Condizionatori portatili

Condizionatori portatili

Piccoli, pratici e compatti, condizionatori portatili sono la soluzione perfetta per chi desidera rinfrescare la propria casa senza dover installare un costoso ed invasivo impianto di raffreddamento permanente. Tra i moltissimi modelli in commercio, il moderno Argo Relax è il preferito del momento per via del suo design lineare, della sua praticità d’uso e della sua incredibile efficacia nel rendere gli ambienti più freschi e accoglienti.

Confronto dei modelli migliori

Argo Relax

Il prodotto migliore in assoluto

Argo Relax

(4.2)

Offerta: EUR 369,00 Prezzo: 461,25 Sconto: 92,25 (20%) *

  • Regola velocità e temperatura in maniera efficiente
  • Integrato con un tubo di scarico di 1,5 metri
  • 3 velocità con alette regolabili e filtro lavabile

Vai all'offerta Leggi la recensione

Argo Softy

Buona alternativa

Argo Softy

(3.6)

Offerta: EUR 358,95 Prezzo: 399,00 Sconto: 40,05 (10%) *

  • 3 velocità e si può usarlo come deumidificatore
  • Filtro dell’aria lavabile per un’aria pura e pulita
  • Display led a comandi digitali, timer programmabile

Vai all'offerta Leggi la recensione

Trotec Pae 25

Miglior raporto di prezzo e qualità

Trotec Pae 25

(3)

Offerta: EUR 129,95 Prezzo: 162,44 Sconto: 32,49 (20%) *

  • Filtro aria lo rende utilizzabile come depuratore
  • 4 livelli di ventilazione e funzione cooling
  • Flusso d’aria direzionabile e regolabile

Vai all'offerta Leggi la recensione

Guida all’acquisto

Modelli e tipologie

Quando le temperature esterne si alzano, a volte non ci resta che rintanarci in casa per sfuggire alla calura e trovare un po’ di sollievo – a patto, chiaramente, di avere un buon impianto di condizionamento. Chi fosse sprovvisto di un sistema fisso e non avesse la possibilità (o la voglia) di farlo installare può optare per uno dei moltissimi modelli portatili disponibili in commercio. La scelta in fatto di condizionatori portatili caldo freddo è davvero vasta: dai modelli monoblocco a quelli split, dalla variante on-off al climatizzatore portatile inverter, senza dimenticare i condizionatori portatili con pompa di calore, i modelli con il tubo e quelli che, invece, ne sono sprovvisti. I modelli più comuni e maggiormente apprezzati dagli utenti sono elencati e descritti nella tabella qui di seguito.

Modello Caratteristiche
Monoblocco Il modello monoblocco – detto anche climatizzatore portatile senza unità esterna – è costituito da un unico dispositivo che viene tenuto all’interno dell’abitazione e che è generalmente dotato di un tubo di scarico per l’aria calda che deve essere posto fuori di casa.
Split I modelli split – detti anche condizionatori portatili con unità esterna – sono composti da due parti: una va tenuta all’interno dell’abitazione mentre l’altra – il condensatore – va installata all’esterno. Sono i modelli più potenti ed efficaci, ma leggermente meno pratici.
Con pompa di calore Condizionatore portatile con pompa di calore è in grado di far abbassare le temperature durante l’estate e di riscaldare i vari ambienti durante l’inverno. Climatizzatore portatile pompa di calore funziona meglio delle stufette elettriche.
On-off Il classico modello on-off è dotato di un tasto di accensione e spegnimento che deve essere premuto quando vogliamo avviare condizionatore portatile senza tubo o con tubo o quando vogliamo spegnerlo quando abbiamo raggiunto la temperatura desiderata.
Inverter Condizionatore portatile inverter è in grado di accendersi e spegnersi automaticamente e in qualsiasi momento in modo da mantenere la temperatura all’interno della stanza sempre costante. È leggermente più costoso ma ci permette di ridurre notevolmente i consumi.

