Migliori pulisci catena bici del 2020

La corretta manutenzione delle attrezzature sportive è fondamentale per assicurare la loro efficienza a lungo nel tempo, ovviamente anche nel caso della bicicletta. Questa presenta delle parti difficili da pulire, ma basterà aiutarsi con attrezzi specifici. Un esempio è Park Tool 4001660 Ciclone, pulisci catena bici grazie al quale si potranno rimuovere in pochissimo tempo sporco e detriti dalla componente più delicata del proprio mezzo a pedali, permettendo la sua corretta mobilità e prevenendo il rischio di usura precoce.

Confronto dei pulisci catena bici migliori

Paor Scrubber Gear Brush

Il modello più venduto

Paor Scrubber Gear Brush

(4.2)

Offerta: 6,90 € Prezzo: 1,73 Sconto: 1,73 (100%) *

  • Kit di spazzole per pulire altre parti del mezzo
  • Spazzola a setole dense distribuisce il detergente
  • Spugna che previene rischio di gocciolamento

Leggi la recensione

Otumixx Pulizia della catena

Il prodotto migliore in assoluto

Otumixx Pulizia della catena

(4.2)

Offerta: 8,99 € Prezzo: 13,99 Sconto: 5,00 (36%) *

  • Rivestimento in plastica ABS trasparente e robusta
  • Pulizia in due fasi rimuove detriti sia grossi che fini
  • Manico ergonomico per presa salda e confortevole

Leggi la recensione

Büchel 99108002

Miglior rapporto qualità e prezzo

Büchel 99108002

(4.2)

Offerta: 10,14 € Prezzo: 19,00 Sconto: 8,86 (47%) *

  • Ganci per attaccarlo al telaio durante il suo utilizzo
  • Dotato di 3 spazzole a setole rotanti al suo interno
  • 2 liquidi per detersione e protezione in dotazione

Leggi la recensione

Park Tool 4001660 Ciclone

Opzione economica

Park Tool 4001660 Ciclone

(4.2)

Offerta: 24,90 € Prezzo: 29,00 Sconto: 4,10 (14%) *

  • Magnete raccoglie tutte le particelle di metallo
  • Grande serbatoio può tenere 2 once di detersivo
  • Sistema di blocco del coperchio assai resistente

Leggi la recensione

Come scegliere un pulisci catena bici

Importanza della manutenzione

Sia che la si utilizzi per praticare attività sportiva, a livello amatoriale o agonistico, per fare qualche scampagnata o semplicemente per effettuare gli spostamenti in città, la bicicletta necessita di cure periodiche per poter funzionare sempre in modo corretto.

Tra queste, le operazioni di pulizia sono assolutamente fondamentali, poiché solo rimuovendo la polvere e le eventuali incrostazioni sarà possibile effettuare tutte le altre fasi della manutenzione, come la lubrificazione dei vari ingranaggi. In generale, i vantaggi di un lavaggio accurato sono

  • Rallentamento dell’usura
  • Maggior efficacia della lubrificazione
  • Miglioramento delle prestazioni del mezzo
  • Facilità nel controllo dello stato delle componenti

Per ottenere risultati impeccabili in poco tempo basta procurarsi la giusta attrezzatura, tra cui in particolare il pulisci catena bici. Come è facile intuire, infatti, la pulizia catena bici è la fase che richiede maggior impegno, tempo e precisione di tutto il processo di mantenimento, in quanto si tratta di un meccanismo delicato e dotato di tantissime minuscole fessure, ed è la componente più importante del mezzo.

Tutte le problematiche causate da eventuali accumuli di sporco sono valide per ogni parte del telaio, ma si riscontrano con maggior rilevanza in questo meccanismo. La presenza di polvere e detriti può infatti impedire il corretto movimento dei suoi perni, rendendo ogni pedalata faticosa e meno scorrevole, e talvolta causandone il bloccaggio o l’uscita dai pignoni.

Inoltre, lo strato di residui potrebbe impedire la vista su eventuali danni come crepe, graffi, ruggine o posizionamenti errati di alcuni pezzi. Tutto ciò porterà a un’accelerazione nell’usura, la quale costringerà l’utente a sostituire spesso le varie parti o addirittura l’intero mezzo.

