità. Sarà quindi davvero facile trovare un posto in cui posizionarlo persino nelle stanze più piccole. Occorre però fare attenzione a non usarlo in bagno, in quanto il suo livello di protezione contro l’umidità è IPX0 e non è quindi in grado di resistere alle infiltrazioni. Potremo usarlo senza problemi in camera da letto la mattina, o di sera in salotto, seduti sul divano.

Discreto e pratico

La presenza di griglie di aerazione aiuta inoltre a ridurre al minimo il rischio di surriscaldamento, il quale però sarà comunque sempre scongiurato grazie alla funzione di spegnimento automatico pensata proprio per attivarsi quando la resistenza elettrica inizia a diventare troppo calda. La grande discrezione di Ardes AR4R07M non si deve solo alle sue dimensioni contenute, infatti potremo persino fare affidamento sulla sua grande silenziosità, per evitare di essere disturbati quando lo teniamo vicino a noi.

Avremo quindi a che fare con un termosifone elettrico rapido, pratico, efficiente e dotato di ingombro minimo, e come se non bastasse è facilissimo da usare. Infatti, il suo pannello di controllo si compone solamente di un interruttore e di una manopola. Il primo è il tasto di accensione, e si accenderà di rosso per aiutarci a capire quando la resistenza è in funzione persino se ci troviamo in stanze poco illuminate. La manopola è invece il termostato, grazie al quale potremo regolare la temperatura portandola di volta in volta al livello che desideriamo.

Opinioni finali

Quando arriva il momento di capire quale scegliere tra le varie offerte sul mercato per il termosifone elettrico, è fondamentale trovare il modello con la potenza sufficiente a soddisfare le proprie esigenze, ma allo stesso tempo è importante pensare al risparmio energetico. Il prodotto migliore è quindi quello in grado di offrire la migliore combinazione tra questi due requisiti. Prima di valutare i prezzi, quindi, è bene verificare quale sia la portata dell’apparecchio, e poi se necessario cercare eventuali sconti.

Partendo da una fascia di prezzo medio alta troviamo De Longhi TRRS0920, un termosifone elettrico altamente versatile ed efficiente, dotato di tre livelli di potenza tra cui scegliere in base alle necessità del caso, e di un termostato per poter regolare la temperatura con altrettanta precisione. È progettato per sfruttare al massimo tutta l’energia assorbita, in modo da non sprecarla, e da riuscire a fornire grandi quantità di calore, in modo rapido e sicuro per noi e per l’ambiente circostante.

Salendo verso la fascia alta, uno dei posti come miglior termosifone elettrico va assegnato ad Aigostar 33JHH Oil Monster, per merito della quantità incredibile di funzioni integrate. Oltre a un’impostazione manuale con cui potremo scegliere la potenza e la temperatura, infatti, ci verranno fornite ben 3 modalità automatiche pensate rispettivamente per riscaldare velocemente, per risparmiare energia o per evitare che la stanza vada sotto agli 0°C. Se desideriamo questo livello di precisione, potremo cercare qualche offerta per renderlo più conveniente.

Scendendo nuovamente verso una fascia medio bassa, uno dei prodotti migliori è Olimpia Splendid 99620 Caldorad, il cui maggiore vantaggio è senza dubbio la modalità Eco. Sarà infatti capace di regolarsi in modo completamente autonomo, per offrire la migliore combinazione possibile tra massimo confort e risparmio energetico. È facile da regolare, garantisce una diffusione del tepore particolarmente uniforme, e la grande inerzia dell’olio riduce ulteriormente i consumi, in quanto sarà capace di riscaldare a lungo persino quando non è acceso.