Un’ulteriore distinzione deve essere fatta, poi, tra il modello con tubo esterno e condizionatore senza tubo di scarico. Gli apparecchi con il tubo devono generalmente essere situati sempre in prossimità delle finestre – soprattutto perché i tubi hanno una lunghezza media di un metro e mezzo circa – e il tubo serve a scaricare all’esterno l’aria calda. Condizionatore portatile senza tubo, invece, funziona ad acqua e non ha la necessità di essere posizionato in prossimità delle finestre.

Condizionatori portatili senza tubo esterno sono leggermente meno efficaci – anche se gli ultimi modelli in commercio vantano delle prestazioni eccellenti – ma sono particolarmente pratici perché possono essere spostati con facilità da una stanza all’altra senza bisogno che ci sia una finestra nelle vicinanze, sono più leggeri e non ci costringono a forare il muro nel caso non sia presente una finestra. Inoltre, essendo così pratici e semplici da trasportare possono essere usati anche in viaggio, proprio come il condizionatore portatile camper.  Dato che climatizzatori portatili senza tubo funzionano principalmente ad acqua, è importante assicurarsi che il serbatoio a disposizione sia sufficientemente capiente da garantire un’autonomia di almeno 5-6 ore.

Potenza e portata

Una delle caratteristiche principali da tenere in considerazione al momento dell’acquisto di un climatizzatore portatile è proprio la capacità rinfrescante dell’apparecchio. Questo valore è piuttosto difficile da valutare e stimare correttamente poiché dipende da molti fattori diversi e può variare a seconda delle condizioni ambientali, della grandezza della stanza, del numero di finestre ecc. Limitandoci ad analizzare le caratteristiche tecniche dell’apparecchio, ci sono tre elementi che dobbiamo prendere in considerazione per avere una stima (più o meno esatta) del potere rinfrescante di uno strumento per aria condizionata portatile, ovvero:

  • Portata
  • Potenza
  • Tipo di sistema refrigerante

La portata di questi strumenti indica la quantità d’aria che riescono ad immettere in circolazione in un’ora. Non a caso, la portata si esprime in metri cubi all’ora e maggiore è il suo valore, maggiore sarà la quantità d’aria fresca dispersa nella stanza. Nonostante sia difficile trovare dei valori medi, un modello con portata di circa 250/300/350 m3/h dovrebbe essere in grado di rinfrescare una stanza di medie dimensioni in tempi piuttosto brevi.

Ad ogni modo, il valore della potenza da solo non è in grado di fornirci informazioni precise sulla capacità refrigerante dell’apparecchio. Per una stima più precisa dobbiamo necessariamente valutare anche la potenza del dispositivo e metterla in rapporto con la grandezza e le caratteristiche della stanza o dell’ambiente da raffreddare.

Potenza refrigerante si esprime in BTU/h

Anche in questo caso, maggiore è il valore della potenza, maggiore è la capacità refrigerante del condizionatore portatile in questione. In generale, per avere un’idea approssimativa della potenza necessaria a riscaldare una stanza, basta moltiplicare 350 BTU (British Termal Unit) per ogni metro quadro. In ogni caso, la potenza deve essere aumentata quando la stanza presenta finestre, quando il sole batte direttamente all’interno, quando le pareti non sono bene isolate, quando le luci della stanza emanano molto calore, quando l’ambiente ospita persone o animali e quando all’interno della stanza vi sono dispositivi elettronici (computer, forni, ecc.) in funzione. Infine, per quanto riguarda il sistema refrigerante possiamo dividere climatizzatori portatili in due grandi categorie:

  1. Sistemi aria-aria
  2. Sistemi aria-acqua

I primi sono generalmente meno potenti e sfruttano lo scambio di fluidi – il cosiddetto ciclo termodinamico – per sottrarre l’aria calda presente all’interno di una stanza e reimmetterla in circolazione una volta raffreddata. Nel caso dei modelli con il tubo l’aria calda viene rilasciata fuori dall’abitazione mentre condizionatori portatili con pompa di calore sfruttano l’azione della pompa per modificare la temperatura nella stanza.