Usare correttamente il pulisci catena bici significa infine poter procedere con una corretta lubrificazione di tutte le giunture che ne hanno bisogno, poiché aggiungere olio su superfici non lavate causerebbe solo un aumento della sporcizia, la quale si incollerebbe al grasso, e impastandosi con esso verrebbe distribuita ancora più velocemente su tutto il telaio, addirittura infiltrandosi con maggior facilità nelle fessure.

Le operazioni di pulizia catena mtb, o mountain bike, dovranno ovviamente essere effettuate con maggior frequenza rispetto a quelle per una normale bicicletta da città, poiché pedalare su sterrato porterà inevitabilmente a un accumulo di terra, fango o sabbia.

Non ci si dovrà preoccupare della differenza tra spessori e lunghezze delle catene, infatti quasi tutti i pulisci catena bici sono in grado di operare con la stessa efficacia su qualsiasi tipo di meccanismo, sia esso da corsa, da città, da mtb o per bambini.

Occorre tuttavia fare attenzione in ogni caso, in quanto le piccole particelle di polvere e asfalto non provocano danni evidenti, ma a lungo andare potrebbero portare all’abrasione degli ingranaggi o, se si infiltrano nei perni, al loro bloccaggio.

Si possono quindi variare gli intervalli tra un uso del lavacatena bici e l’altro in base alle proprie abitudini e alla tipologia del mezzo, ma in generale conviene procedere con la pulizia catena bici da corsa ogni volta che questa presenta evidenti accumuli di sporco in superficie, o quando si avvertono rumori e una riduzione della fluidità nel cambio delle marce o nel movimento durante la pedalata.

Lo strumento adatto pulisce persino gli interstizi più difficili in pochi istanti

Acquistare un pulisci catena bici è vantaggioso in particolare perché durante il lavaggio di tale meccanismo non è sufficiente eliminare i detriti dalle superfici esterne, ma bisogna concentrarsi in particolare sui perni e le fessure tra una maglia dell’ingranaggio e l’altra.

Tale procedimento richiederebbe una notevole attenzione e una grande quantità di tempo per essere eseguito manualmente, mentre un attrezzo pulisci catena bici può ottenere un risultato efficace e approfondito in pochi istanti e senza alcuna fatica.

In generale, tuttavia, persino il miglior pulisci catena bici faticherà a rimuovere gli accumuli di sporco se questi sono particolarmente incrostati. Conviene quindi utilizzarlo spesso, ovvero almeno ogni 3 o 5 uscite in bicicletta, rendendo ogni momento di manutenzione facile e veloce.

Struttura e materiali

Intuire a cosa serve il pulisci catena bici è piuttosto facile, ma per comprendere il suo funzionamento è necessario conoscere le varie parti da cui è composto. Solo così sarà possibile sapere quale scegliere quando si procede con un acquisto, e come usarlo correttamente, poiché per quanto sia un accessorio pratico ed essenziale è sempre importante adoperarlo con attenzione.

Componente Funzione Materiale Forma Dimensioni
Involucro esterno Far entrare e uscire la catena e agganciarsi a essa Plastica ABS Rettangolare o trapezoidale, più o meno squadrata 15 x 10 x 5 cm
Spazzole Distribuire il detergente e rimuovere i detriti Nylon, gomma e spugna Circolare o sagomata in base al foro d’uscita 2 – 3 cm di diametro e 1 cm di spessore
Serbatoio Raccogliere il detergente e tutti gli scarti rimossi Plastica ABS, talvolta presenta un magnete sul fondo Simile all’involucro, con fori per inserire lo sgrassatore 13 x 9 x 4,5 cm
Manico Tenere lo strumento in mano o fissarlo al telaio Plastica ABS o metallo Impugnatura ergonomica o semplici ganci 2 x 2 x 5 cm

In generale la struttura complessiva e il serbatoio del pulisci catena bici corsa coincidono quasi interamente, poiché i fori per inserire il detersivo e quelli da cui entrano ed escono gli ingranaggi raggiungono ovviamente la superficie esterna, mentre le spazzole si trovano direttamente nel serbatoio.

L’involucro del lava catena bici serve a contenete tutte le altre componenti e a proteggerle con una superficie robusta da eventuali danni dovuti a graffi e urti, ma la sua funzione principale è quella di permettere all’utente di fissare l’attrezzo agli ingranaggi per poterli lavare.