Arrivando alla fascia bassa sarà possibile trovare Ardes AR4R07M, un termosifone elettrico caratterizzato da dimensioni e peso particolarmente contenuti. Si tratta infatti di un prodotto perfetto per chi abita in case dove c’è poco spazio per elettrodomestici aggiuntivi, tuttavia c’è il bisogno di un sistema di riscaldamento di supporto. È veloce, silenzioso ed efficiente, e ha comunque una buona portata nonostante sia piccolo. A prescindere dal costo, sarà sempre possibile trovare qualche sconto per i modelli a cui siamo interessati.

Quale termosifone elettrico scegliere? Classifica (Top 4)

Prodotto Offerta Sconto Voto
De Longhi TRRS0920 De Longhi TRRS0920 91,18 € 95,00 * 3,82 € (4%) (4.2)
Aigostar 33JHH Oil Monster Aigostar 33JHH Oil Monster 109,99 € 129,99 * 20,00 € (15%) (4.2)
Olimpia Splendid 99620 Caldorad Olimpia Splendid 99620 Caldorad 56,99 € 14,25 * 14,25 € (100%) (4)
Ardes AR4R07M Ardes AR4R07M 39,99 € 44,90 * 4,91 € (11%) (4.2)

Domande frequenti

Quali temperature conviene impostare con il termosifone elettrico?

Si consiglia di mantenere 19°C nelle stanze maggiormente frequentate, come la cucina, la camera o il soggiorno. Gli ambienti dove ci rechiamo con scarsa frequenza possono essere lasciati a 16°C, mentre i bagni a 17°C, anche se conviene salire a 22°C quando ci si lava.

È possibile usare il termosifone elettrico per stendere il bucato ad asciugare?

Non conviene mettere elementi bagnati sopra di esso, in quanto bloccherebbero la diffusione del tepore e causerebbero quindi un enorme spreco di energia. Tuttavia lo si può accendere nelle vicinanze dello stendino, per accelerare il processo di asciugatura.

Ci possono essere eventuali guasti?

Nei modelli a olio si possono verificare perdite, tuttavia si tratta di eventualità estremamente rare. Altri malfunzionamenti possono essere dovuti a danni alle componenti interne riportati dopo cadute accidentali, o all’usura di parti esposte come il cavo di alimentazione.

Che interventi di manutenzione occorre effettuare?

Questo elettrodomestico non richiede particolari attenzioni, basta rimuovere la polvere periodicamente, in particolare in presenza di ventole per la diffusione dell’aria. È bene controllare il buono stato delle varie parti, tuttavia in caso di guasti conviene sempre rivolgersi a un tecnico.

Il termosifone elettrico può essere usato come deumidificatore?

In generale il calore tende a seccare l’aria, soprattutto se ventilato, tuttavia se l’apparecchio ha un umidificatore, quest’ultimo può essere usato per ridurla e non solo per aumentarla. Trovare il giusto equilibrio garantisce il comfort, eliminando il rischio di formazione di muffe e batteri.

Quale tipo di termosifone elettrico conviene installare a seconda della stanza?

I modelli a inerzia e a infrarossi sono adatti alle stanze grandi e abitate come soggiorni e camere da letto, ma rimangono un’ottima scelta in ogni caso. Per gli ambienti di passaggio e gli spazi ridotti vanno bene anche i convettori o i termoventilatori. In bagno conviene avere uno scaldasalviette.

Come si installa un modello da parete?

Bisogna tenerlo a circa 100 cm frontalmente e 25 cm lateralmente dai mobili che potrebbero ostacolare il riscaldamento, e da tende o altri oggetti in tessuto. In seguito basta eseguire sul muro i fori per montare i supporti, lasciando almeno 10 cm da terra, e collegare la presa alla corrente.

Dove si può tenere il termosifone elettrico nei bagni?

È meglio tenerlo vicino alla doccia o alla vasca se lo usiamo per tenere gli asciugamani, tuttavia occorre mantenere la distanza di sicurezza di 60 cm dalle fonti d’acqua. Tale distanza è fondamentale con i modelli portatili, i quali devono essere obbligatoriamente impermeabili.