I secondi sono più potenti e sfruttano l’evaporazione dell’acqua per abbassare la temperatura. Per contro, però, questi modelli sono limitati dalla presenza di un serbatoio che deve essere rifornito periodicamente. In generale, un serbatoio con capacità di 8-10 litri dovrebbe essere in grado di funzionare per almeno 5-6 ore consecutive senza bisogno di rabbocchi. All’interno di questa categoria troviamo alcuni dei modelli più funzionali, incluso il climatizzatore portatile senza tubo esterno.

Funzioni aggiuntive

Nonostante la funzione principale di questi strumenti sia di alterare la temperatura all’interno di un determinato ambiente, condizionatori portatili sono spesso dotati di una serie di opzioni aggiuntive pensate per aumentarne la versatilità e l’efficienza. Chiaramente, più funzioni extra un dispositivo ha, più il costo tende a salire. Inoltre, non tutti i modelli sono dotati delle stesse proprietà – ma si tratta di un aspetto da valutare con attenzione prima di fare la propria scelta. Alcune tra le funzioni più utili sono elencate e descritte nella tabella qui di seguito.

Funzione Caratteristiche
Deumidificazione Quest’opzione ci permette di regolare (aumentare o diminuire) la percentuale di umidità nell’aria della stanza. Rimuovere l’umidità in eccesso può rendere l’aria molto più respirabile.
Ventilazione Grazie a questa funzione, il condizionatore può agire come un ventilatore e può far muovere più velocemente l’aria all’interno della stanza.
Riscaldamento Condizionatori portatili caldo e freddo sono dotati di una pompa di calore che, durante l’inverno, è in grado di invertire il suo funzionamento e generare aria calda.
Smart La funzione smart permette a climatizzatori portatili caldo e freddo di accendersi e spegnersi automaticamente e di variare autonomamente la potenza in base alla temperatura della stanza.
Sleep La funzione sleep può essere attivata quando desideriamo abbassare la rumorosità dell’apparecchio – ad esempio durante la notte quando vogliamo un ambiente fresco ma non il ronzio costante del dispositivo.

La possibilità di sfruttare tutte o solo alcune delle funzioni appena citate ci consente di gestire la temperatura all’interno della stanza con maggior precisione. Per di più, grazie al display (generalmente al led) integrato in quasi tutti gli apparecchi, possiamo impostare una temperatura predefinita e lasciare che climatizzatore portatile caldo senza tubo o con il tubo porti a termine il suo lavoro in piena autonomia.

Per una praticità ancora superiore, possiamo anche evitare di alzarci e gestire le impostazioni dal display, ma possiamo semplicemente utilizzare il pratico telecomando che troviamo generalmente incluso nella confezione – in questo modo potremo accendere, spegnere, abbassare o alzare la temperatura e impostare i momenti di accensioni e spegnimento (se è presente la funzione timer, ovviamente) stando comodamente seduti a letto o sul divano. Il telecomando è particolarmente utile durante la notte quando vogliamo variare la temperatura, diminuire la rumorosità del dispositivo o spegnere l’apparecchio senza doverci alzare.

Telecomando ci consente di gestire l’attività del condizionatore portatile a distanza

Oltre a queste pratiche funzioni aggiuntive, esistono degli altri elementi – semplici ma molto utili – che rendono l’utilizzo di climatizzatori portatili senza tubo e con il tubo ancora più semplice. Tra i maggiormente apprezzati abbiamo le rotelline – generalmente quattro – installate alla base dell’apparecchio, le maniglie laterali o superiori – pensate per facilitarne il trasporto – e il kit per facilitare il posizionamento del tubo di scarico fuori dalla finestra.

Infine, se il modello in questione funziona con l’ausilio del gas refrigerante, potremmo aver bisogno di bombole di ricambio e di un kit per la ricarica. Quest’operazione deve essere effettuata quando i livelli di gas scendono ai minimi e si tratta di un passaggio piuttosto semplice che può essere portato a termine anche dai meno esperti con facilità.