Dispone di due fori a sezione quadrata sui lati, sopra ai quali si trova un coperchio, il quale va sollevato per incastrare il pulisci catena bici al meccanismo, e richiuso per poter iniziare con la manutenzione. All’esterno si innesta inoltre il manico per tenere in mano il pulisci catena bici durante l’utilizzo.

In alternativa si trovano i ganci in metallo progettati per agganciare il pulisci catena bici al telaio, comodi per chi non ha una mano particolarmente ferma o teme di commettere errori se deve concentrarsi sia sulla rotazione dei pedali che sul sostenere l’impugnatura.

Il serbatoio va riempito di detergente tramite i fori in alto, e solitamente ha una capienza di 1 o 2 once, ovvero tra 30 e 60 ml. Al suo interno si accumuleranno tutti i detriti rimossi, e talvolta è possibile trovare un magnete innestato al suo fondo.

Il suo scopo è facilitare la raccolta delle particelle metalliche, le quali potrebbero formarsi a causa dello sfregamento delle setole, e se rimangono attaccate agli ingranaggi rischiano di graffiarli. Le spazzole sono chiaramente la parte fondamentale del lavacatena bici, poiché è la loro azione a permettere la rimozione di polvere e incrostazioni.

Nella maggior parte dei casi si tratta di 2 o 3 spazzole rotanti caratterizzate da una forma circolare, posizionate in verticale lungo lo stesso asse o in due file parallele, dotate di setole in nylon lungo la loro circonferenza.

Le setole sono robuste e flessibili per inserirsi nelle fessure senza causare graffi

I migliori pulisci catena bici hanno invece una quantità maggiore di spazzole, solitamente da 4 a 6, caratterizzate da setole diverse per differenziare il lavaggio in varie fasi e occuparsi di rimuovere detriti di ogni durezza e dimensione.

Le setole in nylon ad alta densità servono a distribuire il detergente, quelle mediamente dense rimuovono lo sporco dagli interstizi, mentre quelle di gomma rompono le incrostazioni più difficili. Parte di esse si trovano lungo la circonferenza delle spazzole, mentre altre sono sulla loro parte frontale.

Sono posizionate lateralmente o sul fondo del pulisci catena bici, creando la conformazione 3D, la quale pulisce tutti i lati degli ingranaggi in un solo passaggio. In corrispondenza del foro di uscita è possibile trovare una parte in gomma pensata per scuotere il meccanismo e far cadere le particelle di polvere più piccole, o una spugna che raccoglie il detergente per non farlo colare all’esterno.

Nel complesso, tutti i pulisci catena bici sono piuttosto compatti e leggeri, pesando circa tra 150 e 250 g, e quasi sempre possono essere smontati e riassemblati con facilità. Ciò risulta particolarmente comodo per sostituire eventuali parti usurate, e per lavare setole e serbatoio dopo l’uso.

Funzionamento e utilizzo

Per riuscire a pulire catena mtb come si deve, è fondamentale comprare il pulisci catena bici migliore, considerando il rapporto qualità prezzo per quanto riguarda la robustezza dei materiali, e la tipologia e quantità di sporco da rimuovere per capire di quali e quante spazzole si avrà bisogno.

C’è anche chi preferisce procedere con un metodo manuale, usando un pennello e non il pulisci catena bici, tuttavia per quanto sia efficace, tale sistema richiede tempo, pazienza e precisione, e non tutti hanno le abilità o la possibilità di farlo.

Caratteristiche Manuale Con lavacatena bici
Materiale richiesto Uno o più pennelli, detergente, bacinella, spugna Accessorio e detergente
Tempo necessario Da 20 a 30 minuti 5 minuti
Facilità di esecuzione Bassa Elevata
Esperienza richiesta Si No

Per usare il pennello quindi è preferibile una certa esperienza per evitare di danneggiare parti delicate, tuttavia anche in quel caso il tempo necessario a concentrarsi su ogni singolo ingranaggio è davvero tanto. Inoltre, non c’è un serbatoio a raccogliere il detergente e i residui, perciò occorre munirsi di una bacinella.

Non usandola si rischia di sporcare il pavimento e il telaio stesso, allungando ulteriormente i tempi di manutenzione per ripulire tutto alla fine. Un’alternativa è fermare il gocciolamento con uno straccio o una spugna, come quella già integrata in tanti pulisci catena bici.

Adoperare il lavacatena bici è quindi più facile e veloce, e non richiede particolari abilità tecniche da parte dell’utente. Per prima cosa occorre ribaltare il mezzo, fissandolo a un cavalletto apposito o facendolo poggiare su manubrio e sellino, ed eventualmente su una parete per evitare il suo ribaltamento.

È comunque preferibile posizionare sotto di esso dei giornali o un pezzo di cartone, per proteggere i punti d’appoggio dai graffi e il pavimento da eventuali perdite. Inoltre, in presenza di fango, terra e fili d’erba incastrati conviene effettuare un risciacquo preventivo con un tubo dell’acqua a bassa pressione.

Se lo sporco fosse troppo spesso, infatti, non entrerebbe neppure all’interno del lavacatena bici. È importante evitare l’acqua ad alta pressione, come quella dell’idropulitrice, la quale potrebbe danneggiare le componenti più delicate. Chi vuole pulire tutto il telaio dovrebbe rimuovere le ruote, mentre per usare solo il pulisci catena bici occorre

  1. Sollevare il coperchio dell’accessorio
  2. Posizionare la parte inferiore sotto l’ingranaggio
  3. Incastrare il meccanismo tra le spazzole e fori laterali
  4. Rimettere il tappo e inserire il detergente tramite gli ugelli
  5. Impugnare il manico o agganciare il pulisci catena bici al telaio
  6. Con la mano libera azionare i pedali per far scorrere gli ingranaggi

Se la fila di spazzole è una sola occorre poggiare le maglie su di esse, mentre se si tratta di una conformazione 3D basterà inserirle nello spazio lasciato tra le setole. L’importante comunque è assicurarsi che tutto possa scorrere dritto, passando per il foro di entrata e quello di uscita.

Non sarà necessario spostare il pulisci catena bici, infatti sarà sufficiente ruotare i pedali in senso antiorario per riuscire a lavare comodamente tutto il meccanismo un pezzo alla volta. Questo movimento andrà ripetuto finché tutti i residui saranno rimossi.

In caso di sporco particolarmente ostinato o abbondante, potrebbe essere necessario ripetere il trattamento, svuotando e risciacquando il pulisci catena bici per poterlo riempire nuovamente con altro sgrassatore e acqua, finché questa non rimane limpida.

Se manca l’ugello per il detersivo basta metterlo prima di richiudere l’attrezzo

Il detergente non deve superare il livello di capienza massima del pulisci catena bici, il quale è segnalato con una linea posta sul suo rivestimento esterno. Un eccesso di liquido rischierebbe infatti di strabordare durante il lavaggio, venendo sprecato inutilmente.

Quando tutti gli ingranaggi sono puliti, si rimuove il pulisci catena bici, e si passa alla fase di asciugatura per evitare che l’umidità generi ossidazione e ruggine. È sufficiente tenere uno straccio attorno al meccanismo, e procedere nuovamente con la rotazione delicata dei pedali. A questo punto sarà possibile vedere se ci sono eventuali danni da riparare, ed effettuare le operazioni di lubrificazione.

Si sconsiglia tuttavia di usare il pulisci catena bici sulle spin bike, poiché i loro ingranaggi sono coperti da una protezione in plastica quindi non accumuleranno tanto sporco, inoltre è preferibile evitare di usare detergenti su di esse. Sarà quindi sufficiente pulire tutte le superfici con un panno umido, e lubrificare i meccanismi con un olio siliconico spray.

Accessori e consigli

Per decidere come scegliere un pulisci catena bici adatto alle proprie esigenze, si possono tenere in considerazione gli eventuali accessori, poiché in certi casi con un acquisto si riceve solo il pulisci catena bici stesso, mentre altre volte si tratta di veri e propri kit pensati per occuparsi persino di altre parti del telaio. Alcuni degli oggetti inclusi possono essere

  1. Spazzolini
  2. Raschietti
  3. Detergente
  4. Pezzi di ricambio

La presenza di raschietti e spazzolini aggiuntivi consente di portare le sessioni di manutenzione a un altro livello, infatti grazie a essi si potranno pulire persino le zone in cui il pulisci catena bici non riesce ad arrivare, come pignoni, corona, cambio e perni particolarmente stretti.