Consumi e rumorosità

Verificare il prezzo di un sistema per aria condizionata portatile prima di procedere all’acquisto è un passaggio molto importante. Tuttavia, dobbiamo tenere in considerazione una serie di costi aggiuntivi che ci troveremo inevitabilmente ad affrontare in seguito – primi fra tutti, i consumi energetici. Come quasi tutti gli elettrodomestici, anche climatizzatori portatili funzionano con l’ausilio della corrente elettrica; dobbiamo, perciò, stare attenti a non scegliere un modello che abbia consumi eccessivi e che rischi di farci schizzare alle stelle i costi in bolletta.

Prima di passare a valutare la classe energetica dei vari prodotti, dobbiamo tenere a mente che alcuni modelli consumano più di altri. Ad esempio, la variante inverter è in grado di ridurre fino al 30% i consumi perché – invece di mantenersi sempre accesa come il modello on-off – è in grado di accendersi e spegnersi automaticamente (nonché di variare l’intensità) per mantenere la temperatura all’interno della stanza costante. Per avere un’idea più precisa dei consumi di un apparecchio dobbiamo controllare la cosiddetta etichetta energetica obbligatoria (EER).

EER indica la capacità di raffreddamento e l’energia elettrica assorbita

Sull’etichetta troviamo riportate alcune caratteristiche tecniche del prodotto in questione (tipologia, possibilità di usarlo per riscaldare, ecc.), la classe di efficienza energetica e le specifiche tecniche (kW). Tra tutti, il valore più importante da tenere in considerazione è quello della classe energetica. I modelli di classe A+++ sono indubbiamente quelli con i consumi minori mentre mano a mano che scendiamo con le categorie (A++, A+, A, B, C, D) troviamo prodotti indubbiamente più economici ma dai consumi piuttosto elevati. Per un buon compromesso tra prezzo di partenza e costi in bolletta, è consigliabile optare per un modello almeno di classe A. I consumi medi per ogni classe energetica sono elencati nella tabella qui di seguito.

Classe di efficienza energetica Consumi annui medi (in kWh)
A+++, A++, A+ < 700-850 kWh
A < 890 kWh
B 890-950 kWh
C 950-1050 kWh

Infine, un’ultima caratteristica da tenere in considerazione prima di procedere con l’acquisto è il livello di rumorosità. Il sistema di aria condizionata portatile, infatti, può essere utilizzato in qualsiasi stanza e in qualsiasi momento del giorno e della notte – perciò non è consigliabile acquistare un modello troppo rumoroso che potrebbe disturbarci mentre dormiamo o che potrebbe coprire il rumore della televisione o della radio mentre ci rilassiamo. In generale, la rumorosità media di questi prodotti è di circa 60-65 dB (decibel) – ovvero il rumore prodotto da una conversazione standard – ma alcuni modelli sono dotati della modalità Sleep (pensata per ridurre le emissioni durante la notte) che può far abbassare la rumorosità anche fino a 20-25 dB. Un unico appunto, alcuni apparecchi tendono a spegnersi automaticamente dopo alcune ore dall’attivazione della modalità Sleep.

Recensioni dei modelli preferiti


Argo Relax

Pratico, elegante e funzionale, condizionatore portatile silenzioso Argo Relax è il prodotto preferito del momento per via della sua praticità d’uso, per il suo design moderno e per la sua capacità di rinfrescare qualsiasi ambiente in tempi record.

Argo Relax

Il prodotto migliore in assoluto

Argo Relax

(4.2)

Offerta: EUR 369,00 Prezzo: 461,25 Sconto: 92,25 (20%) *

Vai all'offerta

Versatile e pratico, Argo Relax è mini condizionatore portatile di fascia media di piccole dimensioni – adatto a qualsiasi tipo di ambiente e in grado di eliminare l’umidità e rinfrescare l’aria in ogni stanza. Questo apparecchio vanta un’altezza di 78 cm, una larghezza di 34 cm e una profondità di 39,4 cm; il peso, invece, è di 27 cm – perfettamente nella media – ma le maniglie sui lati e le rotelline pivotanti rendono il trasporto di Argo Relax un gioco da ragazzi. La facilità di trasporto non è un vantaggio da sottovalutare, soprattutto se abbiamo la necessità di rinfrescare più ambienti diversi e non comunicanti.

Per completare il tutto, il tubo di scarico di 1,5 metri ci consente di eliminare l’aria calda dall’interno della stanza e di scaricarla direttamente fuori dalla finestra. Inoltre, il pratico vano avvolgicavo che si trova alla base del condizionatore deumidificatore portatile ne riduce l’ingombro quando non è in funzione. Per quanto riguarda le prestazioni, Argo Relax non delude: con una velocità di 230/200/180 m³/h e una potenza refrigerante di 10.000 BTU, questo apparecchio è in grado di rinfrescare ambienti di circa 20-30 metri quadrati in tempi piuttosto brevi.

Funzioni aggiuntive

Argo relax è un apparecchio per aria condizionata portatile ricco di funzioni aggiuntive ed incredibilmente versatile. Questo dispositivo, infatti, è ci permette di scegliere tra l’opzione di ventilazione, di deumidificazione e di raffreddamento; inoltre, ci consente di regolare la temperatura e la velocità di ventilazione in modo da personalizzare la modalità di raffreddamento dell’ambiente e di ottenere un ambiente fresco ma non eccessivamente freddo.

Le varie impostazioni e programmi di raffreddamento possono essere regolati direttamente dal display al led integrato oppure con l’ausilio di un pratico telecomando da utilizzare a distanza. Per di più, se non abbiamo la possibilità di essere in casa per premere il tasto di accensione e selezionare il programma desiderato, possiamo sfruttare l’azione del comodissimo timer che ci consente di programmare l’accensione e lo spegnimento di Argo Relax – ciò significa che potremo tornare a casa dopo una lunga giornata di lavoro e trovare gli ambienti già freschi ed accoglienti. Infine, l’opzione Sleep può essere usata per ridurre la rumorosità e i consumi dell’apparecchio.

Praticità d’uso

La qualità di condizionatore portatile caldo freddo si valuta anche in base alla rumorosità e ai consumi. Un prodotto eccessivamente rumoroso, infatti, potrebbe risultare fastidioso (soprattutto di notte) e un apparecchio economico ma dai consumi elevati non è particolarmente conveniente. Argo Relax rappresenta un buon compromesso: appartenendo alla classe energetica di fascia A, i consumi non sono eccessivamente alti – anzi, sono nella media dei prodotti di questo tipo – mentre per quanto riguarda la rumorosità dobbiamo aspettarci un rumore di circa 65 dB – che possono scendere a 20 dB quando è in azione la modalità Sleep.


Argo Softy

Con 10.000 BTU di potenza, un filtro dell’aria removibile e lavabile e un design moderno e discreto, Argo Softy è un prodotto di ottima qualità con funzionamento ad acqua, pensato per un utilizzo domestico in ambienti di medie dimensioni.

Argo Softy

Buona alternativa

Argo Softy

(3.6)

Offerta: EUR 358,95 Prezzo: 399,00 Sconto: 40,05 (10%) *

Vai all'offerta

Discreto e silenzioso, Argo Softy è un prodotto altamente efficiente e rappresenta un ottimo compromesso tra qualità e utilizzo. Nonostante abbia un cavo per la corrente leggermente corto, questo prodotto può essere utilizzato in ambienti e stanze diverse – a patto di lasciare uno spazio di almeno 60 cm tra l’apparecchio e il muro per evitare un surriscaldamento. Inoltre, è importante che il dispositivo sia sempre posizionato vicino ad una finestra dalla quale sarà fatto uscire il tubo di scarica di lunghezza 1,5 metri – niente paura, quando Argo Softy non è in uso, il tubo può essere ritratto e può arrivare a misurare appena 40 cm.

Questo apparecchio vanta delle ottime caratteristiche tecniche ed è in grado di raffreddare stanze anche di 35-40 metri quadrati – un valore decisamente sopra alla media per i prodotti di questo livello. Pratico e funzionale, Argo Softy ha 10,000 BTU di potenza, un sistema di filtraggio dell’aria molto efficace – senza contare che il filtro può essere facilmente rimosso e lavato – e la capacità di emettere un getto d’aria fredda in maniera omogenea e diffusa, perfetto per raffreddare l’intero ambiente in tempi record.