Gli spazzolini hanno delle setole in nylon, mentre i raschietti hanno una fila di denti triangolari in plastica rigida. In questo modo si possono adattare alle varie superfici, grattando le incrostazioni ostinate o insinuandosi in ogni pertugio per distribuire al meglio il detersivo.

Sia che il pulisci catena bici arrivi già assemblato o meno, talvolta vengono fornite delle spazzole aggiuntive, in modo da poterle sostituire quando quelle utilizzate risultano eccessivamente consumate o iniziano a perdere setole.

Per quanto riguarda invece il detergente, talvolta se ne trova un flacone pensato principalmente per fornire indicazioni su quali prodotti usare, da quelli per pulire a eventuali protettivi da usare al termine del lavaggio, tuttavia in genere ogni utente compra a parte quelli con cui si trova meglio. Con il pulisci catena bici si possono usare

  • Nafta
  • Benzina
  • Petrolio bianco
  • Prodotti specifici
  • Sgrassatore universale

Nafta, benzina e petrolio bianco erano maggiormente diffusi in passato ma stanno andando in disuso, poiché pur essendo estremamente efficaci possono essere usati senza problemi solo su mezzi a pedali meno recenti.

I modelli nuovi presentano infatti catene rivestite con materiali protettivi come il teflon, i quali verrebbero sciolti e rimossi da questi liquidi. Inoltre, il loro odore è davvero forte, e se inalato in grandi quantità può provocare mal di testa.

Il petrolio bianco viene ancora usato in caso di ruggine, poiché è necessaria un’azione piuttosto aggressiva per riuscire a rimuoverla. Un’alternativa casalinga a esso potrebbe essere la della semplice cola in bottiglia o lattina, facilissima da reperire, seppur tuttavia richiederebbe di smontare l’intero meccanismo e immergerlo per qualche ora.

È possibile optare per lo sgrassatore universale generalmente utilizzato per pulire le superfici metalliche della cucina, tuttavia alcuni di questi potrebbero intaccare alcune parti delicate come le pastiglie dei freni, perciò è sempre preferibile comprare dei detergenti specifici per questo tipo di manutenzione.

Questi si trovano solitamente sotto forma di flaconi in quantità da 500 ml a 1 L, alcuni dei quali presentano beccucci spray pensati per chi non usa il pulisci catena bici. Molti possono essere utilizzati direttamente senza l’aggiunta di acqua, tuttavia chi lo desidera può diluirli leggermente.

I prodotti specifici sono biodegradabili o privi di sostanze dannose per l’ambiente

Questi sono pensati appositamente per essere usati sui materiali che compongono le biciclette, perciò non presentano alcun rischio. In caso di sporco particolarmente secco, si consiglia di usare prima dell’olio per scioglierlo, applicandolo possibilmente prima di effettuare una pedalata per farlo agire a lungo, e usando il pulisci catena bici solo al rientro.

Una volta capito come pulire la catena della mtb, è fondamentale sapere come lubrificarla, poiché l’uso di sostanze sgrassanti andrà ovviamente a rimuovere parte dell’olio presente negli ingranaggi, e perché si tratta comunque di un’operazione di routine da effettuare periodicamente per salvaguardare questo meccanismo.

È inoltre importante procedere con la lubrificazione solo dopo aver usato il lavacatena bici, poiché in presenza di detriti si andrebbe solamente a incrementare la patina di sporcizia. L’olio non va spruzzato con bombolette spray, poiché se si depositasse sulle superfici e non solamente sui perni fungerebbe da catalizzatore per la polvere.

Occorre quindi usare le boccette apposite, dotate di un beccuccio in grado di infilarsi tra le maglie e di erogare lubrificante poche gocce alla volta. A seconda delle esigenze si trovano prodotti adatti ad ambienti umidi e fangosi, o al contrario secchi e polverosi, oppure adatti a tutte le situazioni.