Potente e preciso

Nonostante sia un prodotto piuttosto economico, Argo Softy è dotato di tutte le funzioni principali ed essenziali per condizionatore deumidificatore portatile. Infatti, oltre all’opzione di raffreddamento, questo apparecchio ci consente anche di scegliere tra la funzione di ventilazione e quella di deumidificazione. Sia che Argo Softy venga utilizzato come condizionatore che come deumidificatore è consigliabile tenere il tubo esterno fuori dalla finestra, mentre quest’accortezza non è necessaria quando è attiva la modalità ventilatore.

La presenza del timer e del telecomando “user friendly”, poi, ci consente di impostare a distanza e in anticipo il momento di accensione e spegnimento del dispositivo. Un unico appunto, il serbatoio per l’acqua incluso ha dimensioni piuttosto ridotte e tende a riempirsi molto velocemente quando Argo Softy viene utilizzato in modalità deumidificatore. Per questo motivo, è consigliabile utilizzare l’opzione di drenaggio continuo che prevede di collegare un tubo alla parte posteriore dell’apparecchio in modo da raccogliere l’acqua in un secchio o in un qualsiasi altro recipiente – in questo modo non saremo costretti a svuotare il serbatoio con troppa frequenza.

Pratico

Pur essendo un prodotto piuttosto economico, Argo Softy vanta una notevole potenza – che si traduce però in consumi piuttosto elevati (anche se non eccessivi). La classe energetica A, infatti, non è proprio la migliore, ma è la più comune nei dispositivi di questo livello. Per quanto riguarda la rumorosità, invece, Argo Softy emette circa 63 dB di rumore quando è a pieno regime anche se la funzione Sleep è in grado di ridurre l’emissione fino a circa 50 dB – è da notare, però, che dopo sette ore in modalità Sleep l’apparecchio si spegne automaticamente.


Trotec Pae 25

Basato su un sistema di vaporizzazione dell’acqua, sprovvisto di tubo esterno e in grado di raffreddare con efficacia qualsiasi ambiente interno di medie dimensioni, Trotec Pae 25 è un prodotto versatile, pratico e molto economico – il miglior alleato di chi ha un budget limitato.

Trotec Pae 25

Miglior raporto di prezzo e qualità

Trotec Pae 25

(3)

Offerta: EUR 129,95 Prezzo: 162,44 Sconto: 32,49 (20%) *

Vai all'offerta

Climatizzatore portatile senza tubo Trotec Pae 25 è il prodotto giusto per chi ha poco spazio a disposizione e per chi non desidera un apparecchio ingombrante ed eccessivamente costoso. Questo condizionatore portatile senza unità esterna misura 33x74x31 cm e pesa appena sette chili – ciò significa che può essere trasportato comodamente da una stanza all’altra, può essere caricato in macchina senza troppi problemi e può essere installato in qualsiasi punto della casa senza il bisogno di avere una finestra vicina.

Per di più, lo spostamento di Trotec Pae 25 da un ambiente all’altro è reso più semplice dalla presenza di quattro rotelle installate alla base e di una pratica maniglia apribile. Pratico, discreto ed efficace, climatizzatore condizionatore senza tubo vanta una portata di 320 m³/h ed ha una potenza di 65 Watt – valori perfettamente nella media per prodotti di questo tipo. Inoltre, le alette frontali ci permettono di direzionare il getto d’aria mentre il filtro per la purificazione dell’aria può essere rimosso e lavato senza problemi.

Ampia capacità di serbatoio

Come la maggior parte dei climatizzatori portatili senza tubo, Trotec Pae 25 è dotato di diverse funzioni aggiuntive che ne aumentano notevolmente la versatilità e l’efficacia. Questo moderno apparecchio vanta ben 4 livelli di ventilazione diversi – perfetti per trovare sempre la temperatura giusta. Trattandosi di un modello che funziona ad acqua, è importante notare che il serbatoio ha una capacità di 6 litri – un valore piuttosto elevato che ci permette di lasciare condizionatori portatili senza tubo di scarico in azione per molte ore consecutive.