Una volta distribuito l’olio su ogni perno è bene rimuovere gli eccessi con un panno in cotone o microfibra, ed effettuare una breve pedalata cambiando spesso le marce, in modo da favorire la distribuzione del lubrificante in ogni parte del meccanismo.

Recensioni dei migliori pulisci catena bici

1. Paor Scrubber Gear Brush

Prodotto ideale per chi vuole ottenere risultati impeccabili, il pulisci catena bici Paor Scrubber Gear Brush offre un sistema di lavaggio 3D in grado di spazzolare tale meccanismo da ogni lato in una sola passata, e ha in dotazione persino un’abbondante serie di spazzole per raggiungere le fessure più strette.

Paor Scrubber Gear Brush

Il modello più venduto

Paor Scrubber Gear Brush

(4.2)

Offerta: 6,90 Prezzo: 1,73 Sconto: 1,73 (100%) *

La caratteristica principale di Paor Scrubber Gear Brush è quella di non essere un semplice attrezzo di pulizia, infatti si tratta di un vero e proprio kit di manutenzione, costituito da ben 4 diversi strumenti. Ognuno di questi è progettato per una componente diversa, per esempio i tre spazzolini sono da usare su cambio, corona e fessure degli ingranaggi.

Per quanto riguarda invece il pulisci catena bici, ovvero il prodotto principale, il suo sistema di lavaggio si divide in due fasi, rimuovendo prima i residui grossi e poi quelli sottili, mentre la disposizione 3D delle spazzole garantisce il raggiungimento rapido ed efficace di ogni angolo del meccanismo.

Il detergente viene distribuito dalla spazzola a ciclone, ovvero quella con le setole dotate della maggior densità, e in seguito una spugna avrà il compito di raccoglierlo per non disperderlo nell’ambiente. Le misure di questo apparecchio sono di 9,5 x 17 x 5 cm, mentre il suo peso è di 240 g.

2. Otumixx Pulizia della catena

Grazie al suo sistema di lavaggio in due fasi, Otumixx Pulizia della catena pulisci catena bici è in grado di rimuovere con la stessa efficacia i residui grossi e quelli microscopici come sabbia e polvere. Offre persino due spazzole per garantire la manutenzione di ogni singolo perno e meccanismo.

Otumixx Pulizia della catena

Il prodotto migliore in assoluto

Otumixx Pulizia della catena

(4.2)

Offerta: 8,99 Prezzo: 13,99 Sconto: 5,00 (36%) *

Caratterizzato da una struttura incredibilmente leggera e compatta, Otumixx Pulizia della catena pesa appena 150 g e misura 13,5 x 5 x 7 cm. Il corpo esterno è realizzato in robusta plastica ABS trasparente e dispone di un manico dalla forma ergonomica, mentre all’interno si trovano diverse spazzole, ciascuna di esse con forme e funzioni diverse.

Questo pulisci catena bici è infatti caratterizzato da un sistema di manutenzione in due fasi, ovvero quella di rimozione dei detriti di grandi dimensioni, seguita da lavaggio ed eliminazione delle particelle più piccole. Durante tale operazione, inoltre verrà raccolto il detergente in eccesso per evitare di farlo colare a terra in uscita.

Le spazzole sono progettate con la tecnologia 3D, per essere in grado di trattare ogni lato dell’ingranaggio contemporaneamente, ottenendo un risultato perfetto in pochi istanti. Infine, si potranno trovare in dotazione due pratici accessori aggiuntivi, un raschietto e uno spazzolino, pensati per aiutare l’utente a pulire persino la corona e i vari pertugi difficilmente raggiungibili.

3. Büchel 99108002

Leggero, estremamente compatto e facile da usare, Büchel 99108002 non deve essere tenuto in mano durante l’uso e lo si potrà agganciare direttamente al telaio. È un pulisci catena bici essenziale ma efficace, adatto a eseguire la routine di manutenzione su mezzi a pedali di qualunque tipologia.

Büchel 99108002

Miglior rapporto qualità e prezzo

Büchel 99108002

(4.2)

Offerta: 10,14 Prezzo: 19,00 Sconto: 8,86 (47%) *

Tanto semplice quanto versatile, Büchel 99108002 può essere usato durante la manutenzione di mezzi a pedali di qualunque tipo, siano essi da corsa, da città o mtb. Funziona perfettamente senza il bisogno di smontare alcuna componente, perciò può essere usato da chiunque senza particolare difficoltà, e senza richiedere l’intervento di un tecnico.

Il corpo di questo pulisci catena bici si compone di un leggero ma resistente involucro in plastica ABS trasparente, il quale misura 18 x 12 x 2,5 cm, pesa 177 g, e contiene ben 3 spazzole rotanti incaricate della pulizia. Al suo esterno sono presenti dei ganci, i quali sono integrati per attaccare l’apparecchio al mezzo stesso.

In questo modo non sarà neppure necessario sostenerlo durante l’uso, e ci si potrà concentrare esclusivamente sulla rotazione dei pedali. Un risultato di manutenzione eccellente verrà inoltre assicurato dai due prodotti in dotazione, ovvero il liquido detergente e quello protettivo, grazie ai quali sarà possibile rallentare notevolmente l’usura di tutto il meccanismo.

4. Park Tool 4001660 Ciclone

Perfetto per chi vuole poter lavare il proprio mezzo a pedali senza sporcare se stesso o il pavimento, Park Tool 4001660 Ciclone ha una spugna in grado di prevenire lo sgocciolamento del detergente. Questo pulisci catena bici è leggero ed ergonomico, e offre un sistema di chiusura robusto ed efficace.

Park Tool 4001660 Ciclone

Opzione economica

Park Tool 4001660 Ciclone

(4.2)

Offerta: 24,90 Prezzo: 29,00 Sconto: 4,10 (14%) *

Il principale vantaggio di Park Tool 4001660 Ciclone è l’ottima combinazione tra efficienza e ordine, infatti sarà in grado di svolgere al meglio la sua funzione, evitando di lasciare indietro residui e di perdere liquido a causa del movimento del meccanismo verso il foro di uscita del suo serbatoio.

Si potrà fare affidamento su un magnete posto sul fondo della struttura, grazie al quale le particelle metalliche generate dallo sfregamento non torneranno in circolo, rischiando di graffiare le superfici del telaio o di ostruire il movimento dei perni. È inoltre presente una spugna pensata per raccogliere il detergente in eccesso ed evitare sprechi.

È un pulisci catena bici pratico e compatto, pesa circa 240 g e misura 22 x 4 x 22 cm, ha un manico comodo da impugnare e due efficaci spazzole rotanti. Può contenere fino a 2 once, circa 60 ml, di sgrassatore, lava catene di tutti i tipi, e il suo coperchio offre grande resistenza e stabilità.

Opinioni finali

Per decidere quale scegliere tra le varie offerte di pulisci catena bici, si consiglia di concentrarsi soprattutto sulle caratteristiche tecniche, e sull’eventuale presenza di accessori aggiuntivi, poiché ogni modello è versatile, facile da usare e di prezzo piuttosto contenuto. Conviene considerare la quantità e il tipo di detriti che si accumulano sul proprio mezzo, trovare l’attrezzo migliore per tali esigenze e, se lo si desidera, cercare qualche sconto online.

Partendo dalla fascia di prezzi leggermente più elevata, si trova Park Tool 4001660 Ciclone, il cui serbatoio assai capiente consente di facilitare l’immersione e quindi il lavaggio di tutto il meccanismo. Inoltre, se lo sfregamento delle spazzole dovesse produrre residui metallici, questi verranno raccolti dal magnete posto sul suo fondo. Un altro efficiente sistema di raccolta è quello del detergente, assorbito dalla spugna per evitare sgocciolamenti indesiderati.

Un ottimo pulisci catena bici nella fascia media è Otumixx Pulizia della catena, che garantisce prestazioni rapide ed efficaci grazie alla tecnologia di lavaggio in grado di raggiungere tutti i lati del meccanismo con una sola passata, la quale è inoltre caratterizzata da due fasi per riuscire a eliminare residui di ogni dimensione. Un notevole vantaggio è l’ulteriore presenza di due accessori, perfetti per eseguire le rifiniture.

Tra i prodotti dotati del miglior rapporto qualità prezzo in fascia bassa c’è Büchel 99108002, principalmente per l’incredibile facilità con cui è possibile agganciarlo al telaio del proprio mezzo durante il lavaggio degli ingranaggi, evitando così di doversi concentrare nel tenerlo fermo mentre si fanno ruotare i pedali. Offre inoltre ottimi accessori in dotazione, ovvero due liquidi per il serbatoio, uno a funzione detergente e l’altro protettiva.