In aggiunta al display al led integrato e al telecomando di facile utilizzo, troviamo una pratica funzione timer che ci permette di pianificare il momento dello spegnimento dell’apparecchio – scegliendo tra un lasso di tempo che varia dai 30 minuti alle 8 ore. Inoltre, per evitare che il rumore del condizionatore portatile senza tubo ci disturbi durante la notte, possiamo optare per la modalità Sleep – pensata per ridurre i decibel – mentre per distribuire l’aria in maniera omogenea all’interno della stanza possiamo sfruttare la pratica funzione Swing. Infine, l’opzione Cooling ci consente di aumentare leggermente l’intensità e di accelerare il processo di raffreddamento.

Praticità d’uso

Silenzioso e discreto, Trotec Pae 25 ha consumi piuttosto bassi ed è uno dei modelli più pratici e funzionali che possiamo trovare in commercio. Infatti, anche chi non è molto pratico non troverà alcuna difficoltà ad utilizzare condizionatori portatili senza tubo e riuscirà a sfruttare tutte le potenzialità di questo modello, gestendo i vari programmi e le impostazioni direttamente dal display al Led integrato. Inoltre, per non rischiare che Trotec Pae 25 smetta di funzionare improvvisamente, possiamo tenere sotto controllo il livello d’acqua nel serbatoio grazie ad un indicatore luminoso e rabboccarlo quando è necessario.


Opinioni finali, offerte e prezzi

L’acquisto di condizionatore portatile è consigliato a quanti non dispongono di un impianto di condizionamento fisso e a tutti coloro che ritengono che l’azione di un ventilatore non sia sufficiente ad abbassare le temperature all’interno della propria abitazione. Per orientarci all’interno della vasta gamma di modelli disponibili in commercio dobbiamo avere le idee chiare sulle nostre esigenze, sul budget a nostra disposizione e sul tipo di apparecchio che desideriamo. Una prima distinzione da fare è tra condizionatori portatili senza tubo e quelli con il tubo (o tra modelli con unità esterna e quelli senza); successivamente, possiamo passare ad analizzare la portata, la potenza, le specifiche tecniche, le funzioni aggiuntive, i consumi, la rumorosità e, chiaramente, il prezzo.

Nonostante il costo di un modello portatile sia decisamente inferiore rispetto a quello di un impianto fisso, acquistare un prodotto di qualità può rivelarsi piuttosto costoso – perciò è sempre bene tenere d’occhio le offerte del momento per non perdersi eventuali sconti. Per un compromesso ideale tra qualità e prezzi possiamo orientarci verso i modelli di fascia media – il prezzo di fascia medio alta – come il moderno e pratico Argo Relax.

Per una cifra più che ragionevole è possibile acquistare modelli di ottima qualità e dall’elevato potere refrigerante; un appunto, però, al prezzo dell’apparecchio potrebbe aggiungersi quello dei lavori necessari a creare un foro nella parete per il tubo di scarico – operazione necessaria se non è possibile posizionare il condizionatore portatile silenzioso in prossimità di una finestra. Salendo leggermente di prezzo troviamo i modelli di qualità superiore – come il nuovissimo Argo Softy. Con una fascia di prezzo medio alta possiamo comprare uno dei prodotti top di gamma e qualche offerta conveniente potrebbe anche consentirci di risparmiare delle cifre notevoli.

Infine, chi ha un budget limitato a disposizione non deve necessariamente rinunciare ai benefici dei condizionatori portatili silenziosi, ma può orientarsi verso uno dei modelli più semplici, come Trotec Pae 25, che possono essere acquistati per una fascia di prezzo economica. Al di là della spesa iniziale, però, è importante tenere in considerazione i consumi del climatizzatore portatile in questione. Optare per un modello più economico ma di classe energetica bassa potrebbe consentirci di risparmiare in partenza ma potrebbe far schizzare alle stelle i costi in bolletta. Perciò, prima di procedere all’acquisto è fondamentale prendere in considerazione tutte le varianti e, se possibile, consultare o chiedere le opinioni di altri utenti.