Un altro dei migliori pulisci catena bici è sicuramente Paor Scrubber Gear Brush, il quale merita attenzione per la notevole quantità di strumenti che fornisce in dotazione, infatti oltre al prodotto principale si potranno trovare ben 3 spazzolini per cambio, corona e rifiniture. La sua grande efficienza si deve inoltre alla distribuzione ottimale delle spazzole e alla notevole densità delle setole con cui distribuiranno il detergente. Attendendo il periodo di sconti, ognuno di questi prodotti potrà risultare ancora più economico.

Quale pulisci catena bici scegliere? Classifica (Top 4)

Prodotto Offerta Sconto Voto
Paor Scrubber Gear Brush Paor Scrubber Gear Brush 6,90 € 1,73 * 1,73 € (100%) (4.2)
Otumixx Pulizia della catena Otumixx Pulizia della catena 8,99 € 13,99 * 5,00 € (36%) (4.2)
Büchel 99108002 Büchel 99108002 10,14 € 19,00 * 8,86 € (47%) (4.2)
Park Tool 4001660 Ciclone Park Tool 4001660 Ciclone 24,90 € 29,00 * 4,10 € (14%) (4.2)

Domande frequenti

Ogni quanto va usato il pulisci catena bici?

La frequenza varia in base al luogo in cui si va a pedalare, poiché ovviamente percorsi sterrati tenderanno a sporcare di più rispetto all’asfalto. Chi usa la bicicletta ogni giorno dovrebbe pulirla ogni una o due settimane, mentre i ciclisti sporadici potranno procedere ogni uno o due mesi.

Oltre a usare il pulisci catena bici e il lubrificante, cosa occorre fare?

È sufficiente controllare che tutti gli ingranaggi siano in buone condizioni, valutando in particolare l’allungamento. Se i vari pezzi si distanziano troppo tra loro, l’intero meccanismo si consumerà velocemente, perciò conviene misurarlo con un calibro apposito, e sostituirlo se è troppo lungo.

Si può usare il pulisci catena bici per togliere la ruggine?

Lo si può fare se la ruggine è poca, e se non risulta particolarmente incrostata, mentre se questa dovesse fare resistenza conviene procedere con delle spazzole di ferro. Solo una volta rimosso lo strato più difficile si potrà rifinire l’opera con il pulisci catena bici.

Quanto ci mette il pulisci catena bici ad agire?

Ovviamente il tempo varia a seconda del livello di sporcizia da eliminare, il quale si ridurrà aumentando la frequenza dei lavaggi. In media sono sufficienti 20 giri di pedale per pulire tutti gli ingranaggi, da ripetere solo in caso di residui particolarmente ostinati.

Cosa fare se il detergente entra a contatto con le mani?

Se nel pulisci catena bici si usa un normale sgrassatore non ci sono grandi pericoli, è sufficiente un risciacquo, mentre se si tratta di nafta o petrolio bianco è bene lavare abbondantemente, se possibile utilizzando la pasta lavamani, in modo da eliminare ogni residuo dalla pelle.

Si può usare il pulisci catena bici per rimuovere il grasso dalla superficie degli ingranaggi?

Sgrassare l’esterno della catena è importante per evitare l’accumulo di polvere, tuttavia le spazzole potrebbero pulire eccessivamente le parti interne. Se lo si usa, quindi, poi è bene controllare che i perni siano correttamente lubrificati, e se necessario aggiungere olio.

Occorre lavare il pulisci catena bici?

Sì, va lavato al termine di ogni utilizzo, altrimenti tutto lo sporco da esso rimosso rimarrà al suo interno e potrebbe incrostarsi, danneggiando la sua efficacia. Basta aprirlo e sciacquarlo sotto acqua corrente, e se possibile staccare i vari pezzi per pulirli individualmente.

Tutti i pezzi del pulisci catena bici possono essere sostituiti?

stesso per il manico se questo dovesse spezzarsi. Se invece fosse il serbatoio o la struttura esterna a rompersi, conviene sostituire l’intero strumento.