Quale scegliere? (OFFERTE & PREZZI)
Prodotto Offerta / Prezzo Sconto Voto
Argo Relax Argo Relax EUR 369,00 461,25 * EUR 92,25 (20%) (4.2)
Argo Softy Argo Softy EUR 358,95 399,00 * EUR 40,05 (10%) (3.6)
Trotec Pae 25 Trotec Pae 25 EUR 129,95 162,44 * EUR 32,49 (20%) (3)

Domande frequenti

Come funzionano i condizionatori portatili?

Mini condizionatori portatili sono in grado di raffreddare la temperatura all’interno di stanze e ambienti di piccole e medie dimensioni. Sono generalmente dotati di un tubo da posizionare fuori dalla finestra per il riciclo dell’aria ma i sistemi di climatizzazione condizionale portatile senza tubo sono senza unità esterna e risultano più pratici e versatili. Alcuni modelli sono dotati anche delle funzioni di ventilazione, deumidificazione e perfino riscaldamento.

Come si ricaricano i condizionatori portatili?

La maggior parte dei condizionatori portatili con unità eterna funzionano grazie all’ausilio di un gas refrigerante che deve essere ricaricato periodicamente con l’ausilio di un apposito kit – si tratta di un’operazione molto semplice che può essere effettuata anche dai meno esperti senza alcun rischio.

Sono rumorosi?

Condizionatori portatili silenziosi sono i modelli migliori poiché non rischiano di disturbarci – soprattutto durante la notte. L’emissione di rumore si aggira generalmente sui 60-70 dB ma è spesso possibile sfruttare la modalità Sleep per ridurre la rumorosità e diminuire leggermente l’intensità del flusso d’aria.

Quali sono i vantaggi dei condizionatori portatili senza tubo esterno?

Condizionatori portatili senza tubo esterno sono decisamente più pratici – anche se leggermente meno potenti – rispetto ai modelli con il tubo. Climatizzatori portatili senza unità esterna e senza tubo non hanno bisogno di essere posizionati in prossimità di finestre e possono essere spostati con maggior facilità da una stanza all’altra.

Come funziona condizionatore portatile inverter?

Climatizzatore portatile inverter è leggermente più costoso rispetto alla variante on-off ma ci permette di ridurre notevolmente i consumi (e i costi in bolletta) poiché è in grado di accendersi e spegnersi autonomamente per mantenere la temperatura all’interno della stanza sempre costante – ovviamente rispettando i gradi impostati preventivamente.

Di quali funzioni sono dotati?

Questi prodotti sono dotati di diverse funzioni diverse – anche se non tutti i modelli vantano le stesse opzioni. Le più comuni sono le funzioni di autospegnimento, di abbassamento dei decibel, di ventilazione, di deumidificazione, di variazione automatica della temperatura e, in alcuni casi, di riscaldamento. Inoltre, i modelli dotati di timer ci consentono di programmare l’ora di accensione e spegnimento.

Qual è la differenza tra i modelli split e i monoblocco?

I modelli monoblocco sono condizionatori portatili senza unità esterna e sono costituiti da un unico corpo mentre quelli split sono condizionatori portatili con unità esterna che devono essere collegati ad un condensatore installato all’esterno della casa – generalmente in terrazza o in un luogo riparato.

Quanto impiegano a raffreddare una stanza?

Le tempistiche di raffreddamento dipendono da diversi fattori (grandezza della stanza, potenza dei condizionatori portatile, portata d’aria, umidità ecc.). In generale, un modello di fascia media riesce a raffreddare la temperatura all’interno di una stanza di 20-40 metri quadrati in tempi piuttosto brevi. Per una stima approssimativa delle tempistiche basta moltiplicare ogni metro quadrato per un valore di 350 BTU e confrontare il risultato con la potenza del climatizzatore portatile caldo freddo in questione.